Verifica la disponibilità e registra subito il tuo dominio internet.
Home » I racconti di Keli » Consigli da blogger: come superare il blocco creativo
blogger blocco dello scrittore

Consigli da blogger: come superare il blocco creativo

Chi fa il blogger per professione, che si tratti di un freelance o di un dipendente di una particolare azienda, conosce perfettamente quel momento in cui il foglio elettronico diventa un muro invalicabile. Quel bianco immacolato resta bianco, le idee scarseggiano. È lui, il blocco creativo, lo spauracchio di tutti i blogger.

Se fino a qualche anno fa è stato l’incubo peggiore degli scrittori, oggigiorno sono i famigerati blogger (come il sottoscritto) devono purtroppo fare i conti con questo problema di non poco conto.

hosting per wordpress

Sei un blogger e hai il blocco dello scrittore. Sono guai

Il tuo lavoro è quello di gestire al meglio delle tue possibilità un blog, cercando di creare contenuti di qualità che possano accontentare gli utenti e Google. Ovviamente, se si tratta di un blog aziendale, i tuoi articoli dovranno portare conversioni, il parametro che determina tutto il nostro lavoro.

Il nostro obiettivo, cari colleghi, è quello di portare traffico qualificato verso il sito web della società che ci sta pagando. Se non riusciamo a fare questo, il nostro lavoro è praticamente inutile. Quando poi sei al soldo di un’azienda che ti ha messo a disposizione un blog perfettamente funzionante con un servizio web hosting di grande qualità, allora non puoi proprio permetterti di toppare.

Per fare il proprio lavoro e portare questo benedetto traffico sul sito dell’azienda bisogna essere sempre pronti a inventarsi qualcosa, avere le idee giuste per dare in pasto ai visitatori qualcosa di valido e possibilmente di interessante. Credetemi, un’impresa di non facile compimento.

Perché hai perso l’ispirazione

Che succede quando il famigerato blocco si presenta alla nostra “porta”? Succede che siamo nei guai seri, ecco la verità. Perdere l’ispirazione, non riuscire più a creare dei contenuti, non essere più capaci di articolare un ragionamento che possa spingere l’utente a compiere una determinata azione. Un guaio enorme per un blogger.

I perché di questo calo e della perdita di ispirazione possono essere tanti:

  • Stanchezza mentale
  • Stress
  • Scarsa conoscenza del proprio settore
  • Incapacità di individuare le necessità del proprio target
  • Risultati insoddisfacenti
  • Sfiducia nelle proprie capacità
  • Nessuna voglia di tenersi aggiornati
  • Mancanza di studio

Insomma, le cause possono essere tantissime. Il risultato, purtroppo, è il medesimo. Quel foglio elettronico resta bianco. Siamo noi che dobbiamo inzepparlo di contenuti di valore. Quello che dobbiamo fare è uscire da questo stato di impasse, a tutti i costi.

Come fare per ritrovare l’ispirazione perduta

Caro collega che stai vivendo questo momento di tremenda difficoltà, non disperare. Ci siamo passati tutti da questi momenti bui, ma alla fine in un modo o nell’altro se ne esce. Quello che ci vuole è una bella iniezione di energia, un pizzico di autostima in più e… sapere cosa fare.

Se mi permetti vorrei suggerirti alcune cosette (5 per la precisione) che puoi fare per superare il blocco dello scrittore/blogger, per tornare così a creare articoli a ritmo continuo, con piena soddisfazione di tutti, soprattutto di chi ti paga e che pretende da te risultati.

#Racconta una storia

Se non sai come uscire dal blocco, se il contenuto proprio non ti viene fuori in nessuna maniera, perché non racconti una storia? Invece di scrivere un articolo, nel senso più classico del termine, racconta qualcosa ai tuoi lettori. Ne avrai di storie da raccontare, anche guardando nel tuo passato. Ecco, scrivi una storia.

Attenzione, però! Non devi scrivere una storiella tanto per non lasciare il foglio bianco. Quello che devi fare è costruire una storia in cui i tuoi lettori possano riconoscersi, in modo che le soluzioni che andrai a suggerire nel tuo racconto possano essere davvero utili agli utenti. Non per niente si parla di Storytelling, attualmente una delle tecniche più utilizzate dai grandi professionisti del settore.

