GuideTutorialWeb Marketing

10 consigli per scrivere post nel canale Telegram aziendale

Nel corso degli anni Telegram si è trasformato da una semplice applicazione per la messaggistica istantanea, in un vero e proprio social network. Con le sue migliaia di funzionalità e risorse, ogni giorno diventa sempre di più un ambiente dove non solo si può massaggiare con colleghi, fornitori, famigliari e amici, ma anche un canale comunicativo attraverso il quale un’azienda può comunicare con i propri clienti. Da sempre gli obiettivi delle aziende sono: quello di tenere viva l’attenzione dei propri clienti e attirare l’attenzione su di sé da parte di potenziali clienti. Per fare questo, in questi anni abbiamo visto che indipendentemente dalla piattaforma sono i contenuti la chiave del successo.

In questo approfondimento ti darò qualche consiglio, basato sulla mia esperienza, per scrivere post nel canale Telegram aziendale. Non perdiamo il tempo e andiamo a scoprire questi punti.

1. Racconta la tua storia

La tua azienda è fatta di persone che ogni giorno sono impegnate in diverse attività, questo significa che all’interno della struttura della tua società ogni giorno c’è una storia da raccontare. Questo ovviamente vale anche se sei un libero professionista, pure nel tuo caso durante la giornata hai l’imbarazzo della scelta sulle storie che puoi raccontare.

Quello che devi fare è aprire gli occhi, guardarti intorno  e troverai materiale prezioso per popolare il tuo piano editoriale delle cose da scrivere nel tuo canale di Telegram con storie, racconti, emozioni e valori.

Ricordati che puoi farlo sfruttando video, foto, note vocali o videomessaggi, che a loro volta possono essere estrapolati per condividerli in un secondo momento all’interno di altri social o di un blog.

2. Offri informazioni e contenuti di valore

Da sempre le persone, ma soprattutto in questo momento storico, sono alla ricerca di informazioni e contenuti di valore. Questo non significa che vogliono avere a che fare con cose monotone, ma sono alla ricerca del giusto mix tra argomenti seri e argomenti divertenti.

Detto ciò, il mio consiglio per scrivere post di valore sul tuo canale Telegram è questo: devi essere semplice, diretto e dai valore a quello che pubblichi. Vale come prima, ricordati che puoi sfruttare i diversi software free per web designer e alcuni strumenti per creare infografiche, per creare una grafica di impatto.

Se a questa infografica, aggiungi una didascalia con un copy di accompagnamento che, a sua volta, andrà a rimarcarne i punti salienti, sicuramente il tuo contenuto all’interno del canale Telegram avrà molto più successo di un semplice muro di parole o un link pubblicato così tanto per mantenere il canale attivo.

3. Stupisci il tuo pubblico con effetti speciali

Ricordati che sei alle prese con una app di messaggistica istantanea, quindi l’uso degli emoji ti aiuterà a rendere più gradevole la formattazione del post che stai per pubblicare.

Come abbiamo detto prima, devi rendere il tuo contenuto il più originale possibile, quindi non solo devi farti aiutare dagli emoji, ma anche dalla classica formattazione del testo sfruttando la possibilità di utilizzare il grassetto, corsivo, sottolineato, barrato, creare hyperlink e mono.

4. Si breve e incisivo

Ogni piattaforma ha le sue regole, basate su indicazioni ufficiali, studi e ricerche realizzate dai professionisti o le aziende che si sono spinte oltre al semplice utilizzo della piattaforma.

Per tagliare la testa al toro e per intenderci, il copy di un post ideale per un canale Telegram è quello che riesce a starci perfettamente dentro alla schermata di uno smartphone. Ricordati che sei all’interno di una applicazione per la messaggistica istantanea e devi coinvolgere da subito il tuo pubblico.

Dalla mia esperienza, un post su Telegram dovrebbe essere lungo così:

5. A volte bisogna osare, quindi osa con la lunghezza

Sicuramente ti chiederai: se prima ha detto che l’ideale sarebbe quella determinata lunghezza, adesso mi dice di osare con la lunghezza?

Hai ragione se hai pensato a questa cosa, però come dicevo prima non esiste la lunghezza ideale, giusta e perfetta, che tutti debbano usare. Se fosse così sai che monotonia, basta vedere quello che succede nel mondo del Blogging dove qualcuno ha detto quella che deve essere la lunghezza minima e massima oppure che si devono utilizzare alcuni elementi grafici, e oggi non c’è più un minimo di originalità, ma solo articoli impostati allo stesso identico mondo.

