GuideTutorialWeb Marketing

Come diventare un copywriter: 10 skills essenziali

Ma che c’azzecca uno scrittore (o aspirante tale) con aziende che lavorano in rete? Nulla, a primo impatto. La realtà però è ben diversa. I copywriter sono infatti tra i professionisti maggiormente richiesti al momento, sia da imprese che devono avviare un business online sia dalle agenzie di comunicazione che vogliono ampliare il proprio team. Questo perché coloro che hanno la capacità di saper comunicare attraverso la scrittura portano in realtà enormi benefici ai datori di lavoro. Non si tratta solo di scrivere contenuti senza errori grammaticali. I copywriter creano valore, aumentano a dismisura la possibilità di effettuare vendite online e contribuiscono a far crescere la reputazione di un marchio su internet.

Cosa fa un copywriter

Un copywriter si occupa della produzione dei contenuti testuali che vengono poi pubblicati su siti internet, blog (in tal caso si va a toccare l’ambito del Blogging), newsletter, post social, comunicati stampa e tutto quello che l’azienda di turno vuole comunicare all’esterno.

Una responsabilità di non poco conto. Al copywriter, infatti, è affidata la voce di un’azienda. Ciò che il Brand andrà a comunicare e come lo comunicherà sarà tutta farina del sacco del copywriter, che inciderà quindi più di chiunque altro nella creazione di una reputazione online.

Copywriter skills: ecco quelle fondamentali

Abbiamo dunque appurato che il copywriter è tutt’altro che una figura aliena che si trova inserita, chissà perché, all’interno di un’azienda. Vuoi anche tu cimentarti in questa professione, per farti assumere da un’azienda o magari per lavorare come copywriter freelance e gestire diversi clienti? Bene, ci sono diverse competenze che devono far parte del tuo bagaglio di conoscenze.

Di seguito, indichiamo quelle che sono le 10 skills essenziali per un copywriter professionista.

#1. Amore per la scrittura

Non prendiamoci in giro, se non ti piace scrivere allora manca proprio la base per fare questo tipo di lavoro. Il copywriter professionista è colui che sa veicolare la sua enorme passione per la scrittura in termini operativi, per raggiungere risultati e portare numeri concreti al datore di lavoro. Essere degli assidui lettori e cimentarsi con la scrittura, anche magari di narrativa, è la conditio sine qua non per fare il copywriter.

#2. Un vocabolario forbito

Nessuno sta dicendo che bisogna essere dei piccoli Shakespeare, però cavolo non va nemmeno bene proporre una contenutistica piatta e monocorde. Se col trascorrere del tempo il copywriter si troverà a dover fare i conti con una serie di termini da ripetere in continuazione, con formule trite e ritrite che però sono funzionali al contesto, si può sempre fare qualcosa per rendere il proprio lavoro più interessante. Chi possiede una buona conoscenza di vocaboli e sinonimi parte inevitabilmente un passo avanti agli altri, anche se la vera differenza, ça va sans dire, sta nella capacità di equilibrare la sofisticatezza del linguaggio con la chiarezza dei concetti. È questa la sfida che un copywriter deve affrontare giorno per giorno.

#3. Conoscenza del pubblico

Come si può creare un contenuto utile per una certa fetta di pubblico se non lo si conosce a menadito? Si tratta di un’utopia, chiaramente. Se non si conosce il target di riferimento, le sue esigenze e il modo attraverso cui vuole fruire le informazioni, i contenuti prodotti non serviranno a niente essendo al di fuori degli interessi del target su cui si vuole puntare. Ecco perché il copywriter professionista deve conoscere il pubblico a cui si sta rivolgendo, per avere tutte le informazioni necessarie per poter creare contenuti che rispondano a specifiche esigenze.

#4. Il dono della chiarezza

Uno dei maggiori difetti di chi inizia a lavorare nell’ambito del Copywriting è la mancanza di chiarezza. Chi ama scrivere tende sempre a costruire periodi complessi, raffinati, con un gusto per la musicalità delle parole che spesso va però a discapito della semplicità del testo. Ecco, un copywriter professionista deve avere la capacità di puntare al nocciolo e rendere chiare le informazioni. Non si tratta di narrativa, ma di contenuti creati per portare risultati concreti.

#5. Infarinatura di marketing

Un bravo copywriter deve essere capace di lavorare in team e collaborare nel quotidiano con chi si occupa di creare strategie di marketing digitale. Chi si occupa di produrre strategie indicherà la via da seguire, mentre al copy sarà affidata la missione di saper comunicare tale percorso. Se invece si tratta di copywriter freelance, è chiaro che un’infarinatura di Web Marketing è essenziale per produrre contenuti di qualità a seconda dell’argomento. Indispensabile quindi che il copywriter conosca e sappia utilizzare degli appositi strumenti digitali, come per esempio Ubersuggest, che permettono di scrivere testi con l’utilizzo delle parole chiave più ricercate dagli utenti.

