Tutorial

Crea un header efficace per il tuo blog, definisci la tua identità online

Per avere successo sul web bisogna curare ogni singolo dettaglio, senza scordarsi nessun punto. Parlando di blog, ovviamente realizzati con WordPress (il CMS più usato), creare un header efficace è fondamentale per dare una buona impressione immediata.

Gli utenti che navigano su internet sono in cerca di soluzioni rapide e veloci, perciò pndo non trovano quello giusto che attira la loro attenzione. Questo passaggio viene prima della valutazione dei tuoi contenuti. L’header è il biglietto da visita del tuo blog, lo specchio della tua identità online.

https

Che cos’è un header e perché è fondamentale

Con il termine header si intende la testata, l’intestazione di un determinato sito/blog. In parole povere, l’header è la parte superiore, quella che balza subito all’occhio dell’utente che decide di entrare nel tuo spazio web. Com’è facilmente intuibile, la testata di un blog deve essere realizzata in maniera perfetta.

Caro amico, qui ti giochi la tua reputazione su internet.

Come accennato in precedenza, l’header rappresenta il tuo biglietto da visita, il tuo modo di presentarti agli occhi dell’utente. Visto che questo individuo va di fretta (a dir poco), sarà proprio l’header a determinare la sua permanenza sul blog o il suo abbandono.

Le chiacchiere stanno a zero: o sei in grado di fare colpo dal punto visivo e funzionale o perdi il visitatore. Perciò, prima ancora di pensare a quale hosting acquistare per migliorare le performance del blog e anche prima di pensare a come strutturare i contenuti… prima di tutto questo, devi pensare a come creare un header efficace.

Come creare un header efficace

Creare un buon header per il tuo blog WordPress non è una cosa così semplice come potrebbe sembrare, tutt’altro. Vanno valutati diversi aspetti e va strutturato al meglio ogni singolo elemento. Nulla deve essere lasciato al caso, tutto deve essere perfetto e in linea con la tipologia di pubblico a cui il blog fa riferimento.

Vediamo quindi in 10 punti come realizzare un header ben fatto, analizzando ogni singolo elemento e mettendo in evidenza il perché sia importante per il tuo lavoro.

#1. Grafica

Primo elemento che dobbiamo analizzare è la grafica del blog. Questo, ovviamente, è il primo elemento che balza agli occhi del visitatore. Dal punto di vista grafico il tuo blog deve essere realizzato in maniera coerente con il tuo ambito professionale.

Se facciamo riferimento a un blog aziendale, è chiaro che dal punto di vista grafico non puoi permetterti di eccedere sia con i colori che neanche con uno stile eccessivamente caotico.

Per approfondire questo punto, puoi leggere i nostri consigli per la grafica del tuo sito web.

Il logo del tuo blog è il tuo volto digitale, ecco perché devi mettere tutta la tua creatività per realizzarlo al meglio (o affidarti a un web designer di comprovata bravura). Il tuo logo deve essere semplice, intuitivo e soprattutto in grado di esprimere e di suggerire un concetto ben preciso.

Il logo deve essere lo specchio della filosofia che fa da base al tuo lavoro. Definisci quindi la tua identità online con un logo semplice, chiaro, bello da vedere e che magari rappresenti un atto di rottura nei confronti della tradizione a cui il tuo lavoro appartiene.

In tal senso, prendi spunto dal lancio di un logo che ha fatto tanto parlare di sé.

#3. Pay Off

Ecco un altro elemento importantissimo per il tuo blog e la tua identità su internet. Il Pay Off è uno slogan, una frase che esprime il concetto su cui si basa il tuo lavoro e che rappresenta la base concettuale che muove l’attività del blog.

Il Pay Off farà parte del tuo logo, diventando così parte del tuo volto online. Se trovi lo slogan giusto, il tuo lavoro godrà di grandi vantaggi. Con un Pay Off vincente puoi porre un solco netto con i tuoi diretti concorrenti, il modo migliore per mettere k.o. la concorrenza e conquistare un pubblico sempre più vasto.

Non puoi mettere da parte questo elemento: scopri come scrivere un Pay Off vincente.

#4. Dimensioni

Come si suol dire le dimensioni contano. Da questo punto di vista, spesso vengono commessi diversi errori. Realizzati in buona fede, certo, ma sempre di errori si tratta. Lo sbaglio più comune è quello di voler eccedere realizzando header di dimensioni eccessive, colmo di elementi visivi che disturberanno solo il tuo utente che dovrà scendere nella pagina per trovare i tuoi contenuti.

