Web Marketing

Come creare un post efficace su una pagina aziendale LinkedIn

Sono trascorsi più di dieci anni da quando i social network sono entrati a far parte della vita di tutti noi. Si dice sempre che ci sono tanti social in rete, ma nella realtà dei fatti la scelta si restringe sempre ai soliti noti, con la new entry Tik Tok come unica scheggia impazzita capace di stravolgere gerarchie ormai consolidate. Se piattaforme come Facebook e Instagram vengono viste come vetrine adatte per un pubblico di utenti privati, LinkedIn ha sempre invece recitato il ruolo di social del business, la piattaforma dedicata ai professionisti. Imprese e specialisti di vari settori non esitano infatti a puntare forte su questo social, con la creazione di una pagina aziendale LinkedIn con cui agganciare potenziali clienti. Già, ma in che modo?

Consigli per creare post efficaci su LinkedIn

LinkedIn è un social molto particolare, una piattaforma su cui è sconsigliato “far caciara” come accade a volte con Facebook. Si tratta di un social che può aiutare le aziende a migliorare la propria reputazione, a posizionarsi all’interno del proprio settore di mercato e fare attività di Lead Generation.

È possibile ottenere grandi risultati su LinkedIn, con benefici concreti in termini di visibilità e di incremento di nuovi clienti. Il primo passo per permettere a una società di aumentare la popolarità del proprio Brand tramite questo social, prevede la creazione di una pagina aziendale, che va strutturata in un certo modo per far sì che risulti proficua.

Lettura di approfondimento: i nostri consigli per creare e gestire una pagina aziendale LinkedIn.

Una volta creata la pagina aziendale, e aver seguito i nostri consigli su una sua gestione, possiamo concentrarci sulla creazione dei post. Nei prossimi paragrafi, alcuni suggerimenti per creare post efficaci su una pagina aziendale LinkedIn.

# Scelta dell’argomento

Che senso ha pubblicare contenuti su una pagina aziendale se non si hanno le idee chiare sugli argomenti cercati dai follower? Prima di pensare a come pubblicare, occorre individuare il cosa, ovvero le tematiche da trattare. L’unico modo per esser certi di trattare gli argomenti giusti è conoscere il pubblico e i propri follower.

Che tipo di azienda è? In quale settore operi? Di cosa hanno bisogno i tuoi follower? Trovare le risposte a queste domande è fondamentale. Il tuo compito è quello di creare contenuti interessanti, in linea con il tuo settore di riferimento e con gli interessi dei follower che seguono la pagina. Se non hai idea di cosa i follower hanno bisogno, allora sarà davvero difficile poter avere interazioni con i post pubblicati.

È il social stesso a darti una mano nella ricerca di argomenti “validi”. Nella pagina LinkedIn puoi trovare una sezione chiamata Contenuto.

Qui potrai selezionare i settori che ti interessano e avere una lista dei contenuti di tendenza degli ultimi 15 giorni. Potrai affinare la ricerca selezionando il settore di riferimento, località, funzione lavorativa e altro ancora.

Un ottimo metodo per trovare contenuti interessanti da condividere o da cui prendere spunto per crearne di nuovi.

# Linguaggio professionale

Come accennato in apertura, LinkedIn è un social per professionisti. Questo significa che il linguaggio utilizzato su questo social dovrà essere diverso rispetto a quello usato su altre piattaforme. Se su Facebook e Instagram è concesso (e addirittura consigliato) optare per un linguaggio a volte informale, con un uso calibrato dell’ironia, delle emoji e di tutto ciò che permette di “alleggerire” il post, su LinkedIn le cose stanno diversamente.

La qualità del copy è un fattore determinante per i post da pubblicare sulla pagina aziendale LinkedIn. Il linguaggio usato dovrà essere formale, serio, degno di rappresentare un’azienda. Si sconsiglia quindi la ricerca dell’ironia a tutti i costi, così come di elementi grafici troppo invasivi che rischiano di far apparire come poco serio il post.

# Menzioni

Un buon metodo per aumentare la visibilità dei post su una pagina aziendale LinkedIn è quello di taggare un professionista o un’altra azienda all’interno del post. Questa soluzione può essere usata per esempio nel caso tu vada a condividere sulla pagina un guest post, ovvero un contenuto scritto da un professionista che non fa parte della tua azienda.

