Marketing

Intervista SEO: quattro chiacchiere con Riccardo Pellicanò

Tra le tante discipline che si sono imposta nell’epoca della digitalizzazione, nessuna riesce ad attirare attenzione e discussioni (spesso infuocate) come la SEO. Quando parliamo di Search Engine Optimization facciamo riferimento a tutte quelle operazioni che vengono svolte sui siti internet, affinché siano ottimizzati per il motore di ricerca. Un’attività di importanza notevole, perché fare un buon lavoro SEO permette di aumentare il traffico di qualità in entrata. Ma come costruire una strategia SEO efficace? A tal proposito, cosa può esserci di meglio di una intervista SEO dedicata?

Il professionista che abbiamo il piacere di ospitare sul nostro blog è Riccardo Pellicanò, già inserito nella nostra lista dedicata ai migliori SEO italiani.

  • Ciao Riccardo, benvenuto sul blog Keliweb. Puoi fare una piccola presentazione della tua figura professionale?

Ciao e grazie a voi per avermi dato questa opportunità. Lavoro come Seo Specialist da ormai molti anni (15 sigh!). Sono un vero appassionato di questa disciplina che ogni giorno diventa sempre più complessa ma anche più stimolante. Sono pignolo per natura, amo le sfide e mettermi sempre alla prova. Sono spesso critico con me stesso, sento di dovermi migliorare ogni giorno e la SEO in questo senso è un banco di prova ideale per me.

  • Quando hai iniziato a occuparti di SEO?

Ho iniziato ad occuparmi di SEO nel 2007. Prima di allora mi riferisco al 2005, mi occupavo della realizzazione di siti internet e queste 2 competenze sono quelle che hanno accompagnato il resto della mia esperienza professionale. Mi definisco un “Tecnical SEO” poiché amo curare nei minimi dettagli tutti i parametri più tecnici di un sito web. Ho lavorato per molti anni come consulente SEO freelance, seguendo vari progetti per aziende e liberi professionisti in tutta Italia. Nel 2017 sono diventato socio della Total Web, agenzia di comunicazione con sede a Prato (PO) e Quarrata (PT). All’interno della mia agenzia mi occupo di SEO (ovviamente) e curo anche alcuni aspetti da Webmaster.

  • Quali sono, secondo la tua esperienza professionale, i fattori che incidono maggiormente sul posizionamento di un sito sul motore di ricerca?

Davvero difficile rispondere a questa domanda. I fattori di ranking che influenzano il posizionamento organico di un sito web sono davvero tanti. A mio avviso però, per quella che è la mia esperienza personale, ci sono alcuni parametri che pesano più di altri. Mi riferisco in particolare a questi 3:

– Contenuti. I contenuti all’interno di un sito web sono fondamentali. A mio avviso la vecchia regola SEO “Content is King” è sempre valida. Non basta scrivere “in ottica SEO” rispettando i vari tag richiesti, è importante scrivere testi che siano d’interesse per gli utenti, che possano rispondere alle sue esigenze fornendo le risposte che cerca.

– User Experience e velocità di caricamento delle pagine. Google tende a premiare sempre di più un sito ben strutturato dove chi naviga riesce a trovare rapidamente le informazioni che sta cercando. Ecco perché è fondamentale progettare bene l’alberatura di un sito web; è buona norma tenere a mente che idealmente ogni contenuto presente non deve essere distante più di 3 click.

– Backlink. Nonostante non tutti siano d’accordo a mio avviso un sito che riceve link da siti rilevanti e pertinenti al proprio settore, ottiene dei grossi benefici nel posizionamento. La cara vecchia Link Building, se fatta bene, può aiutare a migliorare il posizionamento organico per alcune keyword strategiche.

Fate attenzione però, come precisato sopra questi sono soltanto 3 fattori che Google tiene in considerazione per decidere le posizioni in SERP.

  • Indicizzazione e posizionamento, vuoi sottolineare le differenze per i nostri lettori?

Indicizzazione è quel processo che permette agli spider di Google di scandagliare le varie pagine di un sito web ed inserirlo nel proprio indice, da qui si dice “indicizzare un sito web”.

Il posizionamento invece è composto da tutte quelle operazioni che vengono svolte da un consulente SEO allo scopo di ottimizzare le pagine per migliorare la posizione all’interno dei risultati di ricerca per determinate keyword. Poiché queste ottimizzazioni vanno svolte direttamente all’interno del sito web, si parla di SEO On-Site. La link building invece, che viene svolta all’esterno del sito web, è una tecnica di SEO Off-page.

C’è poi qualche “guru del web” che si spaccia per “seo” che chiede soldi per indicizzare un sito web, ma questa è un’altra storia!

  • Ti piace considerarti un “tecnical SEO”, puoi dirci quali sono gli aspetti tecnici da curare nel dietro le quinte di un sito internet che possono poi dare dei vantaggi SEO?

