Web Marketing

Come scrivere la caption di un post Instagram

Sulla convenienza di aggiungere Instagram al kit di strumenti da usare in ottica aziendale se n’è discusso per molto tempo, ma ormai anche coloro che guardavano a questo social con maggior dubbio si sono dovuti ricredere. Instagram rappresenta ora una vetrina irrinunciabile per le imprese, anzi per alcune tipologie di business Instagram si è rivelato forse anche più importante di Facebook proprio per la sua immediatezza comunicativa. Così come accade per tutti gli altri canali social, per avere risultati con Instagram occorre pazienza e idee chiare per costruire i post. Ed è proprio su questo punto che intendiamo soffermarci per fornire alcuni suggerimenti su come scrivere la caption di un post Instagram.

Perché usare Instagram per fare marketing

Milioni di iscritti in tutto il mondo, un tasso di coinvolgimento superiore a quello di Facebook (social su cui negli ultimi mesi è arduo trovare spazio a notizie che non riguardino politica e aggiornamenti sulla situazione sanitaria) e semplicità di utilizzo.

Sono queste, in un certo senso, i tre elementi su cui si basa il successo di Instagram.

Un altro dato interessante, che aiuta a comprendere il perché usare Instagram in ambito professionale sia assai conveniente, è che una percentuale altissima di utenti (circa l’80%) segue il profilo di un’azienda su Instagram. Questo dato fa capire che gli iscritti al social prestano una particolare attenzione ai profili aziendali, per trovare magari occasioni convenienti e buone opportunità.

Come scrivere la caption di un post

Sia che si tratti di un post che punta al traffico organico sia che si tratti di un contenuto sponsorizzato, per ottenere buoni risultati con Instagram (sia in termini di interazioni che di azioni vere e proprie, tipo visite al sito collegato al profilo) è necessario scrivere una buona caption.

La caption altro non è che la porzione di testo da accompagnare all’immagine che, è bene ricordarlo, su Instagram detiene sempre il primato in quanto a importanza.

Prosegui con la lettura per leggere, nei prossimi paragrafi, alcuni suggerimenti (5 per la precisione) per scrivere delle caption efficaci.

# Linguaggio da utilizzare

Sia che si tratti di caption lunghe che brevi, il contenuto testuale di un post Instagram deve innanzitutto dare una continuità a quella che è il linguaggio usato dall’azienda (nel nostro esempio, prendiamo in considerazione l’utilizzo di un profilo Instagram aziendale).

registrazione dominio

Il tipo di linguaggio che l’azienda usa sul sito, sul blog e su tutti i suoi canali ufficiali dovrà trovare continuità anche su Instagram. Questo significa adeguarsi a un tipo di comunicazione ben definito e che trova su Instagram un canale dove magari dare maggiore spazio a una componente più libera e meno formale.

# L’uso degli hashtag

L’uso degli hashtag è uno di quei grandi temi da sempre discussi in merito ai social media. Vanno usati o non vanno usati? Pochi? Tanti? Solo uno o nessuno? Per uscire dal marasma, mettendo da parte le varie opinioni che circolano in merito, possiamo dire che tutto dipende dal canale social utilizzato.

Giusto per fare un esempio, Facebook non è un social da hashtag. Si consiglia infatti di metterne uno per post. Su Instagram invece le cose sono diverse, visto che l’uso degli hashtag non è solo permesso ma consigliato. Attraverso gli hashtag (ricordiamo che su Instagram l’utente può seguire il singolo hashtag per restare sempre aggiornato sui contenuti inerenti un certo argomento) sarà possibile etichettare un contenuto e attirare l’attenzione di utenti potenzialmente interessati a ciò che abbiamo da offrire.

Fino a qualche mese fa si inserivano, sotto il contenuto testuale, tantissimi hasthtag (fino a 30). Oggi le cose sono un po’ cambiate. Secondo gli ultimi test, sembra che i post che performino meglio abbiano intorno ai 10 hashtag. Inserisci sempre le tue ancora tematiche, contraddistinte dal simbolo #, per aumentare la visibilità del contenuto.

Lettura consigliata: scopri come trovare hashtag adatti su Instagram.

# Emoji per dare colore

Un altro elemento sul cui utilizzo, in ambito aziendale, si dibatte molto è l’inserimento delle emoji nelle caption di Instagram. Alcuni ritengono che le faccine non siano proprio il massimo per quel che riguarda i contenuti di un’azienda, ma qui c’è un errore di mentalità da sradicare.