#Prendi spunto da altri blogger

Uno dei più gravi errori che un blogger/copywriter può commettere è rubare articoli (o parti di esso) da altri siti web. Ecco, allontana subito da te questa malefica tentazione che nei momenti difficili viene a farti visita. Possiamo trovare una comoda via di mezzo, così da avere nuovi spunti senza giocarti la reputazione online.

Prendi spunto dai tuoi colleghi, dai un’occhiata al loro modo di strutturare gli argomenti e valuta la scelta degli stessi. Dare una sbirciatina al lavoro di chi fa il tuo stesso lavoro può essere un ottimo metodo per superare il blocco, a patto che tu abbia rispetto per te stesso e per il lavoro altrui. Prendi spunto, cita se vuoi, ma non rubare contenuti. Mai!

#Dai un’occhiata ai trend

Quando sei in una situazione difficile, la cosa peggiore che puoi fare è chiuderti in te stesso. Gli stimoli per ritrovare l’ispirazione perduta sono lì fuori, nel mondo esterno. Perciò esci dal tuo guscio di malinconia e dai un’occhiata a ciò che ti circonda.

Oltre a dare uno sguardo a quello che combinano i tuoi colleghi, un’altra cosa che puoi (devi) fare è essere aggiornato sui trend del momento. Si tratta di una delle migliori soluzioni per sbloccare la mente e riprendere a produrre articoli a getto continuo. Approfitta dei trend del momento ma utilizza solo quelli che puoi utilizzare a tuo vantaggio, ovvero quegli argomenti che puoi veicolare e piegare alle tue esigenze.

#Calendario editoriale, questo sconosciuto

Capisco il blocco del blogger, ma se parliamo di una sfera professionale il problema dovrebbe essere facilmente risolvibile a priori, se mi concedi la citazione kantiana. Per gestire un blog aziendale è necessario sviluppare un calendario editoriale in cui sia appuntata tutto il lavoro da svolgere nel corso dei mesi.

Se avrai sviluppato al meglio il calendario, il problema del blocco sarà ridimensionato. Il tuo calendario editoriale saprà dirti cosa pubblicare, dando così al tuo lavoro un ordine e una regolarità necessari alla stabilità e alla reputazione del blog stesso.

Per approfondire questo punto, ti consiglio di leggere un articolo su cos’è come si fa un calendario editoriale.

#Parti dalle keywords

Sei seduto davanti il pc e non hai la minima idea di cosa scrivere. Bene, non perderti d’animo, puoi uscirne in modo semplice e veloce. Se non hai ispirazione (e se il tuo calendario editoriale tace in tal senso), parti dalla tua base, dalle fondamenta del tuo lavoro: le keywords principali.

Sarai sicuramente a conoscenza delle parole chiave su cui si sviluppa il tuo lavoro, ovvero quelle keywords che utilizzi e che stai monitorando. Si tratta di quelle paroline che stai cercando di ben posizionare su Google. Se sei a corto di idee, parti dalle keywords. Osservale. Soppesale. Pensa a un possibile argomento da trattare. Riflettici sopra, vedrai che qualche buona idea verrà fuori.

tool di migrazione

Per concludere

Caro collega/lettore/amico, non disperare. Il modo per uscire fuori dal blocco ci sono, io mi sono permesso di suggerirtene alcuni. Segui qualcuno dei miei consigli e fammi sapere se la cosa ha funzionato, la cosa mi interessa molto.

Scrivimi nei commenti la tua opinione, magari suggerisci ai nostri lettori qualche altro consiglio per superare questo tanto preoccupante blocco dello scrittore/blogger.

Keli

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

6 commenti

  1. Un ottimo articolo Vincenzo 😊 confermo, per esperienza personale, che stress e stanchezza mentale sono due brutte bestie 😊
    In questi casi, io faccio così; prima lotto con me stesso, per prendere una pausa (è una lotta, perché la voglia di scrivere c’è sempre), poi un riposino o un’attività ricreativa, un po’ di meditazione ed in fine, solitamente, si riparte alla grande 😉

    • Staff Keliweb

      Ciao Sergio, allora aggiungiamo a meditazione all’elenco di consigli per battere lo stress e ripartire con il proprio lavoro meglio di prima ;)

    • Sergio, in effetti riposare fa sempre bene – io, ad esempio, vado a passeggiare per la città – , però non sempre ne hai il tempo: il blocco può venirti può venirti nel momento meno opportuno!

  2. Anche generare conversazioni o “spiarle” – parlo di quelle on-line, naturalmente – può essere molto utile: è un elemento in più che si somma allo studio dei trend.

Rispondi