Tutorial

Geo-Targeting, organizza le tua campagne a seconda della posizione geografica

Lo sviluppo delle piattaforme digitali sta aprendo nuove strade per aziende e imprese che vogliono conquistare fette di pubblico sempre più ampie. A tal proposito, esistono diverse modalità per raggiungere un mercato più vasto, che vada ben oltre i confini nazionali. Ma raggiungere gli utenti può non bastare. Oggigiorno, infatti, è necessario sapere cosa proporre a seconda del tipo di pubblico.

Che cos’è il Geo-Targeting

Si parla di Geo-Targeting quando vengono prese in considerazione tutta quella serie di attività che mirano allo sviluppo di diverse tipologie di contenuti a seconda del tipo di clientela. Con l’espressione “tipo di clientela” si fa riferimento, come appare ovvio, all’appartenenza geografica del pubblico di riferimento.

Un’azienda sceglie di adottare questo tipo di attività quando vuole creare contenuti totalmente calibrati sulle diverse fette di pubblico, avendo a disposizione un patrimonio di informazioni importantissime su cui potersi basare.

Come costruire un’offerta localizzata

Per creare campagne pubblicitarie geolocalizzate bisogna lavorare in base alla posizione geografica degli utenti. I modi per costruire annunci sempre più efficaci, ovvero perfettamente orientati sul proprio pubblico di riferimento, sono diversi:

  • Si può trovare il pubblico su cui orientare gli annunci tramite indirizzo IP
  • Conoscere il luogo dell’utente tramite la posizione fornita dai dispositivi mobile
  • Differenti versioni del sito web, scelte direttamente dagli utenti a seconda della lingua desiderata e del luogo di provenienza
  • Gli utenti che inseriscono i propri dati in form di iscrizione, forum ecc

Insomma, le possibilità sono tante e ogni marketer può scegliere quale adottare per costruire annunci pubblicitari sempre più efficaci, o allo stesso modo avere il sito internet disponibile in “diverse versioni”, ognuna adatta a un particolare pubblico (pensiamo per esempio ai siti multilingua).

Conoscere il tuo pubblico, uno sguardo ad Analytics

Parlare di Geo-Targeting ci porta all’interno di quella grande branca del marketing digitale chiamata SEM, laddove viene investito un budget per costruire annunci pubblicitari a pagamento.

Per fare in modo che una pubblicità online porti ai risultati sperati, occorre per prima cosa conoscere il proprio pubblico e sapere a quali tipi di utenti ci si riferisca. Ecco perché è fondamentale, come base di tutta l’attività, l’utilizzo di Google Analytics.

Attaverso lo strumento messo a disposizione da Big G, sarà possibile raccogliere tutte le informazioni in merito al tipo di pubblico che fa acquisti sul sito web. Se pensiamo per esempio ai siti eCommerce, ci rendiamo conto ancora di più di quanto sia indispensabile questo primo lavoro di analisi.

Organizza le tue campagne Google Ads

Dopo aver raccolto tutti i dati in merito al pubblico, e aver deciso che tipo di pubblicità lanciare (e a quale pubblico), bisogna mettersi al lavoro con lo strumento che mette a disposizione tutto l’occorrente per settare un gruppo di annunci riferiti a un preciso mercato. Stiamo parlando ovviamente di Google Ads, ex Google AdWords.

Attraverso questa piattaforma, cardine del settore SEM, sarà possibile creare annunci sempre più perfezionati a seconda del pubblico che si intende raggiungere. Google Ads permette infatti di inserire una lunga serie di impostazioni per restringere il pubblico a cui mostrare gli annunci, come il Paese di riferimento, la lingua, la regione, addirittura il codice postale, ma anche gli interessi, gli argomenti, le parole chiave e altro ancora.

Partiamo dalle basi: scopri come creare una campagna su Google Ads.

Più informazioni si riusciranno a inserire, maggiori saranno le possibilità che gli annunci conquistino l’obiettivo prefissato (far cliccare gli utenti e trasformarli in clienti).

Per concludere

Mostrare i propri annunci a un vastissima platea potrebbe essere un fallimento, perché gran parte delle persone selezionate (con ogni probabilità) non sarebbero in linea con il target. Ecco perché è necessario essere in grado di localizzare una campagna pubblicitaria, sapere a chi mostrare gli annunci e diversificarli a seconda del luogo di appartenenza degli utenti.

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento