Web Marketing

SEO: ecco la strategia che ti offre la visibilità necessaria

Hai un progetto web, un e-commerce, un semplice sito di presentazione della tua azienda, insomma per ricevere visibilità e raggiungere i vecchi, ma anche i nuovo clienti, hai inserito nella tua strategia comunicativa il caro web. Quindi ecco che nella strategia di web marketing adottata per la tua azienda, non poi fare a meno detta cara vecchia Search Engine Optimization, più comunemente conosciuta con l’acronimo di SEO, che consente alla al sito aziendale di ottenere popolarità nell’oceano web.

Par far sì che il brand si fortifichi, diventare ricercato e guadagna visibilità, questo deve diventare popolare. Quindi si piuà dire che nel web più si diventa visibili, più si è popolari. Però ovviamente, per essere più visibili non basta ingaggiare uno sviluppatore web freelance o affidarsi a una società che sviluppata soluzioni web, così come non basta andare da soli ad acquistare un dominio, acquistare dello spazio di hosting e farsi da soli il sito.

Perché devi ricordarti che sul web non ci sono scorciatoie e improvvisazioni fai da te, anzi devi pensare che per arrivare al successo è fondamentale che la tua azienda o meglio il sito che rappresenta la porta di entrata via web nella tua società sia innanzitutto facilmente rintracciabile in tutti i motori di ricerca. Lo so che principalmente è Google Search che detta le regole, ma non dimenticarti, che se parli al mondo intero, ci sono anche altri motori di ricerca come Yandex (dedicato al mercato russo), Bing e Yahoo Search.

Quindi di che cosa hai bisogno per far breccia nei motori di ricerca e prendere la visibilità?

La risposta non è solo la SEO, ma anzi hai bisogno di una figura professionale che prende il nome di SEO Specialist, che ha il compito o meglio che è in grado di svolgere attività precise che consentiranno al sito web di ottenere un miglior posizionamento nelle SERP (cioè i risultati di ricerca) all’interno dei motori di ricerca come: Google Search, Yandex (dedicato al mercato russo), Bing e Yahoo Search.

Quindi direi di metterti comodo e iniziare a leggere quanto segue, perché come prima cosa ti spiegherò la distinzione tra le due principali macro-categorie che compongono la strategia di SEO Marketing, che un SEO Specialist mette di solito in pratica.

SEO On Page oppure solo SEO Off Page?

Nota in realtà la risposta più corretta è: Per una strategie di Search Engine Optimization di successo di deve pensare sia alla tecnica di SEO On Page e anche alla tecnica di SEO Off Page.

Scopriamo la SEO On Page

Questa strategia o tecnica, prevede l’ottimizzazione di un sito web attraverso una serie di interventi da svolgere all’interno delle sue pagine e dei post presenti sul portale, indipendentemente che stiamo parlando di un sito vetrina o un e-commerce. Diciamo che la lista degli interventi dovrebbe essere la seguente:

  • Ottimizzazione del codice HTML/PHP/CSS del sito web.
  • Ottimizzazione delle prestazioni di caricamento, quindi di velocità del sito (ti ricordo che Google lo ha detto a chiare parole: “la velocità di un sito aiuta a scalare le SERP).
  • Definizione corretta delle Keywords (parole chiave) che rappresenta la tua azienda e i tuoi servizi o prodotti.
  • Content Curation, cioè quella attività che deve dare rilievo ai contenuti del tuo un sito web.
  • Studio dell’architettura dell’informazione presenti all’interno del sito.
  • Pianificazione e controllo dei link interni.
  • Integrazione del sito con le varie piattaforme di social networking.

Perché è così importante questa tecnica e come si mette in pratica?

La SEO On Page di per sé ha lo scopo principale di agevolare la conversione, tutto questo grazie ad alcune particolarità come: Tag Title, Permalink o meglio collegamento permanente che è un tipo di URL che si riferisce ad una specifica informazione e Meta Description, che solleticano l’interesse e la curiosità dell’utente, quindi del potenziale cliente. Queste in realtà sono solo tre degli elementi di ranking più importanti. La lista sarebbe molto più lunga, anzi ci sarebbe anche una sorta di Checklist per la SEO On Page che ho trovato a questo indirizzo.

Accennavo prima le keywords (parole chiave), che combinate al Content Optimization, aiutano alla realizzazione e alla messa a punto di post/pagine con accorgimenti tecnici, ai fini dell’ottimizzazione dei contenuti del sito web.

La cosa importante che devi sapere è che l’obiettivo finale dei motori di ricerca, indipendentemente da chi lo ha sviluppato o lo offre, è quello di valutare se e quanto un sito web è in grado di rispondere ai bisogni che gli utenti ricercano, ed è in questo modo e grazie alle tecniche di ottimizzazione SEO On Page che i motori di ricerca decidono la posizione di un sito web nelle SERP.

Però come dicevo prima, non basta nella tua strategia di web marketing e ottimizzazione SEO, la tecnica e la chechlist per la SEO On Page, ma si deve mettere in pratica anche la SEO Off Page.

