GuideTutorial

Guida ottimizzazione WordPress: come far rendere al massimo il CMS

Per far si che il tuo sito WordPress abbia successo e riesca a contrastare la concorrenza agguerrita online, è bene che tu utilizzi tutti gli strumenti necessari per dare una marcia in più al tuo progetto e renderlo quanto più interessante possibile. Come fare? Basta seguire alcuni semplici step per rendendolo più popolare agli occhi di Google e degli utenti. Nel nostro articolo vogliamo offrirti una piccola guida ottimizzazione WordPress, per migliorare le performance del tuo sito web e il posizionamento sui principali motori di ricerca.

Cosa vuol dire ottimizzazione

Creare un sito web e metterlo in rete non è sufficiente per lanciare la tua attività online. Che si tratti di un blog, un sito o un e-commerce non fa differenza.

Approfondimento: scopri subito quali tipologie di siti puoi creare con WordPress.

Il web è estremamente vasto e la concorrenza molto agguerrita, devi utilizzare quanti più modi possibili per emergere tra la folla di siti e progetti che vengono lanciati giornalmente su internet.

Il modo migliore per riuscire nell’impresa è lavorare giornalmente per migliorare ogni aspetto del tuo sito web, come ti esponiamo in questa breve guida all’ottimizzazione di WordPress.

Ottimizzare vuol dire migliorare aspetti come la comunicazione, la gestione dei contenuti, la sicurezza, la visibilità sui social e altro ancora. Lavorando sui questi aspetti potrai ottenere un miglior posizionamento sui motori di ricerca e in SERP.

# Scegli il dominio e l’hosting giusti

I primi elementi a garantire un buon posizionamento sui motori di ricerca sono il dominio e il servizio hosting.

Il dominio è la carta di presentazione online del tuo sito web, ciò che attira l’attenzione degli utenti, che li incuriosisce e li spinge a cliccare. É importante dunque che tu scelga un nome dominio semplice e breve da ricordare.

L’hosting è lo spazio web che andrà a ospitare il tuo sito web e che lo renderà raggiungibile e visibile in rete.

Devi dunque scegliere un servizio hosting (e un provider) che ti garantisca altissime performance, sicurezza, continuità di servizio e un uptime estremamente alto. Tutti questi elementi ti garantiranno tempi di caricamento rapidi, essenziali per incoraggiare gli utenti a visitare e tornare sul tuo sito web. Un sito web sempre online e soprattutto veloce sono importantissimi ai fini del posizionamento sui motori di ricerca.

Keliweb propone 4 differenti piani hosting WordPress per ogni tipo di sito web ad attività a partire da 29,90 € /anno + IVA. Tutti i piani includono, tra le altre cose:

  • Dominio gratis per sempre
  • Fino a 8 GB di RAM dedicata
  • Fino a 100 GB SSD spazio web
  • Database MySQL illimitati
  • Account email illimitati
  • Pannello di controllo cPanel
  • Backup Plus
  • Certificato SSL e HTTP/2
  • Supporto h24

I piani WordPress Premium e WordPress Corporate offrono inoltre l’opzione multisito, permettendoti di gestire più siti tramite un unico pannello di controllo.

hosting wordpress

Grazie ai nostri piani avrai a disposizione tutti gli strumenti di cui hai bisogno per creare un sito WordPress di successo e performate, a un prezzo bloccato per sempre, senza sorprese e costi nascosti!

# Usa le parole chiave

Le keywords giuste inserite nei testi possono fare una grande differenza e sono una parte essenziale del nostro percorso all’ottimizzazione di WordPress.

Fai una ricerca delle parole chiave più utilizzate relative ai prodotti o ai contenuti inerenti alla tua attività, utilizzando ad esempio strumenti come SEMrush e monitora il loro andamento, giornalmente se necessario.

Utilizza nei tuoi contenuti sempre una keyword principale, inseriscila nel tag title, nella meta description e nel primo paragrafo di un articolo o di un contenuto.

WordPress ti dà una grande mano in merito alla costruzione dei contenuti. Quando ad esempio crei un articolo o un testo ti offre suggerimenti su come migliorare la leggibilità e la SEO – basta guardare i box in basso a sinistra – oppure su quante volte e dove inserire keywords, link interni ed esterni in modo da migliorare l’indicizzazione dei contenuti.

Lettura consigliata: tutto quello ch c’è da sapere su come funziona Ubersuggest, lo strumento utile per trovare le parole chiave.

# Crea contenuti e immagini di qualità

Le keywords e tutti gli accorgimenti legati alla SEO sono importanti ma lo sono anche i contenuti e le immagini che inserisci sul tuo sito web, che vengono monitorati e premiati o meno da Google.

Non basta scrivere un contenuto e riempirlo di keywords: deve suscitare anche un interesse tale da attirare e “trattenere” gli utenti il più possibile sul tuo portale.

È importante poi che i contenuti non vengano “abbandonati a se stessi”: aggiornare i vecchi testi è un’operazione importante quanto la scrittura di nuovi contenuti. Correggi i link interrotti. I link non funzionanti sono un elemento estremamente penalizzante per Google.

Ci sono diversi modi per riparare i link non funzionanti sul tuo sito WordPress. Il primo è semplicemente verificarli nella Google Search Console. Questo è un motivo per cui ti consigliamo di utilizzare questa piattaforma.

Ulteriore consiglio in merito ai contenuti è costruire backlink di qualità che sono ancora molto importanti quando si tratta di SEO WordPress. Sono usati da Google per contabilizzare la domain authority e per mostrare che esiste un altro sito rilevante o importante che include informazioni simili a quelle proposte da te.

Quando un sito con alta autorità di dominio si collega al tuo, fa molto di più di quanto si possa pensare.

Ricorda inoltre di ottimizzare e aggiornare non solo i contenuti ma anche le immagini. Ti diamo un suggerimento: indicizza le immagini del tuo sito se utilizzi una CDN.

# Traduci il tuo sito

Il fatto che utilizzi una CDN vuol dire che tieni al fatto che i tuoi contenuti siano visualizzati con la stessa velocità e qualità in ogni parte del mondo. Perché allora non tradurre il tuo sito web?

Renderlo accessibile a un bacino di persone più vasto ti dà anche la possibilità di acquisire utenti e clienti da ogni parte del mondo.

Ovviamente il successo di questa operazione dipenderà anche dal tipo di prodotti trattati e dalla eventuale posizione geografica del tuo business ma è un elemento interessante da considerare nel momento in cui decidi di procedere all’ottimizzazione di WordPress.

# Crea un sito responsive

Ottimizzare vuol dire anche far si che il tuo sito possa essere visualizzato correttamente da ogni tipologia di dispositivo mobile e non solo da desktop.

La maggior parte delle ricerche online oggi è effettuata tramite device come smartphone o tablet ed è dunque importante che i tuoi utenti riescano ad accedere e visualizzare le pagine del tuo sito con la stessa qualità della versione desktop. I siti web responsive sono infatti premiati da Google.

# Attiva un Certificato SSL

Il protocollo HTTPS è un elemento importantissimo di ranking per Google. Per utilizzarlo è essenziale installare un Certificato SSL sul tuo sito web.

La presenza di un Certificato SSL attivo sul tuo sito è anche un modo per mettere in evidenza l’affidabilità del tuo portale agli occhi degli utenti che dunque si sentiranno al sicuro grazie alla crittografia dei dati fornita dal protocollo HTTPS.

Il Certificato digitale SSL è uno strumento molto importante anche per l’integrazione sui social network. Ad esempio Facebook richiede obbligatoriamente l’utilizzo di connessioni HTTPS per gestire applicazioni esterne e tab personalizzate.

Per concludere

Gestisci un sito WordPress e vuoi farlo rendere al massimo delle possibilità? Con questa guida all’ottimizzazione del CMS riuscirai ad avere notevoli vantaggi, sia in termini di posizionamento sul motore di ricerca che per quel che riguarda la tua reputazione online.

Lascia un commento

Back to top button