GuideTutorialWeb Marketing

Come diventare un legal blogger di successo

Chi per mestiere fa l’avvocato passerà l’intera vita tra carte, studio di Leggi, commi e norme giuridiche da adattare per ogni singolo caso da affrontare in carriera. Una vita ricca di impegni, che però non pregiudica la possibilità di svolgere anche altre “attività” all’interno del panorama giuridico. Un avvocato, per esempio, può esser anche un ottimo divulgatore, dando consigli legali per chi si avvicina alla materia o anche approfondimenti su ciò che riguarda il mondo della Legge. Non solo avvocati professionisti però, anche dei normali cittadini amanti della Giurisprudenza e del Diritto (magari degli studenti, o dei semplici appassionati) possono decidere di trattare tali argomenti in maniera continuativa. Parliamo dunque della figura chiamata legal blogger.

Chi è il legal blogger

Se fino a qualche anno fa bisognava andare in edicola e acquistare delle riviste specializzate per leggere articoli di approfondimento giuridico, con l’evoluzione del web tutto è cambiato. Sono ormai innumerevoli i legal blog (o blog giuridici che dir si voglia) che possono essere consultati in rete in qualunque momento.

Il legal blogger è per l’appunto un content writer prestato al mondo legale, ovvero colui che si occupa di creare gli articoli da pubblicare sul blog giuridico. Esistono vari tipi di legal blogger, dal freelance agli avvocati professionisti, fino a quelli ingaggiati appositamente da uno studio legale per seguire da vicino il blog (con cui farsi conoscere e trovare nuovi clienti) e magari anche i canali social.

Anche un settore così “elitario” come quello giuridico si è trovato nelle condizioni di dover optare per l’uso di strumenti come blog e social network, per non rimanere chiuso in una nicchia polverosa e dal sapore antico.

Come diventare un legal blogger di successo

Non resta che prendere atto sul fatto che l’innovazione digitale stia modificando, in maniera definitiva, anche il mondo giuridico e di tutti coloro che hanno a che fare con la Legge. Oggigiorno sono infatti sempre più numerosi i legal blog, una nuova nicchia che permette di trovare lavoro per tanti copywriter professionisti in cerca di un impiego.

Ma come si diventa un legal blogger di successo, ovvero un professionista capace di gestire un blog giuridico con un numero di lettori crescente di settimana in settimana? Detto che occorre partire sempre da una ottima preparazione di partenza sull’argomento, ecco alcuni consigli per diventare un legal blogger capace di portare grandi numeri con il blog giuridico da gestire.

# Crea un blog potente

Puoi scrivere i migliori articoli sull’argomento, ma se non avrai a disposizione una piattaforma veloce e stabile gli utenti andranno via molto prima di aver letto i tuoi pezzi (su cui magari hai investito tanto tempo e fatica). Ecco dunque che il primo tassello su cui devi agire, tu o chi per te vuole lanciare il blog legale, costruendo un blog di qualità grazie a un servizio web hosting veloce e che sia ottimizzato per WordPress, il software più indicato per la gestione di un blog.

hosting wordpress blog

# Punta su un aspetto professionale

Un errore facile da commettere è voler dare al blog giuridico un aspetto troppo ricercato, eccessivamente creativo. Ebbene, vista la serietà dei temi trattati la cosa migliore da fare è scrivere i propri articoli all’interno di un diario online che risulti pulito, chiaro, senza fronzoli. In tal caso, è essenziale il contributo di un web designer, che saprà che aspetto dare al blog giuridico. Come legal blogger, il tuo compito sarà quello di strutturare i contenuti dando loro il medesimo aspetto pulito e chiaro del blog, per ricalcare un’idea di serietà e professionalità.

A tal proposito, ti consigliamo di leggere l’articolo che tratta l’argomento su come scrivere un articolo su WordPress.

# Collabora con altri professionisti

Un altro errore che spesso viene commesso dai blogger con poca esperienza è quello di chiudersi gelosamente dentro loro stessi, custodendo con gelosia i propri trucchi del mestiere. Questo è una topica che può compromettere la tua attività editoriale giuridica. Invece di star chiuso in te stesso, cerca di creare collaborazioni con colleghi e/o professionisti affermati nel settore. Ospita guest post a firma di specialisti in determinati ambiti della Giurisprudenza e del Diritto, oppure proponi delle interviste di avvocati conosciuti. Insomma, cerca di variare il più possibile la contenutistica, accettando l’idea di collaborare anche con altri.

