E-Commerce

E-Commerce per ristoranti: la grande opportunità per ristoratori e produttori

Stiamo vivendo mesi molto particolari, con l’emergenza sanitaria che ha stravolto le abitudini e lo stile di vita a cui eravamo abituati. Vita difficile soprattutto per chi lavora a stretto contatto con il pubblico, il cui lavoro è stato messo in seria difficoltà dalle restrizioni, dal coprifuoco e soprattutto dall’orario di chiusura alle 18. Una situazione complessa che sta provocando ingenti danni e perdite economiche a un numero imprecisato di imprenditori in tutta Italia. Esiste però una “via d’uscita”, che in tanti hanno già seguito per non farsi schiacciare dalla crisi. Stiamo parlando del commercio elettronico e della possibilità di vendere cibo online. Se sei un ristoratore e vuoi mettere la parole fine a un periodo così complesso, continua a leggere questo articolo per sapere come aprire un e-commerce per ristoranti.

E-Commerce per ristoranti e pizzerie

Ristoranti, pizzerie, pub… sono tante le attività che operano nel settore alimentare che hanno visto, negli ultimi mesi, un drastico calo del fatturato a causa della pandemia. Situazione difficile anche per produttori agricoli e artigiani. Insomma, una vera e propria debacle. Come accennato in apertura, c’è un modo per superare questo stallo e riprendere l’attività in modo completo. Il metodo è quello di aprire uno store e-commerce in cui gli utenti possano consultare il menù, scegliere i prodotti e acquistarli direttamente dal sito. Le cibarie saranno poi recapitate con il servizio di consegna a domicilio o sarà il cliente stesso a ritirare l’ordinazione davanti il luogo convenuto, nel totale rispetto delle regole anti-Covid. Intraprendere questa via significa salvare gli affari e fare in modo che attività come ristoranti, pizzerie, pub (e anche i supermercati, per poter fare la spesa online) e tutti coloro che lavorano nella filiera alimentare possano riprendere a lavorare a pieno regime.

hosting e-commerce

Chi può vendere online

Aprire un e-commerce comporta ovviamente degli investimenti, che non si avvicinano nemmeno a quelli che servono per aprire un ristorante “fisico” ma che comunque vanno ponderati. Ci sono diversi costi da tenere in considerazione, sia per la costruzione del sito e-commerce (ci arriveremo dopo) sia per quel che concerne la pubblicità e le campagne promozionali sui Social Media e sul motore di ricerca. Oltre ai costi, ci sono poi tutti gli aspetti burocratici da rispettare.

Ne abbiamo parlato in un nostro articolo che ti consigliamo di leggere: un elenco esaustivo degli adempimenti necessari per un e-commerce.

Tutto l’occorrente per vendere cibo online

Dopo essersi occupati dei vari aspetti burocratici, vediamo quali sono i servizi su cui un commerciante deve investire per poter lanciare il proprio e-commerce, così da poter permettere ai clienti di acquistare online i prodotti alimentari. Il passaggio al digitale non dev’essere visto solo come un modo per uscire dall’emergenza, ma un vero e proprio modello su cui ridisegnare il modo di lavorare. Non è solo ora che ristoranti e pizzerie stanno puntando sul settore e-commerce. Il Covid non ha fatto altro che accelerare un processo già avviato da diversi anni, con tantissimi ristoranti già presenti sul web con il proprio sito in cui l’utente può valutare il menù e prenotare un tavolo direttamente online.

Ecco una lista di tutto l’occorrente per lanciare un’attività di e-commerce food:

  • Dominio: l’indirizzo web che gli utenti inseriranno nella barra di ricerca del browser per collegarsi al sito del ristorante. Il nome dominio sarà il biglietto da visita dell’attività, con la parte centrale (il nome) che potrà contenere il nome del ristorante. C’è poi l’estensione del dominio, che può essere sia classica (come il .IT e il .COM) che innovativa e capace di indicare il proprio settore di appartenenza (come il .RESTAURANT o il .PIZZA).
  • Hosting: il servizio di hosting è la “casa” di un sito web, anche ovviamente siti di e-commerce. Ci sono diverse soluzioni di hosting, alcune particolarmente indicate per il commercio elettronico come i piani ottimizzati hosting PrestaShop (scontato del 30% fino al 28 febbraio 2021) e hosting WordPress (con cui gestire uno shop online con WooCommerce).
  • Software per gestire il negozio: serve un apposito software per gestire il negozio online, gli ordini e la vetrina prodotti. Tra i vari CMS consigliati per il commercio elettronico ci sono i già citati WooCommerce e PrestaShop, oltre a Magento.
  • Creazione catalogo: dopo aver messo su il sito del ristorante, bisogna curare la pagina del menù con foto professionali delle pietanze che possono essere acquistate online.
  • Scelta dei metodi di pagamento: indicare nel proprio e-commerce tutti i metodi di pagamento che l’utente può utilizzare per fare acquisti.
  • Lavoro di SEO Copywriting e Social Media Marketing: far conoscere il sito di un ristorante è il tassello chiave per avere nuovi clienti. L’attività promozionale su internet prevede l’utilizzo dei social network, su cui è possibile interagire con gli utenti e creare campagne pubblicitarie. Fondamentale poi è il contenuto testuale del sito, che dovrà contenere specifiche parole chiave per ben posizionarsi sul motore di ricerca.

I vantaggi di un e-commerce per ristoranti, pizzerie e produttori

Chiunque gestisca un ristorante e sia deciso a vendere prodotti alimentari online, l’idea di puntare al settore ecommerce food sarà una delle migliori mai prese, e non solo per fronteggiare la crisi odierna. Ci sono infatti tantissimi vantaggi per coloro che decidono di fare questo grande passo al digitale, eccone alcuni:

  • Minori costi di gestione
  • Aumento del numero di clienti
  • Migliorare la propria reputazione
  • Promuovere la qualità dei propri prodotti
  • Potersi rivolgere a una platea sempre più numerosa
  • Sicurezza dei pagamenti
  • Avere un rapporto diretto con i clienti
  • Essere riconoscibile costruendo un proprio linguaggio
  • Possibilità di avere una comunicazione al passo coi tempi
  • Aumento dei guadagni, anche in questo periodo di crisi

Per concludere

Il settore food è senza dubbio tra quelli più colpiti a causa della pandemia. Una situazione di cui non si vede ancora la fine, almeno non nel breve. Il web permette a ristoratori e produttori di reggere l’urto del Covid e di continuare a guadagnare anche in tempo di pandemia, con possibile crescita in termini di immagine e di numero di clienti.

Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button