GuideTutorial

5 consigli per web designer

In un mondo ormai sempre più digitalizzato, in cui il web rappresenta la nuova terra di conquista per imprenditori e commercianti, ci sono alcune figure professionali che iniziano ad avere un’importanza difficilmente quantificabile. Se per lavorare e concludere affari diventa necessario per un’azienda creare un sito web, è chiaro che quei professionisti capaci di progettare un sito dal nulla diventano figure appetibili e assai richieste. Nuove opportunità di lavoro per tanti professionisti del digitale che possono mettere in mostra il proprio talento. Ed è proprio di talento e creatività che dev’essere dotata una delle figure professionali maggiormente richieste negli ultimi anni: il web designer. In questo articolo parleremo appunto degli specialisti del Web Design, con una serie di suggerimenti che potranno essere davvero utili a chiunque sia deciso a cimentarsi in questa tipologia di professione. Continua a leggere per saperne di più sui nostri consigli per web designer.

Chi è il web designer

Parlando di Web Design si potrebbe pensare, a primo impatto, che coloro che operano in questo campo si occupino solo dell’aspetto grafico di un sito. Un errore comune che sminuisce in un certo senso l’importanza del web designer.

Quello che chiamiamo web designer è in realtà un vero e proprio specialista nel realizzare siti web, non solo da un punto di vista grafico. Anche per quel che concerne la funzionalità, l’usabilità, la struttura. Il web designer utilizza vari strumenti per definire l’aspetto delle singole pagine web, ma anche per creare la struttura del sito che possa rispondere al meglio ai concetti di user experience e della SEO.

registra dominio

Possiamo perciò dire che il web designer è quello specialista che, una volta recepite le esigenze del cliente, si occuperà di progettare il sito. Questo dovrà rispondere al meglio a tutte le esigenze, sia da un punto di vista strutturale e di usabilità che per l’aspetto grafico.

Un professionista in grado di fornire il meglio sia da un punto di vista della grafica che di usabilità del sito sarà molto apprezzato dalle aziende desiderose di avviare quel processo di digitalizzazione ormai fondamentale, soprattutto in tempi come questi segnati dalla pandemia.

5 consigli per chi vuole lavorare nel Web Design

La maggior parte dei siti di imprese e attività commerciali vengono costruiti seguendo una certa “grammatica”, per avere benefici sia da un punto di vista della reputazione che di posizionamento sui motori di ricerca. Un esempio su tutti è la capacità di un sito di adattarsi ai formati dei vari dispositivi mobili, per permettere agli utenti di navigare sul sito d qualsiasi device. Tutti coloro che desiderano lavorare nel campo del Web Design devono intraprendere un percorso formativo ben preciso, per arrivare ad avere tutte le conoscenze necessarie per svolgere questo tipo di professione.

Lettura consigliata: ecco una lista di 10 skills essenziali per web designer.

# Conoscere i trend del momento

Un bravo professionista (web designer o altra figura) ha una capacità di base, quella di essere sempre aggiornato sui nuovi trend. Per quanto possa apparire inutile dirlo, sia che tu sia un giovane designer che ha appena consolidato la sua formazione con un nuovo ed entusiasmante lavoro o che tu sia un professionista del web ormai da anni, rimanere aggiornati sui nuovi design trend, tecnologie e andamento di mercato è fondamentale! Un punto di partenza che inciderà in maniera notevole sulla qualità dei tuoi lavori, che saranno così sempre in linea con le tendenze del momento e che proprio per questo andranno incontro al gusto del pubblico (con tutti i vantaggi che ne conseguono). Sperimenta stili alternativi, proponi nuovi framework e impara nuovi software! Questo ti aiuterà a mantenere alta la motivazione, la creatività e quindi anche la qualità dei progetti a cui lavori oltre che renderti molto appetibile come professionista;

# Stare sempre sul pezzo

Le giornate di un professionista possono essere lunghe, soprattutto se a causa della pandemia lavori in modalità Smart Working. La noia e la ripetitività possono giocare brutti scherzi, prosciugando man mano la tua vena creativa. Ecco perché può essere molto utile organizza il proprio tempo a seconda delle varie attività da svolgere. In questo modo si potrà spezzare la monotonia e allontanare il pericolo che sopraggiunga quel momento di burnout creativo che può essere paragonato al classico blocco dello scrittore. Un web designer senza ispirazione sarà notevolmente depotenziato, e i lavori svolti ne risentiranno di certo. La parola d’ordine è dunque organizzazione! Prova a dividere la tua giornata lavorativa su attività differenti tra loro. In questo modo eviterai cali di concentrazione e di produttività!