Non che le emoji possano fare chissà che differenza, sia chiaro, però aiutano. Aiutano a creare un legame empatico con l’utente, allontanando quell’atmosfera grigia e seriosa che spesso le aziende assumono. Ebbene, Instagram non è lo spazio per atteggiamenti altezzosi.

Per quel che ci riguarda è conveniente inserire le emoji nei post (senza eccedere), per dare un “colore” alla propria comunicazione e diminuire quel senso di distanza che si può avere nella fase iniziale di un rapporto tra azienda e utente. Una distanza che proviene da un senso di scetticismo dell’utente nei confronti di un Brand che non conosce. Le emoji ti daranno una mano ad abbattere questa diffidenza iniziale.

# Come inserire un link

È risaputo che su Instagram non è possibile inserire dei link cliccabili, se non nella bio del profilo aziendale. Cosa fare quindi per inserire nel post, che magari si vuole sponsorizzare, un link che consenta agli utenti di andare sulla pagina di atterraggio su cui s’intende portare il traffico (magari la landing page di una promo)?

Sono due le possibilità che abbiamo a disposizione:

  • Inserire nella caption un riferimento al link (che puoi modificare ogni volta che vuoi) presente nella bio dell’account. Spesso gli account aziendali presentano, nei propri post, un riferimento scritto in maiuscolo e indicato da una emoji (molto utili in questo caso). Scrivendo LINK IN BIO, l’utente capirà che nella bio del profilo c’è un link a cui il post fa riferimento.
  • In realtà è possibile inserire un link nelle caption di Instagram, solo che l’utente non potrà cliccarci sopra ma dovrà copiarlo e incollarlo in una scheda del browser per accedere alla risorsa. Un passaggio in più che però in alcuni contenuti può essere proposto, magari con l’utilizzo di uno short url creato con strumenti come Bitly.

# Strutturare il copy

Come abbiamo scritto in un articolo anni fa, un testo deve essere suddiviso in paragrafi per facilitare la lettura del visitatore. Allo stesso modo, il nostro consiglio è quello di strutturare le caption proprio come faresti con gli articoli di un blog aziendale. Il più delle volte i post Instagram possono essere intesi come dei mini-articoli, cosa che rende il social come un secondo diario online da affiancare a quello principale.

Il modo migliore per strutturare un testo è sviluppare il contenuto secondo mini paragrafi di 3-4 righe, ognuno staccato dall’altro con una riga di spazio vuoto. Così facendo, e aiutandosi con le emoji per sottolineare i passaggi più importanti, darai al pubblico delle specifiche “coordinate visive” con cui semplificare la lettura del post.

Un copy all’altezza, ma l’immagine al primo posto

Tutto quello che abbiamo descritto fino a questo punto riguarda la caption, ovvero la componente testuale di un post Instagram. Quella che, per intenderci, viene costruita dal copywriter, il cui compito è quello di veicolare le azioni dell’utente attraverso l’uso delle parole.

Se il testo ha una sua importanza, è chiaro che però su Instagram ad avere un ruolo di primissimo piano resta sempre l’immagine. Instagram nasce infatti come social di condivisione foto, e nonostante tutti i cambiamenti ancora oggi è proprio la componente visual ad aver il maggior peso sull’eventuale successo di un account aziendale.

Prima di concentrarsi sulle caption e sul linguaggio da proporre, è importante assicurarsi che le immagini postate siano di buona qualità. Sia che si tratti di foto che di immagini costruite, per non parlare dei video (live o caricati su IGTV), la cosa più importante è dare al proprio profilo una continuità visiva prim’ancora che contenutistica. Uso dei colori, tipologia di foto, lo stile… tutti aspetti che coloro che si occupano della parte visiva devono tenere in grande considerazione. Le caption potranno poi dare forza e approfondimento tematico alle singole immagini.

Per concludere

Come scrivere la caption di un post Instagram, con i nostri suggerimenti dovresti essere in grado di creare dei contenuti interessanti per la tua nicchia di mercato (a patto sempre che le immagini postate siano di qualità). Quale pensi possano essere altri consigli utili per costruire delle caption professionali?

Continua a seguirci sia sul blog che anche sul profilo Instagram di Keliweb.

Lascia un commento

Back to top button