#6. Saper utilizzare WordPress

Chi crea contenuti per il web lo fa attraverso specifici software di gestione. In merito all’attività di Blogging, e quindi scrivere articoli per un blog aziendale (il blog è una piattaforma indispensabile per aumentare il traffico qualificato su un sito principale) il web writer o copywriter che dirsi voglia (figure che spesso vengono differenziate, ma che possiamo anche accorpare) svilupperà contenuti con WordPress. SI tratta di un software semplicissimo da utilizzare e specificatamente adatto per produrre contenuti. Un CMS che ha raggiunto un successo clamoroso nel corso degli ultimi anni, diventando il software di riferimento di chi lavora online.

Approfondimento: scopri quali sono i motivi che ti chiariranno una volta per tutte perché usare WordPress.

#7. Conoscenza della SEO

Hai mai sentito parlare della SEO, acronimo di Search Engine Optimization? In pratica, tutto ciò che viene fatto su un sito affinché i suoi contenuti conquistino un buon posizionamento sul motore di ricerca. Come appare evidente, il copywriter in quest’ottica gioca un ruolo chiave. Non dico che bisogna avere competenze da web developer e conoscere la cosiddetta SEO tecnica (quella che gli addetti ai lavori definiscono SEO off page), ma avere quantomeno le idee chiare di come ottenere benefici per posizionarsi su Google. L’utilizzo dei bold, come e dove inserire link interni ed esterni, come ricevere backlink di qualità, come strutturare un testo per facilitare la lettura ed essere così ben visto dal motore di ricerca ecc.

A tal proposito, ecco per te un articolo su come scrivere un articolo in ottica SEO Copywriting.

#8. Capacità di Microcopy

Si pensa al copywriter e subito si pensa a colui che scrive articoli su un blog e basta. Beh, non è proprio così. Il copywriter in realtà si occupa di ben altro, o meglio può scrivere gli articoli di un blog ma la sua vera occupazione è scrivere i contenuti da inserire nelle pagine di un sito internet. Si parla infatti di Microcopy, ovvero di tutti quei brevi testi che vengono inseriti nel sito (per esempio nei pulsanti, call to action ecc) e che concorrono a migliorare l’user experience. Un lavoro delicatissimo da cui dipende gran parte dei destini dell’azienda, una responsabilità enorme per il copywriter che qui può dimostrare il suo valore e fare la differenza.

#9. Saper variare il linguaggio

L’amore per la parola, in questo caso la parola scritta, potrebbe portare l’aspirante copywriter a essere fermo nelle sue convinzioni e nella sua voglia di utilizzare il linguaggio che più gli aggrada. Ebbene, non è così. In ambito professionale un copywriter deve avere la capacità di variare lo stile di scrittura a seconda del tipo di pubblico a cui ci si vuole rivolgere. Una certa fetta di utenti sarà più sensibile a un particolare linguaggio, mentre un altro sarà ammaliato da uno stile completamente diverso. Compito del copywriter è riuscire a trovare di volta in volta la forma espressiva che meglio si confà alla lavorazione in corso.

#10. Amore per la lettura

La miglior competenza che può avere un copywriter, e in particolar modo chiunque ami scrivere, è l’amore per la lettura! Quale maniera migliore per ottimizzare la propria scrittura, costruire uno stile più sofisticato e funzionale agli obiettivi? Oltre alla lettura per puro piacere, il copywriter professionista dovrebbe sempre inserire nelle sue letture settimanali qualche testo sulla sua professione, scritto magari da specialisti del settore che hanno raggiunto la popolarità grazie al proprio lavoro. Le esperienze e i consigli degli altri copywriter possono essere la miglior fonte di conoscenza possibile.

Da dove cominciare? Ecco per te una lista dei migliori libri per copywriter.

Per concludere

Se hai intenzione di diventare copywriter devi essere innanzitutto consapevole dell’importanza e della delicatezza del ruolo, senza lasciarti influenzare e farti convincere di essere una figura meno importante rispetto ad altre. Senza un professionista in grado di usare il linguaggio per comunicare i valori di un Brand, attirare il pubblico adatto attraverso uno stile coinvolgente e ricco di informazioni utili, allora il lavoro fatto dai tecnici/commerciali risulterà del tutto inutile. Ecco perché un copywriter è un elemento la cui importanza strategica è difficilmente quantificabile.

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button

Parla con un nostro consulente

Compila i seguenti campi e clicca su "Invia richiesta"