Tutorial

Le specifiche del commercio elettronico internazionale

Analisi delle modalità di gestione degli eCommerce in giro per il mondo

Il tuo sito di e-commerce funziona molto bene in Italia. Hai in programma di espanderti al mercato internazionale. Ma i metodi applicati qui potrebbero non essere altrettanto efficaci negli Stati Uniti, in Cina o in Brasile.

Per comprendere meglio le specificità del commercio, e per estensione del commercio elettronico in tutto il mondo, SEMrush ha interrogato 18 esperti, provenienti da 9 paesi: Stati Uniti, Australia, Brasile, Italia, Spagna, Francia, Benelux, Russia e Cina.

Prima di dettagliare le particolarità osservate dagli specialisti locali, ecco alcune informazioni tratte dallo studio sulle tendenze dell’e-commerce. Sito ufficiale: questa è l’espressione più utilizzata dagli e-merchants in Italia, mentre nei paesi di lingua inglese e in Francia si usano spedizione gratuita o consegna gratuita. I tedeschi preferiscono insistere sulla scelta importante (grande auswahl) e gli spagnoli sul miglior prezzo (mejor precio).

In Italia, Francia, Regno Unito e Germania, lo sconto più applicato è del -50%. Altri paesi, come la Spagna, preferiscono salire al -70%.

Le specifiche del commercio elettronico negli Stati Uniti

Per il mercato statunitense, SEMrush ha intervistato Tracey Wallace, redattore capo di BigCommerce Blog, e Andrew Youderian, fondatore di eCommerceFuel. Ecco le principali caratteristiche menzionate da questi due specialisti.

Negli Stati Uniti come in Europa, “per la maggior parte dei prodotti, Amazon ti batterà su prezzo, velocità e comfort”. Devi distinguerti in un modo diverso offrendo prodotti unici e autentici piuttosto che semplici articoli generici. Per accompagnare il marketing dei tuoi prodotti, dedica il tempo a raccontare la storia della tua attività, parla del design degli oggetti, mostra le persone che li creano.

Lo Storytelling può avere un grande impatto dimostrando ai consumatori il valore unico dei tuoi prodotti. Ma anche se queste strategie possono offrire qualcosa di diverso dagli articoli referenziati su Amazon, dobbiamo tenere a mente che il gigante dell’e-commerce ha abituato gli americani al comfort e alla velocità: devi essere esemplare su questo punto e assicurare un servizio clienti di qualità.

I due specialisti insistono anche sulla dimensione del territorio americano – e quindi sulle specificità locale. Meglio “iniziare in piccolo”, conoscere la cultura di una città particolare; quindi espandere la propria attività in altre città di altri stati, adattando il discorso a questi mercati.

Un esempio che rappresenta l’interesse dell’unicità e del racconto intorno alla commercializzazione dei prodotti di ManCrates: “Vendono regali per gli uomini che vengono consegnati in una cassa di legno che si apre solo con un piede di porco (che è incluso, ovviamente). Hanno raggiunto il successo grazie alla loro originalità e al loro umorismo.”

Le specificità dell’e-commerce in Europa

Italia

In Italia, Milano e Roma rappresentano i due mercati principali del paese. Ci sono differenze tra il nord e il sud: al nord, si lavora dalle 9h alle 18h con una breve pausa a mezzogiorno; nel sud, la pausa pranzo è più lunga (circa 3 ore) e di solito si lavora fino alle 20.00. Si nota quando osserviamo i picchi di attività dei siti di e-commerce.

Daniele Rutigliano, CEO di Aproweb, ha detto che gli italiani sono molto attaccati al pagamento in contanti alla consegna. I pagamenti con carta di credito, per il quale è necessario inserire un codice o password non sono apprezzati. Le carte prepagate sono comunque molto popolari. Il fatto che gli italiani apprezzino i pagamenti in contanti li spinge a visitare i negozi, piuttosto che acquistare su Internet.

Molti di loro visitano i siti per scegliere i loro prodotti, quindi vanno al negozio per comprarli. Il tasso di conversione online è particolarmente basso in Italia, come il paniere medio: avere un negozio fisico in parallelo è un plus. Un esempio di una storia di successo italiana: YOOX.

Francia

Sul mercato francese, Hélène Tsoungui, Communication Director della Paris Retail Week , ci conferma che l’e-commerce sta andando bene. In Francia vi è un mercato vivace, dominato come in molti paesi da Amazon, ma anche Cdiscount, Fnac, e Sales-privee.