Il miglior consiglio in questi casi è quello di puntare decisamente su dimensioni ridotte, presentare un header sobrio dal punto di vista visivo e poco invasivo.

#5. Menu

Il menu di navigazione del tuo blog deve essere posto, preferibilmente, sotto il logo. Crea un menu semplice e chiaro, senza eccedere con lo stile grafico e mettendo bene in risalto le categorie più importanti, così come le sezioni fondamentali come (per esempio) il chi siamo e i contatti.

Cerca anche in questo caso di essere semplice e di utilizzare, soprattutto, termini chiari. Il tuo obiettivo è quello di rendere il più semplice possibile la navigazione dell’utente.

#6. Banner pubblicitari

Altro elemento secondo me necessario per un blog WordPress (parlando sempre di un ambito aziendale) è l’inserimento di banner pubblicitari nella testata. Inserire banner a tema sottolinea l’aspetto professionale del tuo lavoro, oltre a dare precise indicazioni ai visitari che potranno così accedere a soluzioni e servizi utili.

Inserire un banner realizzato come si deve (semplice, di dimensioni non eccessive e con una call to action ben indicata) può dare lustro e importanza al tuo header.

#7. Slider

Forse pensi che questo punto potrebbe essere più utile per un sito E-Commerce che per un blog, ma a parer mio nella testata lo slider può starci più che bene. A seconda della natura del blog, uno slider può essere quell’elemento in grado di catturare l’attenzione di un utente frettoloso.

Nello slider puoi mettere in evidenza i contenuti più importanti o quelli più recenti, o magari ancora quelli che ritieni più in grado di attirare lo sguardo e l’interesse di un determinato pubblico. Un effetto dinamico che dona vita, movimento e un tocco di brio al tuo blog.

#8. Settore

La testata del blog deve essere semplice e chiara, certo, ma soprattutto attendibile con il settore di riferimento. Di cosa parlano i tuoi contenuti? Qual è l’attività che tratti maggiormente? A che tipo di target ti riferisci con i tuoi articoli?

Bene, una volta trovata la risposta a queste domande saprai quello che devi fare. L’header deve essere in linea con le regole del settore e in linea con le esigenze delle persone a cui stai puntando. Puoi cercare di essere un punto di rottura stravolgendo il tuo stile, ma si tratta sempre di salti nel buio che potrebbero costarti caro.

#9. Semplicità

Credo che ormai il concetto sia abbastanza chiaro, visto che il termine è stato ripetuto più volte nei paragrafi precedenti. Ripetere qualcosa di importante, però, è sempre una buona cosa. L’header del tuo blog deve essere semplice, sia per quel che riguarda l’aspetto grafico che per la struttura.

Non cercare di complicare le cose per il gusto di proporre un qualcosa di nuovo e di creativo. Punta sulla semplicità e sei sicuro di non sbagliare. Massima chiarezza per i tuoi utenti che ti ripagheranno con la loro attenzione.

#10. Social

Ultimo consiglio che voglio darti (poi la smetto, giuro) è che nell’header del tuo blog non dovrebbero mancare i pulsanti social.

Il collegamento con le pagine Social Media è importantissimo per ingrandire la tua rete e per permettere agli utenti di potersi collegare subito con i tuoi canali. Così facendo, dai il modo alle persone di entrare nel tuo circuito così da essere magari catturati dal contenuti e dai temi trattati.

Definisci la tua identità online

Tutti i punti elencati fino a questo momento per definire una realtà ben precisa, ovvero che l’header è quell’elemento che ti aiuta a creare una forte identità online. Insieme ad altre componenti importantissime, come le prestazioni del blog e la qualità dei contenuti pubblicati.

L’header definisce quello che sei.

Raccogli le idee, fai le cose con calma e pensa a come strutturare l’intestazione al meglio delle tue possibilità. Il tuo compito è quello di attirare l’interesse delle persone e per far questo la cosa migliore da fare è proporre un qualcosa di fresco e innovativo ma che al tempo stesso rispetti le regole base e che sia, soprattutto, in linea con il settore di riferimento.

Non devi conquistare la stima di tutti gli utenti ma devi far colpo su quelli giusti, quelli a cui sono destinati i tuoi articoli.

Secondo te come deve essere un header perfetto? Scrivi nei commenti la tua opinione e parliamone insieme.

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button