GuideTutorial

Come aumentare le visite di un sito

Chi decide di avviare un progetto online si pone l’obiettivo di portare un numero sempre più alto di utenti sul sito. Ma esistono dei modi per aumentare le visite, possibilmente con soluzioni non troppo costose (e magari gratuite)? Certo che sì, e con questo articolo cerchiamo di fornirti alcuni suggerimenti (otto per la precisione) che possono aiutarti a far crescere la tua attività web nel minor tempo possibile. Prosegui dunque con la lettura e scopri quali sono i nostri consigli con cui puoi sapere come aumentare le visite di un sito.

Come aumentare le visite di un sito

Prima di iniziare con i nostri consigli, può essere utile fare una brevissima introduzione. Quando si parla di traffico web si pensa a un qualcosa di generico, con una “massa” di utenti che entrano sul sito ma che poi magari non concludono nessuna azione in particolare. Questo accade per un semplice motivo: non si tratta di traffico qualificato!

L’obiettivo di questo articolo è fornirti qualche dritta per per aumentare le visite del sito, d’accordo, ma con utenti che facciano parte del target di riferimento. Inutile far arrivare sul sito persone che non hanno interesse per la pesca se vendi prodotti e materiale per la pesca in mare, così come (altro esempio) portare utenti che non hanno interessi per le scarpe da donna se sul tuo sito si vendono calzature femminili.

Ora che è stato chiarito il tipo di traffico che s’intende “attirare”, passiamo direttamente ai suggerimenti pratici.

8 consigli per aumentare il traffico

I consigli che seguono possono rispondere al quesito “come aumentare le visite di un sito”. Non è detto che tu debba seguirli tutti o solo uno, diciamo che quelle che seguono possono essere delle tecniche utili che, se combinate tra loro, possono portare a risultati straordinari.

#1. Ottimizzare i contenuti

Il primo metodi consigliato per aumentare le visite di un sito riguarda il lavoro sui contenuti del sito. La più grande fonte di traffico per i siti internet è (in linea generale) Google, il motore di ricerca più utilizzato al mondo, almeno per quel che riguarda la società occidentale.

Per attingere traffico qualificato da Google, non c’è altro modo che indicizzare i contenuti del sito e conquistare un buon posizionamento in SERP. Come raggiungere questo risultato? Con l’ottimizzazione dei contenuti presenti sul sito, che devono includere le parole chiave più ricercate dagli utenti che per interessi corrispondono al tuo target. Se riuscirai a piazzare i contenuti del sito sul motore di ricerca, magari nella prima pagina dei risultati a seconda della query inserita, allora il traffico in entrata potrà aumentare a dismisura nel giro di pochissimo tempo.

Consigli SEO: per trovare i termini di ricerca da inserire nei contenuti, dai un’occhiata ai migliori strumenti gratuiti per la ricerca delle parole chiave.

#2. Inviare newsletter

Se la tua attività esiste in rete da un po’ di tempo e hai una tua base di clienti di cui possiedi gli indirizzi di posta elettronica, puoi mettere in atto quanto segue: scrivere newsletter efficaci!

Anche se alcune volte viene sottovalutata, la casella mail permette di avere un contatto diretto con gli utenti e rende possibile una comunicazione più “calda e personale”, che vada in qualche modo a toccare il lato emotivo delle persone.

Grazie all’invio costante (la frequenza va stabilita in una prima fase di analisi) di newsletter, riuscirai a riaccendere l’interesse del pubblico che già ti conosce ed evitare perciò che la “fanbase” si raffreddi. Un ottimo metodo per spingere le persone a tornare sul tuo sito, per una qualche offerta commerciale o per scoprire le novità che ci sono. Quella che viene definita Email Marketing è un branca del marketing digitale con il quale puoi ottenere grandi risultati.

#3. Interagire con gli utenti sui social

Un ottimo metodo per portare gente sul sito è quella di utilizzare i social network. Parliamoci chiaro, oggigiorno è difficile immaginare un progetto web che non abbia una propria vetrina parallela su piattaforme come Facebook, Instagram, LinkedIn ecc (anche in questo caso abbiamo alcuni consigli per scegliere il social adatto).

Essere sui social e non creare interazioni con le persone è come non esserci. Questo il motivo per cui è indispensabile interagire con gli utenti tramite i canali sui Social Media, creando dei contenuti “aperti” e non auto-conclusivi. Per stimolare questo rapporto tra le parti puoi optare per varie forme di post, come per esempio sondaggi e comunicazioni poste con uno stile molto easy.