Quindi se la lunghezza giusta non esiste, esiste il copy giusto con il giusto messaggio che arriva agli occhi e al cuore del lettore. Si può osare e ti invito a farlo, anche su Telegram, però se il post è dal copy corposo ricorda che deve essere funzionale al messaggio. Se  hai deciso di scrivere molto è perché hai molto da dire e soprattutto hai probabilmente l’intenzione di prendere quel contenuto che resterà solo nel tuo canale Telegram. Inoltre mi permetto di ricordarti, che il copy del tuo post su Telegram non deve essere mai nulla di inutile, ridondante, banale.

Guarda questo esempio:

Sì, il testo di questo post è lungo, però sei d’accordo con me che il tutto si legge tutto d’un fiato.

A questo punto tocca a te, prendere questi due punti e due esempi, per trovare la via giusta per il post “perfetto” da pubblicare sul tuo canale Telegram.

6. I tuoi post devono trasmettere positività ed entusiasmo

Nella formattazione dei contenuti che pubblichi all’interno del tuo canale Telegram, devi riuscire a trasmettere valori positivi, ispirazione, progettualità e voglia di fare agganciando tutto questo ai contenuti pubblicati sul blog, ai prodotti e ai servizi offerti.

Sfruttando le potenzialità della piattaforma Telegram, puoi realizzare dei piccoli videomessaggi in cui racconti qualcosa su di te, sui tuoi servizi o sui tuoi prodotti.

7. Fai sorridere i tuoi lettori

Lo sappiamo tutti che il tono di voce o per meglio dire il tone of voice è una cosa molto importante e a cui stare attenti quando ci si rivolge ai propri o potenziali clienti. Ecco che in questo caso, se il tuo tone of voice te lo permette, prova a inserire un briciolo di ironia qua e là.

Ricordati che puoi osare anche se pensi di non poterlo fare mai. Certo il tutto deve essere accompagnato dalla giusta infografica, immagine, gif o video.

8. Rivolgi delle domande ai tuoi lettori

Rivolgere delle domande ai tuoi lettori, non solo rende il post su Telegram formatto e impostato in modo diverso dal solito, ma si può trasformare il tutto in una call-to-action che ti permette di capire qualcosa in più sui tuoi lettori.

Osa a chiedere consiglio, chiedere un’opinione, un parere e chi più ne ha più ne metta. Fai delle domande ai tuo lettori, così si sentiranno coinvolti e a lungo andare saranno sempre più partecipi.

Ti ricordo che Telegram ti dà la possibilità di creare dei sondaggi a risposta singola, a risposta multipla oppure dei quiz, direttamente in app e senza dover sfruttare piattaforme esterne o bot. Quindi prova ad inserire nel piano editoriale per il tuo canale di Telegram anche questo tipo di post.

9. Sfida i tuoi lettori

Metti alla prova la creatività dei tuoi lettori sfidandoli e facendoli divertire. Quindi quello che devi fare è realizzare contenuti dal copy che andrà a stimolare la creatività dei tuoi clienti e lettori.

Per esempio potresti chiedere loro di dare un nome a una nuova categoria del tuo blog oppure di dare un titolo a una foto che hai scattato e che vorresti pubblicare su Instagram.

10. Anticipa quello che sta per accadere

Ho lasciato alla fine questo punto, perché molto spesso capita a professionisti e aziende di condividere un post presente nel proprio blog. È vero che viene raccomandato spesso di non dire tutto subito, ma è anche vero che in molti condividono solo il link al post e il titolo. Quindi quello che devi fare te è provare ad essere diverso quando pubblichi i post sul tuo canale Telegram. Prova a usare la leva della curiosità e a svelare solo una parte del contenuto che il lettore troverà all’interno dell’articolo che stai per pubblicare.

Ecco un piccolo esempio:

Qui puoi vedere come Alessandra Lomonaco abbia applicato magistralmente questo consiglio.

Punto extra

Lungo questo percorso avrai notato che i post segnalati e utilizzati come esempio, non solo contengono la formattazione del testo sfruttando il grassetto, l’hyperlink e gli emoji, ma anche gli hashtag. Come ti dicevo Telegram è pieno di funzionalità e strumenti interni che ti permettono di non essere monotono, triste e noioso, quindi ti consiglio l’utilizzo degli hashtag perché così dai la possibilità ai lettori di trovare tutti gli argomenti collegati al singolo hashtag e allo stesso tempo puoi categorizzare i vari argomenti nel tuo canale Telegram aziendale.

Per concludere

Bene adesso ho finito, spero che questo percorso sia stato di tuo gradimento e mi auguro che questo piccolo percorso, fatto di suggerimenti che sono figli dell’esperienza diretta con Telegram, ti sia utile.

A proposito, sei già iscritto al canale Telegram di Keliweb? Clicca sull’immagine qui sotto.

keliweb telegram
Scopri tutte le novità e le offerte del mondo Keliweb

Flavius Florin Harabor

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button