Un sito deve essere “responsive” ovvero deve adattare il proprio layout in base al dispositivo che lo sta navigando. Inoltre non deve contenere troppi Javascript o CSS inline, meglio lavorare con fogli di stile esterni. Le immagini vanno caricate nel formato WEBP che è molto più leggero e performante e se possibile io consiglio sempre di attivare una CDN, ossia una rete di server che si trova in varie aree geografiche e consente di evitare ritardi nei caricamenti dei contenuti. E non dimenticate la velocità di navigazione, soprattutto su mobile è uno dei fattori di posizionamento chiave!

  • La velocità di caricamento dei siti internet è un fattore di ranking che incide tanto in ottica SEO? Vuoi sottolineare i motivi che rendono un servizio web hosting veloce una condizione essenziale per raggiungere le prime posizioni su Google?

Negli ultimi 20 anni i cellulari hanno preso sempre più campo, oggi si riesce a fare quasi tutto con uno smartphone, tanto che le statistiche ci dicono che oltre l’80% degli accessi alla rete arrivano da mobile. Questa enorme crescita, dovuta anche dalla diffusione dei Social Media, ha cambiato radicalmente le nostre abitudini; oggi si fa di tutto con lo smartphone, si inviano email, chat, acquisti, giochi, ecc… Spesso ci troviamo fuori casa dove la rete non è così performante come in ufficio oppure a casa, ecco allora che entra il gioco il fattore velocità. La velocità di navigazione di un sito web, soprattutto su mobile, è sempre più importante per Google ed un sito web se vuole raggiungere le prime posizioni su Google deve essere veloce. Ovviamente anche la scelta dell’hosting gioca un ruolo fondamentale nella lotta al posizionamento. Un hosting condiviso può essere un buon punto di partenza per un piccolo blog, ma quando il progetto cresce oppure nel caso in cui abbiamo a che fare con un e-commerce o un marketplace dove ci possono essere più utenti attivi contemporaneamente, è necessario valutare alternative più performanti come una VPS oppure un server dedicato.

  • Sei nostro cliente già da un po’ di tempo. Se dovessi consigliare la nostra azienda, lo faresti per quali motivi?

Lavoro ormai con Keliweb da diverso tempo. Ho alcuni miei server dedicati configurati ad-hoc in base alle mie esigenze sui quali risiedono i siti dei miei clienti. Ci sono diversi aspetti che mi piacciono della vostra realtà, ma se devo dire con esattezza dove Keliweb si distingue rispetto alla concorrenza è senza dubbio l’assistenza tecnica. Velocità, competenza e cordialità sono 3 prerogative di Keliweb, quando hai una necessità, ti basta aprire un ticket e spesso nel giro di pochi minuti hai un primo riscontro. E vi assicuro che quando un sito di un cliente va giù e lui ti chiama per chiedere spiegazioni, avere un partner come Keliweb è fondamentale per poter risolvere in modo rapido!

  • Vuoi raccontarci qualcosa della tua esperienza con l’agenzia Total Web?

Fino a qualche anno fa io e i vecchi proprietari di Total Web eravamo concorrenti! Proprio così, io avevo progettato un mio sito (www.codicerisparmio.it) che ancora è per me un vanto poiché è uno dei principali siti in Italia di coupon, mentre la Total Web era proprietaria di un sito similare (www.doverisparmiare.com). CodiceRisparmio era un progetto consolidato che mi portava delle belle soddisfazioni a livello economico, mentre DoveRisparmiare annaspava ad emergere rispetto ai sempre più agguerriti competitor. Un giorno mi arriva una email dai 2 soci di Total Web dove mi chiedevano un incontro per provare ad instaurare una forma di collaborazione. “Uniamo le forze invece che farci la guerra”, questo è quello che mi dissero all’epoca. Da quell’incontro sono scaturite le basi per il mio ingresso come socio in azienda che sarebbe avvenuto pochi mesi dopo. Quando si dice che il destino a volte gioca brutti scherzi!

  • Quale sarà secondo te la prossima evoluzione della SEO? Inciderà tanto la ricerca vocale, o pensi che siano altri i fattori che influenzeranno il settore?

La ricerca vocale avrà sicuramente un impatto importante nella SEO, in parte è così già adesso. Le persone che effettuano ricerche utilizzando la propria voce sono sempre di più, anche per via della diffusione degli assistenti virtuali come Alexa e Google Home.

Quello che secondo me assumerà sempre più valore è il Search Intent ovvero l’intento di ricerca. Oggi parlare di keyword è diventato troppo riduttivo. Google a mio avviso premierà sempre di più le pagine che soddisfano gli intenti di ricerca delle persone. Una pagina web con un contenuto che soddisfa un’esigenza specifica di ricerca, sarà premiata con un miglior posizionamento.

Back to top button