Gli utenti arriveranno così a percepire il Brand come “vicino e familiare”, e non come una fredda piattaforma estranea.

hosting per rivenditori

#4. Pubblicare articoli su siti importanti

Uno degli errori che vengono commessi più spesso è quello di chiudersi dentro se stessi, guardare solo al proprio orticello senza rendersi conto di ciò che c’è intorno. Si tratta di un errore strategico che ti porterà, inevitabilmente, a chiuderti in una nicchia da cui sarà poi difficile uscire.

Cosa fare per attirare maggior traffico? Senza dubbio prendere in considerazione la possibilità di farti conoscere in giro. L’idea migliore è quella di individuare i magazine online più seguiti del settore, contattarli e richiedere la possibilità di pubblicare sulle loro pagine dei tuoi contenuti. Così facendo potrai sfruttare una vetrina enorme che ti metterà in contatto con tante persone e, inoltre, darai al tuo sito un’aria affidabile e super-professionale.

Inizia quindi a selezionare i siti di riferimento del tuo specifico settore, contattali e chiedi loro disponibilità per pubblicare tuoi contenuti.

#5. Creare un blog

Se i contenuti pubblicati su altri magazine possono aiutarti ad attingere traffico, quanto può esserti utile avere una seconda piattaforma personale da affiancare al sito? Stiamo parlando di creare un blog (si consiglia in tal caso l’utilizzo di un sottodominio), una delle migliori soluzioni per ampliare il proprio pubblico.

Dopo aver lanciato il blog, inizia a strutturare un calendario editoriale che includa tutti quegli argomenti che gli utenti stanno cercando. La contenutistica deve essere ben curata e costruita secondo uno stile che possa definire il tuo Brand.

Il servizio migliore per creare un blog (aziendale o meno) è il piano ottimizzato hosting WordPress.

#6. Velocizzare il sito

Non è possible conquistare una buona reputazione online se non si rispettano alcuni parametri essenziali. Per citare un esempio, le prestazioni del sito. Se gli utenti arrivano sul tuo sito e devono sopportare tempi di caricamento lentissimi, puoi star certo che andranno via presto per non tornare mai più.

Per evitare questo disastro, non c’è altra soluzione che velocizzare il sito e renderlo “rapido e scattante”. In tal caso, un servizio web hosting è ciò che ti serve. Con la giusta casa digitale adibita a ospitare il sito, le performance potranno migliorare all’istante, regalando una piacevole esperienza di navigazione. Aspetto da non sottovalutare: Google tiene conto delle prestazioni del sito per il posizionamento dei contenuti, perciò non è errato dire che un hosting ti garantisce enormi vantaggi anche in ottica SEO.

Approfondimento: alcuni consigli per scegliere un hosting.

#7. Lanciare campagne pubblicitarie

In un paragrafo precedente è stato fatto un riferimento al marketing online, un tema che va approfondito. Creare delle campagne pubblicitarie sulle principali piattaforme web (un nome su tutti, Google) ti permette di raggiungere gli utenti giusti con un altissimo grado di precisione.

Con lo sviluppo di campagne pubblicitarie su Google Ads avrai l’occasione di agganciare quegli utenti che fanno determinate ricerche su Big G, a cui verranno mostrati i tuoi annunci sponsorizzati. Certo, questa è un’opzione che richiede l’utilizzo di un budget. Ma alla fine ne verrà la pena per i grandi risultati che arriveranno. Oltre a Google, un’altra piattaforma su cui lanciare campagne pubblicitarie è senz’altro Facebook.

Pronto ad avviare le tue campagne pubblicitarie? Segui i nostri consigli sia per creare annunci efficaci su Google Ads che per trovare i tuoi clienti su Facebook (conditio sine qua non per avviare campagne vincenti).

#8. Correggere il tiro

L’ultima dritta che vogliamo darti è quella di… correggere il tiro! Con questa espressione vogliamo sottolineare come, a volte, l’attività pubblicitaria potrebbe non dare risultati se è indirizzata in maniera adeguata. Se le campagne pubblicitarie o la strategia SEO non funzionano, allora si dovranno valutare dei cambiamenti.

Per individuare le pecche di una strategia e metterci una pezza, è necessario l’utilizzo di strumenti per monitorare l’andamento di un sito e (al tempo stesso) di ottimizzare una strategia poco efficace. Lo strumento migliore per questo indispensabile lavoro di monitoraggio è, secondo il nostro parere, il software SEMrush.

Per concludere

Questi otto metodi su come aumentare le visite di un sito possono tornarti utili in ogni momento. Tieni conto che uno non esclude l’altro, anzi. Segui i nostri consigli per aumentare le visite, portare traffico qualificato sul sito e agganciare tanti nuovi potenziali clienti.

Provare per credere!

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button

Parla con un nostro consulente

Compila i seguenti campi e clicca su "Invia richiesta"