GuideLe dritte dal DatacenterServerServer e VPS

Come installare LAMP su Server Debian 10

Uno stack LAMP è un insieme di software open source generalmente installato insieme per permettere a un sistema di sviluppare applicazioni dinamiche. È il più utilizzato a livello mondiale tra i fornitori di servizi web hosting commerciali. In questo articolo daremo uno sguardo a come installare uno stack LAMP su server Debian 10, usando MariaDB, in sostituzione del più comunemente utilizzato MySQL.

Che cos’è LAMP

L’acronimo LAMP indica una piattaforma software per lo sviluppo di applicazioni web dinamiche. Prende il nome dalle iniziali delle componenti software con cui è generalmente utilizzata: Linux, per il sistema operativo, Apache come server web, MySQL come database e PHP come linguaggio di programmazione.

Grazie a questa infrastruttura vengono gestite le pagine web dinamiche, come quelle di blog, siti di notizie, e-commerce, forum, ecc.

Lo stack LAMP funziona tramite il seguente procedimento. Linux è la base su cui viene eseguito il server Apache, che a sua volta invia il codice sorgente con le informazioni a PHP che ha accesso al database MySQL. Le informazioni dei contenuti dinamici sono poi nuovamente inviate ad Apache e il risultato viene mostrato sul browser dell’utente.

Come detto in precedenza, lo stack LAMP utilizza solitamente MySQL come sistema di gestione database, ma alcune distribuzioni Linux, come Debian, utilizzano come sistema sostitutivo MariaDB, come nell’esempio da noi trattato.

Visualizziamo nel dettaglio gli step da eseguire per installare LAMP su server Debian 10.

Installare un web server Apache su Debian 10

Il web server Apache è un software per server HTTP open source, affidabile, sicuro e ampiamente utilizzato.

Per installare Apache è consigliabile utilizzare l’apt package manager di Debian come riportato di seguito:

# apt install apache2 

Quando l’installazione di Apache sarà completata, l’installer innescherà il sistema systemd e il server manager per avviare il servizio Apache2 e abilitarlo ad avviarsi automaticamente con il boot di sistema.

Per verificare che il sistema Apache sia attivo e operativo basterà digitare la seguente linea di comando:

# systemctl status apache2

È possibile avviare, arrestare, riavviare e monitorare lo status di Apache utilizzando le seguenti linee di comando systemctl:

# systemctl start apache2.service 
# systemctl restart apache2.service 
# systemctl stop apache2.service
# systemctl reload apache2.service 
# systemctl status apache2.service

Qualora sia attivo il firewall ufw, sarà necessario aprire la porta 80 (www) e la porta 443 (HTTPS) per permettere il traffico in entrata su Apache.

# ufw allow www
# ufw allow https
# ufw status

Bisognerà poi verificare che Apache sia installato correttamente e che riesca a servire le pagine web. Sarà necessario aprite un browser e utilizzate il seguente URL per accedere alla pagina Apache Debian di default.

http://SERVER_IP/
OR
http://localhost/

Installare MariaDB su Debian 10

Una volta messo in funzione il server web Apache, sarà necessario installare il sistema database per poter mantenere e gestire i dati del proprio sito web.

Per installare MariaDB, sarà necessario l’apt package manager di Debian come mostrato di seguito:

# apt install mariadb-server

Una volta installato MariaDB, è raccomandato avviare il seguente script di sicurezza, per rimuovere alcune impostazioni di default non sicure e disabilitare l’accesso al database.

# mysql_secure_installation

Lo script di sicurezza appena digitato condurrà attraverso una serie di domande grazie alle quali sarà possibile apportare delle modifiche al setup di MariaDB.

Qualora si desideri creare un database denominato "keliweb_wpdb"  e uno user chiamato "keliweb_wpuser" con totali privilegi sul database, basterà inserire i seguenti comandi:

# mysql -u root -p
MariaDB [(none)]> CREATE DATABASE kelwieb_wpdb;
MariaDB [(none)]> GRANT ALL ON keliweb_wpdb.* TO 'keliweb_wpuser'@'localhost' IDENTIFIED BY 'password' WITH GRANT OPTION;
MariaDB [(none)]> FLUSH PRIVILEGES;
MariaDB [(none)]> exit;

Sarà possibile confermare che il nuovo user ha tutti i permessi sul database accedendo a MariaDB con le credenziali dello user, come mostrato di seguito:

# mysql -u keliweb_wpuser -p
MariaDB [(none)]> SHOW DATABASES;

Installare PHP 7.3 su Debian 10

PHP (Hypertext Preprocessor) è un popolare linguaggio scripting utilizzato per costruire la logica per mostrare il contenuto web e per far si che gli utenti possano interagire con il database.

Per installare il pacchetto PHP, basterà utilizzare il seguente comando:

# apt install php libapache2-mod-php php-mysql

Se si desidera aggiungere moduli PHP aggiuntivi, bisognerà effettuare la ricerca e procedere all’installazione, utilizzando la combinazione comando apt-cache e comando grep, come indicato di seguito:

# apt-cache search php | egrep 'module' | grep default

Infine, bisognerà ricaricare la configurazione di Apache e verificarne lo status con il seguente comando:

# systemctl reload apache2
# systemctl status apache2

Testare il funzionamento di PHP

Sarà sufficiente creare un semplice script PHP per verificare che Apache possa processare richieste per file PHP.

# nano /var/www/html/info.php

Poi, digitare il seguente codice PHP, all’interno del file:

<?php phpinfo(); ?>

Appena terminata l’operazione, bisognerà salvare e chiudere il file.

Sarà poi necessario aprire un browser e digitare il seguente indirizzo per verificare che il web server possa mostrare contenuti creati tramite questo script PHP.

http://SERVER_IP/info.php
OR
http://localhost/info.php

Nel caso in cui il processo di installazione di PHP sia andato a buon fine, l’utente visualizzerà una pagina contenente dei dettagli base in merito all’installazione di PHP, che risulterà utile ai fini di eventuali attività di debug. Mostrerà, inoltre, informazioni riservate in merito al proprio PHP.

Dunque, è altamente consigliata la rimozione di tale file dal proprio server.

La proposta di Keliweb

Keliweb offre numerose soluzioni sia per Server Dedicati che VPS Cloud, tra cui l’utente potrà scegliere quella più adatta alla proprie esigenze.

Server Dedicati e Virtual Private Server sono completamente personalizzabili a partire dal sistema operativo, che sarà possibile modificare in qualunque momento e arricchire con software di gestione come cPanel o Plesk.

Sia le macchine fisiche che quelle virtuali sono dotate di indirizzo IP italiano e possono essere gestite in piena autonomia da parte dell’utente dal proprio pannello di controllo. Inoltre, è possibile aggiungere al piano prescelto l’opzione di backup automatico su Cloud per salvare in sicurezza tutti i propri dati.

I clienti che desiderano dedicarsi unicamente alla gestione del proprio business o non hanno competenze sufficienti per la gestione diretta di un piano dedicato o di un server virtuale, possono avvalersi del servizio di assistenza “Managed”, che garantisce supporto personalizzato, monitoraggio continuativo e interventi schedulabili in accordo con i nostri tecnici.

Per ulteriori informazioni sui prodotti è possibile contattare il nostro supporto tramite telefono, ticket system e chat. Il Team Keliweb è sempre pronto a guidarvi verso la soluzione più vicina alle vostre necessità.

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button