Web Marketing

Web Marketing per le PMI: strumenti e consigli utili

Come ampliare il volume d'affari delle piccole e medie imprese con il marketing digitale

La grave crisi che ha messo in ginocchio l’intera Europa (per non dire tutto il mondo occidentale) sembra essere ormai alle spalle. Negli ultimi 2-3 anni sono risaliti i consumi e gli investimenti, soprattutto in merito all’innovazione digitale, delle imprese italiane. Una crescita che porta il nostro Paese fuori dalle “sabbie mobili” e che lo rimette in pista, sulla scia delle altre Nazioni dell’Eurozone. In questa nuova crescita, un ruolo di primo piano lo recitano proprio le PMI.

Web Marketing per le PMI: come effettuare gli investimenti

Quando in una PMI si decide che è arrivato il momento di avviare una completa trasformazione digitale, occorre effettuare una serie di investimenti mirati. Non occorre gettare soldi per soluzioni poco attinenti con il proprio settore. Il miglior consiglio è quello di ottimizzare al massimo la propria presenza sul web, puntando su una manciata di servizi e soluzioni in grado di definire un’identità digitale forte e stabile.

Analizziamo punto per punto in cosa un imprenditore deve investire per digitalizzare la propria impresa.

Servizi per il sito web

Il primo investimento da effettuare è quello in merito ai servizi web hosting per creare il sito internet. Avere una vetrina digitale è essenziale per indirizzare gli utenti, farli arrivare all’interno di una propria piattaforma in cui vengono promossi servizi e prodotti. Nel caso delle piccole e medie imprese, il sito web rappresenta non solo un biglietto da visita ma l’identità stessa dell’azienda.

Dopo aver sviluppato la propria vetrina online, occorre sviluppare una strategia di Web Marketing che permetta di portare traffico qualificato sul sito. Per raggiungere questo scopo, le PMI devono definire dei budget per la creazione di campagne pubblicitarie su Google Ads, uno strumento messo a disposizione dal motore di ricerca che permette di creare annunci pubblicitari a pagamento visibili in cima alle SERP.

Approfondimento: scopri come creare annunci Ads efficaci.

Facebook Business Manager

Nel corso degli ultimi anni, grazie a una serie continua di aggiornamenti, Facebook ha compiuto la sua trasformazione da piattaforma in cui chiacchierare con gli amici a strumento essenziale per le aziende. Anche le piccole e medie imprese possono (devono) sfruttare le enormi potenzialità del social, gestendo le sponsorizzazioni tramite la versione dedicata al lavoro, ovvero Facebook Business Manager.

Approfondimento: scopri perché Facebook è importante per le PMI.

LinkedIn Ads

Sul web non esiste piattaforma migliore di LinkedIn per restare in contatto con professionisti e altre imprese. L’investimento per sponsorizzare contenuti su LinkedIn Ads consente a una PMI di puntare a un pubblico ben preciso, composto esclusivamente da professionisti. In questo modo, si potrà allargare il volume d’affari, stringere collaborazioni con altre aziende e trovare anche nuovi collaboratori.

Email Marketing

Per poter competere sul web, una PMI non deve essere statica. Chi dirige l’impresa deve individuare i canali giusti per promuovere la propria attività, creando così un dialogo con gli utenti. L’utilizzo della posta elettronica, attraverso una strategia di Email Marketing, consente di sviluppare un rapporto diretto con le persone che potenzialmente rientrano (per caratteristiche) nel profilo del cliente ideale.

Il ruolo delle PMI nell’economia nazionale

L’Italia è un Paese che non ha potuto fare granché affidamento sulle grosse multinazionali, vista la loro scarsa presenza nel tessuto industriale, per tirarsi fuori dalla crisi. Per uscire dalla situazione di stallo e far ripartire l’economia, si è dovuto fare affidamento all’attività delle piccole e media imprese che rappresentano (secondo la BCE) il traino dell’economia italiana.

Per quanto si possa pensare il contrario, sono proprio le PMI a tenere a galla l’economia nostrana. Il lavoro dei piccoli imprenditori fa da spina dorsale al tessuto nazionale, dando anche filo da torcere ai dirimpettai delle altre Nazioni appartenenti all’Unione Europea.

Gli italiani stanno dimostrando con i fatti di credere fortemente nell’innovazione. Contrariamente a quanto si possa pensare, con il luogo comune che ci vuole allergici alla modernità, stiamo dimostrando con i fatti di essere in linea con i maggiori Paesi del mondo in merito agli investimenti in nuove tecnologie e in digitale.

Le piccole e medie imprese e la digitalizzazione

Anche le aziende di piccolissime dimensioni (si parla infatti di microimprese) stanno iniziando a investire budget nell’innovazione. Oltre alle nuove tecnologie, che velocizzano la produzione, sono soprattutto i servizi e le conoscenze in ambito digitale a recitare un ruolo di primo piano per quel che riguarda gli investimenti.

Le PMI che decidono di andare incontro alla modernità ottengono notevoli vantaggi in termini di velocità di produzione, ampliamento dei mercati, maggiore qualità dei servizi ecc. In particolar modo, la digitalizzazione dei sistemi permette di migliorare sensibilmente la gestione interna dell’azienda stessa. Ottimizzazione dei tempi, investimenti mirati e raggiungimento di nuovi mercati tramite l’utilizzo degli strumenti digitali (come analizzato in precedenza).

La situazione delle PMI italiane è estremamente positiva, con la grande sorpresa del ruolo di primo piano del Sud. Vi sono tantissime (migliaia) nuove piccole e medie imprese del meridione che, pur tra mille difficoltà, lavorano e investono nell’innovazione.

Una situazione, quella delle regioni meridionali, analizzata dal Rapporto PMI Mezzogiorno 2018 di Confindustria. Il rapporto mette in evidenza come, in particolar modo, le PMI del Sud siano cresciute dal punto di vista degli investimenti, superando di un punto percentuale la media nazionale.

Verso l’impresa 4.0

La cosiddetta quarta rivoluzione industriale sta trasformando l’intero panorama aziendale della società contemporanea. L’adozione di nuove tecnologie (robotica, intelligenza artificiale, stampanti 3D e molto altro ancora), l’utilizzo di servizi web e la crescita delle competenze in ambito digitale permettono alle PMI di guardare al futuro con rinnovato ottimismo.

La maggior parte delle piccole e medie imprese dimostra di avere le idee ben chiare sui benefici di una completa modernizzazione interna.

digital transformation obiettivi imprese italiane

Una serie di miglioramenti che spingono le aziende nostrane a investire nell’innovazione tecnologia e digitale.

Una maggiore qualità dei servizi, nuovi metodi per interagire con i clienti, riduzione delle tempistiche per la produzione e una migliore gestione interna. Sono questi i motivi principali che portano gli imprenditori a effettuare investimenti nella crescita.

Per concludere

Le piccole e medie imprese italiane continuano a crescere, sia come numero sia come “dimensione” all’interno del panorama nazionale. Il lavoro degli imprenditori rappresenta un valore aggiunto nell’economia italiana, con il quale poter rilanciare un Paese per troppo tempo soggiogato da una crisi dura che ha messo in ginocchio tantissime realtà aziendali.

Grazie agli investimenti in attività di Web Marketing, le PMI possono accompagnare l’Italia verso un grande sviluppo economico.

Per saperne sull’attività pubblicitaria su internet, ti consigliamo di procurarti i migliori libri sul Web Marketing, così da poter definire una tua strategia vincente.

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button