# Cita fonti autorevoli

Un metodo infallibile per far aumentare la popolarità di un blog all’interno della propria nicchia, in questo caso l’ambito legale, è quello di inserire link a fonti autorevoli nei propri articoli. Per quanto possa sembrarti bizzarra l’idea di inserire dei link che dal tuo articolo porteranno gli utenti “fuori” dal tuo blog, per farli arrivare in siti esterni, sappi che la capacità di inserire delle fonti autorevoli è una delle attività che Google tiene in maggior considerazione. Se stai scrivendo un pezzo dedicato a uno specifico argomento, inserisci all’interno del tuo pezzo un link che rimandi a un altro contenuto (pubblicato su un altro sito). L’obiettivo è quello di tessere una tela che porti il lettore ad avere tutte le informazioni su un argomento, e anche se una parte di tali informazioni saranno prese non sul tuo blog, i vantaggi per il tuo diario online saranno notevoli. Google infatti tende a premiare, con un miglior posizionamento nei risultati di ricerca, quei contenuti al cui interno sono presenti link autorevoli di approfondimento.

Da leggere: come lavorare con la link building (e altri consigli per la SEO).

# Massima attenzione al linguaggio utilizzato

Chi lavora con le parole, dev’essere in grado di trovare il linguaggio consono a seconda del pubblico a cui ci si vuole rivolgere e anche in merito all’argomento trattato. A volte però si rischia di strafare, quando ci si fa prendere la mano nella ricerca di uno stile talmente perfetto da risultare poi… artefatto. Il miglior consiglio che si possa dare a un legal blogger desideroso di farsi strada nell’ambito della divulgazione legale-giuridica è quello di non essere troppo legalese. Con questa bizzarra espressione si vuole intendere che un bravo blogger è capace di trattare gli argomenti utilizzando il linguaggio che si aspettano i lettori, ma che al tempo stesso sia in grado di avere una sua voce, un suo stile, un modo di porsi che lo renda riconoscibile e diverso dagli altri. Metti in mostra la tua competenza in materia legale trovando il tuo linguaggio, che sia in linea con la voce del pubblico ma che ti aiuti a costruire la tua identità online.

Lettura di approfondimento: scopri le varie funzioni del linguaggio di Jakobson.

Crea il tuo blog giuridico

Tutti i paragrafi precedenti sono forieri di consigli su come poter diventare un bravo legal blogger nel minor tempo possibile. A questo punto non resta quindi che passare alle vie di fatto, ovvero alla costruzione del blog su cui andrai a pubblicare i tuoi articoli di approfondimento.

Certo, questo “problema” non si pone se sei stato ingaggiato per scrivere sul blog di uno studio legale. Ma se invece l’idea è quella di lanciare un tuo blog giuridico, allora dovrai pensarci tu alla costruzione e alla messa online. Niente paura, in realtà è tutto molto semplice.

Grazie a Keliweb puoi partire dal punto base, che è rappresentata dalla registrazione dominio (o dal trasferimento dominio, nel caso tu ne possegga già uno con un altro provider), ovvero dalla scelta del nome da dare al blog. Dopodiché potrai passare al servizio web hosting, che in pratica sarebbe la “casa digitale” che ospiterà il blog nella sua interezza e a renderlo raggiungibile online.

Per la costruzione materiale del blog, puoi fare tutto da solo oppure (nel caso tu non abbia grande dimestichezza con l’utilizzo dei software come WordPress) affidarti a un webmaster professionista.

Per concludere

Se la tua idea è quella di lavorare come legal blogger (una figura ora molto ricercata, visto il numero crescente di blog giuridici lanciati in rete), questo articolo può esserti utile per iniziare il tuo percorso di divulgatore legale professionista. Soprattutto, i nostri consigli possono darti una mano a essere un legal content writer con una penna riconoscibile e originale.

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button