E-Commerce

Come gestire la reputazione di un e-commerce

Tra i tanti settori in crescita nel periodo definito quarta rivoluzione industriale, ce n’è uno in particolare che sta emergendo in maniera prorompente: il commercio elettronico. In questo articolo analizzeremo come gestire la reputazione di un e-commerce, per darti una mano a proteggere il tuo Brand online.

I nostri consigli per gestire la reputazione del tuo sito e-commerce

Prendersi cura della reputazione del proprio negozio virtuale è un tassello essenziale per poter fare affari sul web. Se un’azienda non riesce a conquistare la fiducia delle persone, sarà molto difficile che esse decidano poi di acquistarne i prodotti.

Ecco perché devi fare tutto il possibile per garantire che il tuo Brand abbia sempre una buona considerazione presso gli utenti. Se permetti, vorremmo darti qualche suggerimento.

#1. Fase d’acquisto semplificata

Sai che gran parte degli acquisti online “saltano” proprio in dirittura d’arrivo? Il problema, in tal senso, riguarda sempre le diverse fasi del carrello di acquisto, spesso troppo complesse e perciò abbandonate dai clienti. Cosa fare per evitare che l’acquisto venga abbandonato a un passo dal traguardo? Semplifica al massimo la fase d’acquisto eliminando il superfluo.

#2. Sicurezza nei pagamenti

Se solo un cliente avrà un qualche problema con il pagamento di un prodotto (problema=furto di dati) il tuo business ne risentirà tantissimo. È indispensabile garantire ai clienti la massima tranquillità per i pagamenti online, utilizzando la crittografia per proteggere i dati e renderli invisibili a “occhi indiscreti”. Blinda i dati dei clienti e guadagnerai la loro fiducia.

Garantisci ai tuoi clienti dei pagamenti sicuri e “a prova di intrusioni esterne”.

Approfondimento: scopri l’importanza del Certificato SSL per gli e-commerce.

#3. Spingi sulle recensioni

Un cliente ha appena effettuato un acquisto e ha espresso la propria soddisfazione in merito all’esperienza sul sito? Allora spingilo a lasciare una recensione su una delle piattaforme su cui è conveniente avere un profilo aziendale per raccogliere le opinioni sul proprio lavoro (ti consigliamo di utilizzare Trustpilot). Le persone tendono a fidarsi di un’azienda su cui sono presenti recensioni di altri individui soddisfatti dall’esperienza fatta. Non perdere questa opportunità.

Per saperne di più, scopri perché le recensioni dei clienti sono così importanti per il tuo business.

#4. Garantisci un supporto costante

Sia per quel che riguarda il supporto commerciale che quello tecnico, è vitale riuscire a sostenere gli utenti in ogni singolo passaggio. Per avere una buona reputazione online devi garantire una costante vicinanza ai tuoi clienti e anche a coloro che ti contattano solo per chiedere informazioni. Sii sempre disponibile (indispensabile è l’organizzazione interna del team) e le persone ti ripagheranno con stima, fiducia e… acquisti.

#5. Trasforma i commenti negativi in nuove opportunità

Una delle più ghiotte opportunità nascoste che il web procuri è, paradossalmente, l’insieme di commenti negativi che prima o poi riceverai (anche se non hai nessuna colpa). Tante aziende non rispondono alle critiche, eliminano i commenti o ancora peggio rispondendo con toni poco consoni. In realtà, i commenti negativi (sui social, Google, Trustipilot ecc) possono diventare delle ottime opportunità per migliorare la tua reputazione. A patto che, ovviamente, si riesca a mantenere la calma e un approccio professionale.

Forse non lo sai, ma esiste anche una branca che potremmo definire Comment Marketing.

#6. Dai un tocco “umano” al tuo Brand

Uno dei segreti per distinguersi dalla concorrenza è dare alla propria comunicazione un tocco “umano”. In pratica, si tratta di abbandonare quell’approccio iper-professionale, freddo e distaccato che le aziende hanno mantenuto per anni, con il risultato di creare un solco tra una realtà (l’azienda appunto) e il pubblico che, in tal modo, si è sempre percepito come estraneo. La sfida di oggi è quella di invertire la tendenza, far sentire il pubblico sempre più vicino e parte integrante delle scelte aziendali. Cosa fare quindi? Usa dei toni più leggeri, rendi il tuo linguaggio più simile a quello utilizzato dal pubblico, chiedi il parere delle persone. Fai tutto il necessario per far sentire le persone vicine all’azienda.

#7. Gioca con il Real Time Marketing

Seguendo il consiglio precedente, chiudiamo la nostra serie di consigli con un concetto chiave: il Real Time Marketing. Detto in soldoni, si tratta di un approccio che tiene conto di ciò che accade in giro per il web per prendere spunti per la creazione di nuovi contenuti. Un lavoro che richiede grandi dosi di creatività ma che, se ben sfruttato, può darti un ritorno d’immagine incredibile.

Il commercio elettronico in Italia nel 2019

Che questo sia un momento assai propizio per lanciare un sito e-commerce lo dicono i numeri che fotografano una situazione assai prospera, anche solo guardando al mercato italiano.

Secondo i dati forniti dalla Casaleggio Associati, il commercio elettronico in Italia ha un valore di oltre i 40 miliardi di euro, con quasi 40 milioni di consumatori online. Numeri importanti che non lasciano spazio a dubbi: questo è il momento giusto per creare un sito e-commerce.

Infografica di proprietà della Casaleggio Associati.

Un altro dato interessante è che gli italiani si dimostrano assai propensi a fare acquisti online da mobile, considerazione che rende necessaria la creazione di un sito responsive.

Inoltre, è essenziale valutare servizi web che possano rispondere al meglio alle singole esigenze. Se il tuo negozio virtuale ha una clientela non solo sul territorio italiano ma anche nel mercato internazionale, la cosa migliore che puoi fare è optare per la Rete CDN che ti permette di velocizzare il tuo sito in tutto il mondo (migliorando l’esperienza degli utenti senza problemi di distanze).

Non ci credi? Prova subito la nostra CDN, i primi 10 GB sono gratis!

Per concludere

Sono sempre più numerose le aziende italiane che decidono di optare per il commercio online. Non tutte, però, riescono a prendersi cura della propria reputazione. Segui i nostri consigli su come gestire la reputazione di un e-commerce per fare la differenza e diventare un punto di riferimento nel tuo settore.

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button