Come negli Stati Uniti, l’autenticità e la provenienza dei prodotti sono di grande importanza: “molti e-commercianti francesi usano l’immagine del Made in France, ha dichiarato Nicolas Chevalier, CEO di Ecommerce Nation. “Nel nostro mercato, è sempre più difficile distinguere il prezzo e l’unico modo per andare avanti è costruire un marchio forte vicino agli utenti. “

Grégory Florin, SEO Manager di La Redoute, fornisce alcune indicazioni per ottenere buoni risultati: “Mi sembra più rilevante lavorare con query intermedie per iniziare a generare traffico SEO” . Alcuni player sono stabili sul mercato francese da molto tempo, non è facile attaccarli frontalmente se ci riferiamo a grandi volumi e richieste competitive.

Benelux

Il Benelux è molto speciale: si trova nel mezzo di mercati relativamente saturi (Germania, Regno Unito …) e le opportunità di business sono reali. La crescita è molto più forte che nei paesi vicini. Secondo Jonathan Gillyns, direttore dello sviluppo internazionale di Bol, non è saggio modellare la strategia applicata nei Paesi Bassi a quella applicata nella parte fiamminga del Belgio. “Ci sono molte differenze culturali e linguistiche che hanno un impatto sul successo della tua strategia digitale (SEO / SEA).”

Inoltre, evita siti urlanti con una moltitudine di offerte per attirare i clienti” . Nel Benelux si preferiscono siti puliti, ben strutturati con un design minimalista. Ultimo ma non meno importante: fare tutto il possibile per ottimizzare la consegna, le persone qui sono abituati a ricevere gli articoli in 24 ore.

Spagna

In Spagna le attività più dinamiche sono quelle legate al turismo. Gli utenti apprezzano particolarmente i siti spagnoli, preferendoli spesso a quelli delle multinazionali.

Per quanto riguarda le difficoltà, possiamo menzionare la scarsa qualità della logistica: secondo alcune stime, 3 ordini di e-commerce su 10 non vengono consegnati (ritardi, furti, danni, tempi di consegna troppo lunghi, l’acquirente è assente…). Su questo punto, i giganti come Amazon, Zalando o El Corte Inglés saranno sempre migliori.

Per quanto riguarda le opportunità, Iñaki Tóvar, CEO di Webpositer, afferma che i siti sono generalmente mal progettati. I tassi di conversione sono quindi relativamente bassi, specialmente sui dispositivi mobili, mentre il 60% delle visite ai siti di e-commerce sono effettuate dai cellulari e le app. La SEO è scarsamente controllata, così come la SEA, quindi dovresti essere in grado di imporre il tuo brand operando l’acquisizione dall’inizio.

Le specificità del commercio elettronico in Cina

I siti cinesi offrono regolarmente “notizie, offerte e promozioni”, osserva Véronique Duong, manager dell’agenzia Rankwell. La gente può trovare praticamente tutto sui siti di Alibaba, Aliexpress e Tabao. I prezzi sono molto bassi, l’interesse per l’alimentazione è esuberante. “Una grande tendenza oggi in Cina è WeChat che è ampiamente utilizzata dai cinesi. È diventato il social network “must have” per tutti i tipi di brand e aziende .

Avviare la propria attività in Cina non è facile: “Il governo cinese difende fortemente il suo mercato, è quindi impossibile per gli stranieri detenere azioni di una società al 100%, deve esserci almeno un azionista cinese. Inoltre, il capitale azionario autorizzato richiede ingenti investimenti “, afferma Anastasya Shkurina, specialista nello sviluppo dell’e-commerce in Cina. Lei consiglia di interessarsi alle credenze e alla filosofia dei cinesi, piuttosto che mostrare solo un interesse finanziario. “Apprezzano l’amicizia, quindi i negoziati sono spesso accompagnati da cibo, bevande e regali. È un’altra cultura dei negoziati, con le sue regole e i suoi principi .

Le specificità del commercio elettronico in Russia

La Russia è uno dei leader in termini di crescita della base di consumatori. Pertanto, il mercato dell’e-commerce in Russia ha un buon potenziale. Ma dovrai affrontare una sfida scoraggiante: la logistica. “Lavorare in modo efficiente su un vasto territorio è estremamente difficile”, afferma Mikhail Slavinsky, direttore generale del discount elettronico di Citylink.

I settori principali dell’e-commerce sono molto competitivi, quindi è consigliabile concentrarsi su nicchie. Ma attenzione ai divieti: “la vendita di prodotti alimentari è limitata da un gran numero di regolamenti”.

Valentina Pacitti

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento