Verifica GRATIS la disponibilità e registra subito il tuo dominio internet.

Non solo Google, ora anche Facebook premia i siti web veloci

Siamo nel pieno di questo bollente agosto, un momento in cui la maggior parte dei clienti vanno in vacanza mettendo per un attimo da parte la propria attività. Il mondo dei social, però, non dorme. Facebook ripropone ancora una volta un aggiornamento ufficiale che punta a dare maggiore spazio ai siti web veloci.

Facebook premia i siti web veloci

Un cambiamento davvero importante che, al netto del periodo di ferie (per alcuni), merita tutta l’attenzione del caso. Visto che ormai gran parte delle connessioni avviene attraverso dispositivi mobile, Facebook ha deciso bene di garantire maggiore spazio nel news feed ai siti web perfettamente ottimizzati.

http/2

Con il nuovo aggiornamento, il leader dei Social Media punta l’attenzione sulla qualità: nel news feed trovano perciò maggiore spazio i siti web veloci. I tempi di caricamento di un sito diventano quindi parametri fondamentali per fare in modo che determinati contenuti vengano visualizzati dagli utenti.

In questo modo, avendo un sito web più veloce, Facebook promette un salto di qualità. Il nuovo aggiornamento stravolge, in un certo senso, il flusso di notizie che tutti noi visualizziamo ogni volta che apriamo il social. I contenuti verranno quindi (nei prossimi mesi) selezionati in base alla velocità, cosa che renderà il news feed meritocratico a seconda di determinati parametri ben precisi.

Come rendere veloce il tuo sito

Visto quindi l’ultimo aggiornamento, per conquistare ancora considerevoli porzioni di spazio nel news feed del social hai a disposizione una sola mossa: rendere veloce il tuo sito web. Solo così i tuoi contenuti potranno comparire a un numero dignitoso di utenti, in particolar modo per quel che riguarda la connessione da mobile.

Diventa perciò importante fare in modo che i tempi di caricamento delle pagine del tuo sito siano bassi, visto che quasi il 50% degli utenti abbandona un sito dopo soli 3 secondi di ritardo nel caricamento.

Bisogna quindi fare tutto il necessario per rendere più veloce il tuo sito web. Di seguito, alcuni consigli per migliorare le prestazioni di un sito.

#1. Immagini compresse

Costruire un sito web perfetto nella struttura e poi inzepparlo di immagini pesantissime non è proprio una grande idea. Questi elementi, infatti, renderanno molto più lento il sito stesso, col risultato che aumenteranno i tempi di caricamento. Cosa che porterà a un’inevitabile spazientimento dei tuoi visitatori, stanchi di aspettare per visionare una pagina.

Puntare su immagini di bassa qualità per ovviare al problema non è di certo la scelta ideale. La cosa migliore da fare per caricare immagini di qualità senza appesantire il sito è comprimere le immagini scelte di volta in volta. Perciò, quando decidi di caricare una nuova immagine sul sito ricordati di passare da TinyPNG per alleggerire il carico.

#2. Codice minimizzato

Un altro saggio consiglio per rendere più leggero e veloce il tuo sito web è quello di lavorare sul codice e sui file che lo compongono. Su internet sono disponibili diversi tool che permettono di effettuare un lavoro del genere. Quello che ti consigliamo noi si chiama Minify.

Utilizzando questo strumento sarà possibile comprimere i fogli di stile, JavaScript e il codice HTML senza pericoli di creare qualche danno. Così facendo, il sito ne guadagnerà tantissimo in velocità.

#3. Hosting veloce

Per migliorare le prestazioni di un sito web non esiste miglior modo che individuare un piano hosting veloce adatto alle proprie necessità professionali. Scegliere un piano ottimizzato ti permette di usufruire delle risorse adatte a seconda del tuo sito, passando dal blog a un sito E-Commerce ecc.

Questa scelta deve essere ben ponderata, non solo nella scelta dell’hosting provider più affidabile ma anche per quel che concerne il tipo di servizio da acquistare. Per non commettere errori devi conoscere perfettamente il tuo ambito professionale. Per i siti web che richiedono maggiori risorse, che quindi necessitano di qualcosa che superi le limitazioni dei piani condivisi, è possibile valutare l’acquisto di servizi ancora più performanti.

#4. Utilizzare AMP

Una delle caratteristiche più interessanti del web è che si possono trovare diversi strumenti e software adatti in pratica a qualsiasi cosa. Per quel che riguarda le performance di un sito, un’ottima idea è utilizzare AMP, un progetto di Google grazie al quale potrai dare una bella scossa positiva alle varie pagine.

La dicitura AMP sta per Accelerated Mobile Page; sostanzialmente si tratta di uno strumento messo a disposizione da Mountain View per migliorare la velocità delle pagine di un sito per la navigazione mobile. Per avere maggiori informazioni sull’argomento, ti consiglio di dare una lettura a un articolo che spiega perché utilizzare AMP.

#5. Instant Articles

Un ultimo consiglio che volgiamo darti è quello di utilizzare Instant Articles, così da non pensare più ai tempi di caricamento di un contenuto e fare in modo che esso si apra direttamente nell’app del social. Con questa tipologia di contenuti resti all’interno del circuito di Facebook senza uscirne, così da non avere problemi di sorta.

Si tratta di una mossa creata dal social per lanciare un guanto di sfida nei confronti di Google, visto che con questo tipo di soluzione non si esce mai dal mondo di Zuckerberg per andare in siti che vengono analizzati da Big G. Può essere una buona soluzione per rendere veloce il tuo sito.

Leggi come creare il tuo primo Instant Article su Facebook.

Non si (può) vivere di solo advertising

Se nei primi anni di attività bastava pubblicare qualsiasi cosa per raggiungere un numero enorme di utenti, con il passare del tempo le cose sono notevolmente cambiate. Facebook ha deciso di rendere tutto più difficile e sofisticato, spingendo (per ovvi motivi economici) utenti e aziende a investire in attività di advertising per poter conquistare sempre più visibilità.

In pratica, quello che una volta si poteva avere gratuitamente adesso è diventato a pagamento. Un’azienda o un professionista che non decidono di stanziare un budget per creare campagne pubblicitarie, allora forse farebbero meglio ad abbandonare il social di Zuckerberg.

Con il trascorrere del tempo è diventato sempre più difficile conquistare un minimo di spazio senza advertising. Ecco perché diventa fondamentale, se si vuole utilizzare Facebook in modo professionale, avere la capacità di investire per sponsorizzare i contenuti. Non si può puntare solo sul traffico organico, anche se è possibile rosicchiare piccole porzioni di spazio attraverso dei piccoli accorgimenti, come rendere un sito veloce, giusto per fare un esempio.

programma di affiliazione

L’ennesimo aggiornamento di un social in continua evoluzione

Quest’ultimo è solo l’ultimo tassello di un processo di crescita che, nel giro di pochi anni, ha trasformato Facebook. Nato come una semplice piattaforma su cui chiacchierare con gli amici, adesso il social network è diventato un elemento di grande importanza sia per le persone che per le aziende che lavorano su internet.

Si parla sempre di più di settori come il Social Media Marketing, ovvero aumentare visibilità e ricavi attraverso i social. Nuovi settori professionali che rispecchiano appieno la crescita di questi canali (non solo Facebook) che non hanno solo stravolto il nostro modo di comunicare ma anche l’attività delle varie aziende che voglio sfruttare le potenzialità del web per raggiungere un determinato pubblico.

Per concludere

Facebook punta sempre di più sul mobile e, seguendo l’esempio di Google, desidera dare maggiore visibilità a quei contenuti che se lo meritano. Parlare di merito, in questo caso, può essere però un po’ fuorviante. Se per Big G la decisione di quali contenuti proporre in SERP dipende da una serie di fattori (la velocità è solo uno di questi), per Facebook i tempi di caricamento di un contenuto diventa IL fattore determinante per la visibilità nel news feed.

Questo fino a quando non dovremo iniziare a parlare di ottimizzazione dei contenuti per il motore di ricerca di Facebook, con regole tutte sue che potrebbero anche essere diverse da quelle di Google. A quel punto dovrai scegliere su quale tipo di piattaforma puntare a seconda del target che intendi raggiungere.

Il futuro è sempre più mobile e adatto per i siti web veloci.

Voti: 5.0. Su 1 voto.
Votazione in corso...
Mi piace
Mi piace Love Ahah Wow! Triste Grr!!

Lascia un commento

scroll to top