Tutto sta nella scelta degli individui, o delle imprese, con cui collaborare. Ospita sul tuo blog un articolo di un professionista conosciuto, che andrai poi a taggare nel post. Il vantaggio sarà doppio: oltre alla qualità del contenuto, che potrà portare traffico e conversioni, avrai un enorme aumento della visibilità dato che anche il tuo ospite condividerà il post facendolo vedere ai suoi follower.

Allo stesso modo puoi condividere sulla pagina un tuo contenuto pubblicato sul blog di un’altra azienda o di un magazine importante, come puoi vedere nell’immagine che segue.

# Hashtag

Per molto tempo si è pensato che gli hashtag fossero da sconsigliare su LinkedIn. Per fortuna qualcuno si è poi accorto che invece non solo non vengono sconsigliati, ma che anzi possono dare grandi vantaggi per la visibilità del singolo contenuto.

Come sappiamo, gli hashtag sono dei tag con cui agganciare un trend tematico. Il consiglio che vogliamo darti in tal senso è quello di inserire un hashtag nella prima riga del contenuto (con il termine principale sull’argomento trattato), e poi un breve elenco di parole chiave correlate in basso, alla fine del contenuto testuale.

# Immagini? Sì, ma di alta qualità

Uno dei dubbi che potrebbero venirti per la pubblicazione di un post su LinkedIn riguarda l’uso dell’anteprima. Meglio postare un contenuto con immagini, o solo testuale? Dipende dal tipo di post e soprattutto dalla qualità dell’immagine che intendi caricare, sia che tu voglia caricarla manualmente in aggiunta al post, sia che si tratti dell’immagine che comparirà in automatico come anteprima.

Quello che fa la differenza in tal senso riguarda la qualità dell’immagine. Se hai la possibilità di inserire un’immagine non solo qualitativamente eccelsa, ma che sia anche in grado di “accompagnare” il concetto espresso dalle parole scritte, allora conviene usarla per dare più colore e visibilità al post. Meglio ancora se hai la possibilità di caricare un’immagine preparata appositamente per il singolo post.

In caso contrario, ovvero nel caso tu non disponga di un elemento visivo di buona fattura, meglio condividere il post testuale senza immagini.

# Inserimento di link

Ci sono diverse soluzioni che puoi prendere in considerazione. Puoi scegliere di inserire un link per far caricare in automatico l’anteprima e poi cancellare il link (in questo caso l’utente potrà accedere al contenuto cliccando sull’anteprima).

La formula migliore, secondo noi, prevede però l’inserimento di link accorciati (LinkedIn li accorcia in automatico, ma se vuoi tenere sotto controllo i click dovrai usare un servizio di url shortening come Bitly). Nel tuo post compariranno dunque uno o due link, con immagine o meno al seguito. In questo modo l’utente avrà più opzioni a disposizione all’interno del post.

Perché creare una pagina LinkedIn

Nei paragrafi precedenti abbiamo visto come creare un post efficace su una pagina aziendale LinkedIn. Se riuscirai nell’intento di proporre ai tuoi follower dei contenuti interessanti, allora sì che LinkedIn potrà dare dei grossi vantaggi alla tua azienda. I principali benefici che puoi ottenere da LinkedIn sono principalmente tre:

  • Ampliare la visibilità dell’azienda presso un target specifico.
  • Migliorare la reputazione dell’azienda, che potrà così posizionarsi all’interno del proprio settore di riferimento.
  • Conoscere tanti professionisti ed esperti del settore che potranno diventare, col tempo, nuovi clienti.

Potenzia la tua attività online

Utilizzare LinkedIn è dunque una scelta che potrà ripagarti sotto tanti punti di vista. Il lancio di una pagina vetrina rappresenta però solo un tassello, non solo in ottica Web Marketing (che prevede la scelta di vari Social Media), ma anche per quel che riguarda l’intero processo di digitalizzazione dell’azienda.

Il primo passo da fare è quello di creare un sito web aziendale, partendo dal dominio e dal servizio di hosting. Una volta messo su il sito, potrai concentrarti sulla creazione di pagine aziendali sui vari social network che ti aiuteranno (insieme a un blog aziendale su cui pubblicare contenuti di approfondimento) a creare quella rete grazie al quale la tua azienda potrà essere conosciuta da tante persone.

web hosting linux

Per concludere

LinkedIn è un social davvero particolare, che può darti enormi vantaggi ma a patto che tu sia in grado di rivolgerti agli utenti nel modo giusto. Ecco perché sapere come creare un post efficace su una pagina aziendale LinkedIn è davvero importante. Un luogo virtuale dedicato al business, che pretende un linguaggio e un modo di fare che sia in linea con il panorama aziendale.

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button