GuideTutorial

Come velocizzare WordPress: 5 consigli (+1) da seguire

Decidere di utilizzare WordPress per la gestione del proprio sito web è una delle migliori idee tra quelle che potresti avere, almeno con riferimento a internet. Parliamo infatti del software più usato nel mondo, con una quota di oltre il 40% nel mercato dei CMS. Un vero e proprio monopolio, che ha messo tutti gli altri software nello scomodo ruolo di “alternative”. WordPress è dunque la miglior scelta possibile, ma è sufficiente per garantire il successo di un progetto web? Ovviamente no, dovrai metterci del tuo affinché le cose vadano nel migliore dei modi. Ci sono però alcuni consigli che possiamo darti per fare in modo che il tuo sito web non sia mai troppo lento, cosa che potrebbe provocarti non pochi problemi per il raggiungimento degli obiettivi. Hai un sito WordPress ma non sei soddisfatto delle prestazioni? Bene, prenditi qualche minuto e leggi con attenzione questo articolo: per te ci sono dei suggerimenti molto utili su come velocizzare WordPress.

Come migliorare la velocità di un sito WordPress

Da un po’ di tempo a questa parte il tuo sito risulta troppo lento, come confermato anche dagli speed test fatti con strumenti come Google PageSpeed. Questo è un bel problema. Se il tuo sito/blog è lento, gli utenti non saranno granché invogliati a navigare tra le varie pagine. Probabile che vadano via dopo un paio di tentativi, con la ferrea decisione di non tornare più sul tuo sito. Un’eventualità assolutamente da evitare. Già, ma come?

Ci sono diverse cose che puoi fare per velocizzare WordPress, che potremmo anche definire con l’espressione “sistema usato sicuro” che fa un po’ film d’azione americano. Al di là delle battute, se il tuo sito è troppo lento non devi disperare o pensare di cancellare tutto. Ci sono diverse cose che puoi fare per far tornare il sito ai fasti di un tempo e fargli vivere una “seconda giovinezza”.

5 consigli per velocizzare WordPress

Abbiamo detto che un sito lento pregiudica tutta la bontà del tuo lavoro, perciò bisogna escogitare qualche stratagemma per far sì che ciò non si verifichi. A seguire troverai alcuni consigli per aumentare la velocità di un sito WordPress, tramite una serie di semplici operazioni che possono essere svolte senza problemi anche da chi non ha grande esperienza con l’informatica.

# Consiglio 1: scegli un hosting ottimizzato

Quando parliamo di velocità di un sito facciamo riferimento essenzialmente ai tempi di caricamento delle pagine web. Il primo consiglio che possiamo darti in merito al miglioramento delle performance di un sito, riguarda la scelta del servizio web hosting.

Un hosting è lo spazio web che ospita il sito su un server, e da cui ne dipendono in gran parte prestazioni e affidabilità. I web provider (come Keliweb) forniscono diverse tipologie di hosting, tra cui anche delle soluzioni ottimizzate per WordPress. Questi piani ottimizzati permettono di sfruttare al massimo le enormi potenzialità del CMS, grazie a una serie di risorse capaci di aumentare (ed espandere) le potenzialità di un sito internet, di un blog o anche di un e-commerce.

hosting wordpress

# Consiglio 2: comprimi le immagini

Le immagini sono elementi molto importanti all’interno delle pagine web, sia che si tratti di pagine di un sito che di articoli di un blog, o ancora di singole pagine prodotto di uno store online. Le immagini hanno comunque un loro “peso”, che dev’essere alleggerito prima che vengano pubblicate sul sito. Senza un lavoro di ottimizzazione delle immagini, esse andranno a incidere negativamente sui tempi di caricamento.

Cosa fare quindi? Ogni qual volta vorrai pubblicare un’immagine sul tuo sito, dovrai comprimerla. Comprimere le immagini significa sostanzialmente ridurre il loro peso specifico, riducendo il numero di byte. Esistono dei tool online che permettono di svolgere questa importantissima operazione, come per esempio Tiny PNG. Diminuire il peso delle immagini è già un primo passo, ma non dimenticare di ottimizzarle tutte seguendo quelle che sono le “indicazioni” della SEO. Ricordati quindi di inserire il nome dell’immagine, separando le parole con un trattino.