SEO Off Page

Questa strategia o tecnica, comprende tutta una serie di attività da svolgere al di fuori dalle pagine del sito web. Anche in questo caso ci troviamo davanti a una lista di alcune da mettere in pratica come:

  • Analisi delle posizioni occupate dal sito nelle varie SERP dai siti web dei tuoi diretti competitor.
  • Se per la SEO On Page, si deve controllare i link interni, nella SEO Off Page si deve prendere in considerazione tutti i link esterni che rimandano al tuo sito. In questo caso parliamo di Earning Link, che sostanzialmente si definiscono o meglio rappresentano questa cosa. Cioè che un buon link earning produce link di qualità che portano al al sito web un aumento effettivo di visibilità e quindi di potenziali clienti interessati ad acquistare i servizi o i prodotti offerti.
  • Utilizzare in modo responsabile e intelligente i Socia Media, perché essi possono essere una fonte di traffico al tuo sito e possono essere utilizzati come strumento per attirare l’interesse attorno al tuo brand e facendogli guadagnare visibilità, quindi popolarità.

Perché è così importante questa tecnica e come si mette in pratica?

È molto importante la SEO Off Page, perché non ti basta avere un sito super ottimizzato, se non conosci bene i tuoi competitor. Perché così come hai fatto te, stai sicuro che anche loro hanno contattato un SEO Specialist, che gli ha aiutato con la SEO On Page.

Poi la domanda che sorge spontanea è questa: Se non si analizzano i competitor, come si fa ad impostare una strategia di web marketing vincente, che dia visibilità e popolarità?

Quindi ecco che è molto importante studiare la concorrenza, per questo ti aiuta a capire come loro sono riusciti a posizionarsi nei motori di ricerca prima di te. Devi anche considereare che studiare i competitor, ti aiuterà sicuramente a trovare quali sono le eventuali carenze e lacune, ma anche quelli che sono punti di forza su cui fanno leva sui clienti e i potenziali clienti.

Anche in questa tecnica il SEO Specialist prende sotto mano le keywords e comincia ad analizzare come rispondono o meglio come si posizionano i competor, in questo modo va a ricerca e trovare dove vi è la possibilità di ottimizzare il contenuto del sito, per fa si che il tuo sito web o ecommerce scali le SERP e si posizioni prime dei tuoi diretti concorrenti.

Per la SEO Off Page un altro elemento importante è la comunicazione attraverso i canali social come: Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest, Snapchat, Google Plus, LinkedIn, Youtube o Telegram. È importante sapere che i social network oggi giocano un ruolo centrale nel processo di promozione aziendale e anche del sito web in se.

Concludiamo questo nostro cammino, parlando della SEO e l’importanza nel scegliere un servizio di Hosting Web SEO Friendly.

Caratteristiche di un Hosting Web SEO Friendly

Non è un fattore importante al 100% o meglio se andiamo a vedere cosa dicono alcuni, diciamo che l’hosting pare che non influisca sul posizionamento di un sito web e altri invece dicono di si.

Però si può stilare una lista di 3 fattori che indica se un servizio di Hosting Web è SEO Friendly. Si perché comunque il servizio di hosting web deve avere determinate caratteristiche, che devono essere valutare in base alle dimensioni del nostro sito web o e-commerce.

Adiamo a vedere la lista di questi 3 fattori:

1. Uptime e Downtime

Con Uptime e Downtime viene indicato il rapporto in percentuale tra le ore in cui il sito è visibile regolarmente (up), e le ore in cui non si riesce ad eccedervi (down). Va detto che un sito web può essere in down per vari motivi: DNS mal settati, manutenzione sull’hosting, server che prendono fuoco, etc. Diciamo che il 100% non esiste, ma il 98% si.

È importante che il rapporto Uptime e Downtime sia molto buono, perché devi sapere che gli spider bot dei motori di ricerca scansionano più volte il tuo sito durante il giorno, quindi nel momento in cui arrivano e trovano il sito in down lo segnano in un database e passano oltre. Questo significa che se durante la giornata o i giorni successivi il sito è sempre in down, il motore di ricerca potrebbe farvi scendere nel ranking.

Per questo, un buon Web Hosting SEO dovrebbe garantire almeno il 98% di uptime.

2. Velocità

Lo accennavo prima e lo ripeto adesso, già nel lontano 2010 Google ha espressamente dichiarato che la velocità con la quale le pagine si caricano è un fattore che influisce nel posizionamento del sito stesso.

Va anche detto che questo fattore è uno degli oltre 200 fattori che dovrebbero far parte dell’algoritmo di Google Search e che probabilmente influisce poco nel posizionamento, ma ha comunque sempre più influenza.

3. Location

Il terzo fattore che per me influenza sulla scelta di un buon Hosting Web SEO Friendly è la sua location geografica. I motori di ricerca guardano la posizione geografica di un sito quando decidono dove metterlo nelle SERP.

Flavius Florin Harabor

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button