# Saper comunicare le proprie idee

Se stai pensando che il web designer è un professionista chiuso nella sua stanza e che mai dovrà confrontarsi con altri, stai commettendo un grosso sbaglio. Se farai questa professione dovrai lavorare sodo sulla tua comunicazione. Altro che professionista chiuso in se stesso. Il web designer è uno specialista che, oltre alla proprie capacità tecniche, deve saper comunicare con un gran numero di persone, Pensa a clienti, sviluppatori, manager, analisti aziendali, altri designer e, ovviamente, il pubblico di destinazione. Le soft skills giocano un ruolo importante quando un designer sta progredendo verso livelli intermedi e avanzati. Se non riesci a comunicare la tua idea in modo chiaro e argomentando il perché delle tue scelte progettuali, per quanto tu possa aver fatto un ottimo lavoro, non sarà presa in considerazione. La sostanza è questa: puoi avere tutto il talento del mondo, ma se non saprai comunicare la tua idea e lavorare in team, allora diventerà davvero difficile farti apprezzare nel mondo del lavoro.

# Conoscenze nel campo della programmazione

Coding Skills: tra le community di Digital Design, il movimento “no-code” sta prendendo sempre più piede fino ad arrivare anche in Europa. Pensiamo per esempio ai site-builder su CMS: essi permettono anche ai designer più esperti di convertire le loro idee creative in prodotti digitali senza l’aiuto di un developer. Sembrerebbe tutto perfetto, la scusa che stavi cercando per evitare di avere conoscenze quei noiosi e grigi linguaggi di programmazione così distanti dalla sfera creativa in cui ti senti a tuo agio. Ma la verità è che c’è sempre un limite all’accuratezza che questi strumenti possono raggiungere. Perciò mettiti l’anima in pace e prendi consapevolezza del fatto che dovrai conoscere la base dei linguaggi di programmazione web. Possiamo citare HTML/CSS,ma anche JavaScript/Jquery. Linguaggi che possono darti grossi vantaggi come progettista proprio per comprendere le reali potenzialità delle tecnologie che utilizzi o che utilizzerà il team di sviluppo. Questo porterà anche ad avere una comunicazione più lineare e dettagliata con gli sviluppatori con cui lavori.

# Tieni in grande considerazione il parere degli utenti

Puoi avere tanta autostima ma l’errore più grande che puoi commettere è quello di non voler accettare eventuali critiche e/o osservazioni. Un atteggiamento errato che ti porterà in un vicolo cieco. La verità è che il feedback degli utenti non ha prezzo! Una volta pubblicato un nuovo sito o prodotto digitale, è importante tener traccia di come gli utenti interagiscono con quest’ultimo. Se incontrano difficoltà, il team di progettazione dovrà rivedere l’elenco delle potenziali soluzioni e strategie. Questo per stabilire nuovi modi per risolvere gli stessi problemi. La fase di Testing, nel Design Thinking, implica la generazione di feedback degli utenti in relazione al prodotto o al servizio. Inoltre permette di acquisire una comprensione più profonda dei tuoi utenti.

Perché il web designer è così ricercato dalle imprese

Dopo una serie di consigli per web designer che, puoi contarci, ti aiuteranno a migliorare come professionista, c’è da rispondere a una domanda specifica. La domanda è: perché il web designer è così richiesto dalle imprese?

In parte abbiamo già risposto nei primi paragrafi, ma vale la pena riprendere il discorso per approfondire il concetto.

Crescono di mese in mese il numero di imprese che decidono di procedere con l’innovazione digitale, portando tutto il proprio lavoro su internet. È chiaro che un Brand dovrà fare in modo che questo passaggio avvenga nelle giuste modalità, con ogni tassello messo al suo posto. In quest’ottica di trasformazione, la figura del web designer diventa un tassello cardine. È il web designer che dovrà infatti occuparsi della definizione dell’aspetto del sito aziendale. Lavorerà non solo in termini di grafica ma anche di usabilità delle pagine. Si occuperà anche della struttura dell’interfaccia e della definizione di ogni singolo tassello (per esempio le call to action) che dovranno essere presenti nelle singole pagine.

L’esperienza utente è uno dei tasselli principali su cui costruire le fortune di un’attività online. Un sito che permette una buona esperienza di navigazione avrà maggiori possibilità che l’utente arrivi a concludere l’azione che ci si è prefissati. Un esempio può essere l’acquisto di un servizio sul sito. Ecco quindi spiegato perché imprese e attività commerciali sono così decise a trovare web designer. Le competenze di questo professionista sono quelle che, insieme ad altre figure come il web developer, il content editor e il social media marketer, determinano la costruzione di una strategia di marketing professionale e di un’identità online che rispecchi i valori e le peculiarità di un’azienda.

Per concludere

Questi nostri consigli per web designer possono essere una buona base di partenza per costruire il tuo percorso professionale. Le opportunità per chi si occupa di Web Design sono davvero ghiotte, per tutti i motivi di cui sopra. Prosegui con il percorso di studi che hai intrapreso e continua a fare esperienza per diventare uno specialista apprezzato e richiesto sul mercato del lavoro.

Lascia un commento

Back to top button