# Consiglio 3: elimina i plugin inutili

Una dei punti distintivi di WordPress è l’immensa quantità di plugin che possono essere scaricati e installati, dall’apposita sezione nominata appunto Plugin, in qualunque momento. Ci sono tantissimi plugin utili per una sconfinata tipologia di cose, come il famoso WooCommerce che trasforma WordPress in un software adatto per creare e gestire un’attività di commercio elettronico.

Lettura consigliata: tutto quello che devi sapere su come creare un e-commerce con WordPress e WooCommerce.

In che modo i plugin possono incidere (negativamente) sulla velocità di caricamento di un sito? Se scarichi tantissimi plugin, che magari per la maggior parte non userai mai, allora potresti “ingolfare” WordPress. Ecco quindi cosa devi fare per velocizzare WordPress: fai un’indagine approfondita su tutti i tuoi plugin, chiediti di quali di essi hai effettivamente bisogno ed elimina tutti i plugin che non ti servono. Libera spazio. Scarica e installa solo i componenti aggiuntivi di cui hai davvero bisogno, ma libera il sito da plugin le cui funzionalità che non userai mai.

# Consiglio 4: scegli un tema professionale

Presentarsi con un sito web bello, inteso dal punto di vista del design, è il sogno di ogni utente. Utilizzando WordPress avrai la possibilità di scegliere tra un’ampia gamma di template, sia gratuiti che professionali (quindi a pagamento). La scelta del tema è molto importante, perché come ti presenti agli utenti incide parecchio sulle tue eventuali fortune nel mondo digitale.

Così come detto per i plugin, anche per quel che riguarda il tema ti consigliamo di essere cauto. Scegli un bel tema con un design accattivante ma semplice, evita quindi temi troppo creativi. Magari sei impossessato dalla voglia di sorprendere il pubblico, ma se sceglierai un tema complesso e ricco di particolarità rischierai non solo di non avere un’identità ben definita ma anche di rallentare il sito. Ecco perché il consiglio che possiamo darti in tal senso è questo: design professionale ma pulito, pochi fronzoli. Crea una presenza online professionale, discreta, sobria.

# Consiglio 5: occupati della cache (con un apposito plugin)

Quando un utente cerca di raggiungere un sito, il server si ritrova a dover gestire le richieste. Il compito della macchina è quello di restituire una serie di contenuti, ovvero mostrare i contenuti presenti all’interno della pagina del sito che si sta cercando di raggiungere. Questa operazione può rallentare il server, soprattutto se la pagina in questione contiene dei contenuti molto pesanti, per esempio foto ad alta risoluzione, video e quant’altro.

In tuo aiuto ci sono, anche in questo caso, dei plugin. Perché utilizzare dei plugin cache? Perché grazie a essi, i contenuti delle pagine vengono visualizzati in una copia temporanea creata proprio dai plugin, senza andare a pesare sul server. Un grande aiuto per non intaccare le prestazioni del sito. Ci sono alcuni plugin di caching per WordPress che vogliamo citare:

# Consiglio bonus: usa la CDN

Scegliere un servizio di hosting affidabile è il primo passo, ma potrebbe non bastare per chi ha una clientela dislocata in diverse zone del mondo. Questo perché gli utenti di altre nazioni, per collegarsi al tuo sito, dovranno richiedere i contenuti a un server che si trova geograficamente lontano da loro. Questo comporta degli inevitabili rallentamenti del sito, con tutte le nefande conseguenze per chi si trova a gestire clienti che si trovano in altri Paesi.

Ecco perché ti consigliamo di utilizzare una CDN! Con questo servizio, i contenuti statici del tuo sito (quelli che pesano tanto come immagini, file, JavaScript ecc) vengono replicati con la stessa velocità in ogni parte del globo. Questo comporta diversi vantaggi, tra la soddisfazione degli utenti ai benefici in ottica posizionamento SEO, per non parlare della crescita delle prestazioni del CMS.

Ora puoi testare gratis la CDN Keliweb (i primi 10 GB), per renderti conto degli effettivi vantaggi per la tua attività online.

Per concludere

Come hai potuto leggere nell’articolo, ci sono diversi modi per velocizzare un sito WordPress. Perché rassegnarsi a lunghi tempi di caricamento, con tutte le conseguenze negative del caso? Cambiare le cose è possibile, basta mettere in atto qualcuna delle operazioni consigliate e vedrai la differenza.

Se vuoi fare qualche domanda a riguardo, lascia un commento qui sotto. 🙂

Lascia un commento

Back to top button