Tutorial

WordPress GDPR: un plugin per rendere conforme il tuo sito

Nel corso degli ultimi mesi c’è stata una novità che ha messo in crisi un numero incalcolato di utenti, professionisti, imprenditori e chi più ne ha più ne metta. Stiamo parlando del GDPR, il nuovo regolamento sulla protezione dei dati promulgato a maggio 2018. Una novità che sembra creare difficoltà ancora oggi, proprio per questo vogliamo fornire alcuni suggerimenti su uno strumento per WordPress GDPR.

WordPress GDPR, perché mettere a norma il tuo sito

Una volta diventata legge, la nuova normativa GDPR non può più essere ignorata. Bisogna perciò riflettere su quale possa essere la migliore soluzione per rendere il proprio sito conforme alle direttive ed eliminare qualunque rischio di avere problemi nel prossimo futuro.

Abbiamo deciso di analizzare una soluzione WordPress per diversi motivi, in primis per il fatto che questo è il CMS più utilizzato sul web. Utile sia per blog aziendali che per siti web e negozi e-commerce, WordPress è un software semplice da usare e perciò alla portata anche degli utenti meno esperti.

Approfondimento: ecco i 10 motivi per scegliere WordPress.

Il miglior plugin WordPress per il GDPR

Come hai potuto leggere nel link che ti abbiamo lasciato qui sopra come approfondimento, una delle caratteristiche più interessanti di WordPress è la disponibilità di tantissimi plugin.

A cosa servono i plugin? Grazie a essi è possibile potenziare le capacità di un sito, aumentandone le funzionalità di base in modo tale da renderlo più idoneo alle esigenze di chi lo gestisce.

Anche la normativa GDPR può essere risolta grazie a una particolare estensione WordPress.

Ginger, il plugin che risolve i tuoi problemi

Quello che vogliamo consigliarti non è l’unico plugin WordPress per GDPR, ma senza dubbio esso è uno dei più interessanti e semplici da usare.

Stiamo parlando di Ginger – EU Cookie Law, un plugin che ti permette di gestire i cookie in modo conforme a quanto stabilito dalla normativa GDPR. Una soluzione con il quale sarà davvero agevole rendere il tuo sito conforme alla normativa EU Cookie Law, bloccando così i cookie già prima del consenso degli utenti.

Una delle particolarità più stuzzicanti di Ginger è la possibilità per l’utente di personalizzare al massimo il banner da far comparire sul sito, sia come aspetto che per quel che riguarda la sua posizione all’interno della pagina.

Semplicissimo da configurare, abbiamo deciso di consigliarti questo plugin WordPress in particolare proprio per l’alto grado di personalizzazione concesso all’utente.

Si tratta quindi di una soluzione perfetta per coloro che vogliono mettere il proprio sito a norma di Legge senza dover optare per soluzioni complesse e di difficile gestione. Con il plugin Ginger metti a norma il tuo sito inserendo un banner che possa rispettare quello che è l’aspetto estetico del sito, mantenendo così una continuità essenziale per stabilizzare l’identità del Brand.

Il plugin Ginger – EU Cookie Law blocca i cookie di diversi servizi, tra cui:

  • Google Adsense
  • Google Analytics
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google+
  • Google Maps
  • YouTube
  • Vimeo
  • Disquis
  • ShareThis
  • JavaScript e Iframe personalizzati
  • Compatibile con WPML
  • Compatibile con Polylang

Volendo dunque fare un sunto finale, possiamo dire che il plugin Ginger si caratterizza soprattutto per la semplicità di configurazione e per la libertà di personalizzazione del cookie banner.

Come installare il plugin Ginger?

Niente di più semplice. Non devi fare altro che entrare nella dashboard di WordPress e cliccare su Aggiungi nuovo alla voce Plugin.

Inserisci il nome Ginger – EU Cookie Law e, una volta ,trovato, procedi con l’installazione e l’attivazione del plugin.

Concludi il tuo configurando le impostazioni generali e il banner (vedi screen del paragrafo precedente).

Ricordiamo cosa dice la normativa GDPR

Entrato in vigore lo scorso 25 maggio, il GDPR (General DataProtection Regulator) ha cambiato in maniera radicale il trattamento dei dati personali. L’intento della nuova normativa è quello di aumentare la fiducia degli utenti nei confronti di quelle nuove tecnologie che sono l’ossatura della cosiddetta Industria 4.0.

Scarica il testo completo della normativa GDPR.

Da maggio in poi, dunque, sono state azzerate tutte le differenze tra le Nazioni europee sulle regole per il trattamento dei dati personali. Con la normativa GDPR, tutti i Paesi dell’UE devono seguire i medesimi dettami.

In buona sostanza, con il nuovo regolamento viene messo in evidenza il fatto che le aziende devono chiarire quali dati vengono raccolti (e come vengono utilizzati), fornendo al visitatore del sito la possibilità di fornire o meno il consenso sulla raccolta e il trattamento dei dati.

Approfondimento: come mettere a norma GDPR un sito e-commerce.

Scegli soluzioni che ti garantiscono sicurezza

Il regolamento generale sulla protezione dei dati pone l’accento sul trattamento degli stessi ma, volendo allargare gli orizzonti, essa determina un cambio di direzione verso un web sempre più sicuro. Una decisione che si muove in scia rispetto alla decisione di Google di penalizzare i siti senza il protocollo HTTPS. Per non parlare di quel grande scandalo passato alla “storia” con il nome Cambridge Analytica.

Insomma, l’evoluzione degli strumenti e delle piattaforme digitali mette in risalto ancora di più il tema della sicurezza, per diversi ambiti. Ecco perché è indispensabile optare per soluzioni in grado di fornirti il massimo delle garanzie per proteggere i tuoi affari.

Keliweb garantisce un’ampia gamma di servizi web hosting con il quale, grazie alla cifratura dei dati e alle sofisticate protezione anti-malware (indispensabili per difenderti dai sempre più numerosi e complessi attacchi DDoS), per poter elevare il livello di sicurezza dei tuoi progetti web.

Per concludere

Mettere a norma il proprio sito con la normativa GDPR non è solo consigliabile ma imprescindibile. Con il plugin WordPress GDPR consigliato nell’articolo pensiamo di averti fornito un’indicazione in grado di mettere a norma il tuo sito internet.

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button