Web Marketing

I motivi per usare Facebook at Work

Dopo un lungo periodo di test e di prove Facebook at Work è arrivato ed è pronto per essere sperimentato, si tratta della versione business del social network più diffuso al mondo.

Si rivolge al mondo del lavoro, ma in modo completamente diverso da quello di LinkedIn, infatti si propone come strumento di supporto per le aziende e i dipendenti, favorendo la comunicazione interna e lo scambio professionale.

Scopriamo tutti i vantaggi e i possibili svantaggi di questa nuova piattaforma di Facebook.

Facebook at Work consente di creare un account di lavoro che è separato dal proprio account personale di Facebook, è quindi possibile utilizzare gli strumenti di Facebook per interagire con i colleghi di lavoro. Le informazioni condivise con l’account di lavoro saranno visibili solo ad altre persone interne all’azienda.

In altre parole, Facebook at Work è un servizio di social networking per le imprese.

Il suo utilizzo prevede dunque che le piccole e grandi aziende possano condividere gli aggiornamenti di stato, documenti, messaggistica di gruppo, e altre informazioni pertinenti il lavoro.

Le persone possono collaborare su Facebook at Work attraverso il web e le sue applicazioni Android e iOS.

I benefici potenziali di Facebook at Work

Perché le piccole aziende dovrebbero utilizzare Facebook at Work?

Facebook ha “caratteristiche uniche” per la collaborazione sul posto di lavoro, si tratta di una grande rete mondiale di utenti registrati che possono avere una migliore cooperazione sul luogo di lavoro.

È un modo molto più semplice per comunicare, Facebook afferma che la work chat, una caratteristica fondamentale del servizio, potrebbe sostituire l’infinito avanti e indietro di e-mail con un modello di messaggistica più immediato. Gli utenti possono iscriversi solo per le conversazioni a cui sono interessati, invece di fare i conti con infiniti e lunghi messaggi di posta elettronica.

Produttività

Un altro elemento di vantaggio è la maggiore produttività, Facebook at Work

utilizza la stessa interfaccia a livello globale del popolare social network Facebook.

I lavoratori sono più produttivi quando usano strumenti che consentono loro di applicare le stesse competenze nel lavoro e nella vita digitale e quando usano piattaforme che già conoscono a pieno.

Nessuna pubblicità

A differenza del servizio di Facebook tradizionale, è molto probabile che Facebook at Work sarà a pagamento, (ora è nella versione freemium) alle aziende sarà richiesto un canone di abbonamento, per evitare di dover ricorrere alla vendita di annunci pubblicitari per sostenere il servizio. Tuttavia, al momento non si hanno dettagli e previsioni sui prezzi.

Il servizio ha molteplici scenari ed ipotesi di utilizzo, le aziende possono usarlo in molti modi diversi: ad esempio per le comunicazioni interne, per i sondaggi, per le conference call; per le attività esterne con partner commerciali e fornitori.

Gli svantaggi di Facebook at Work

I potenziali pericoli di Facebook at Work

I motivi per cui le piccole aziende potrebbero rifiutare l’impiego di Facebook at Work

Privacy e problemi di sicurezza

La sicurezza è sempre stato un grosso problema per Facebook, non di rado ha dovuto affrontare le critiche per il cambio frequente delle sue politiche sulla privacy, ed ha alterato spesso gli umori degli utenti per la vendita dei loro dati per la pubblicità.

Facebook ha dichiarato che Facebook at Work non raccoglierà dati sugli utenti aziendali, e che le azioni dei suoi utenti nel servizio business non influenzeranno i loro profili di Facebook personali…ma possiamo crederci?

Algoritmi News Feed

Un altro potenziale problema è il suo algoritmo di news feed. Anche se Facebook ha lavorato alacremente sui suoi algoritmi per migliorare la visibilità dei messaggi importanti e rilevanti, chiunque utilizzi il social network sa che è ancora lontano dall’essere perfetto. Quindi la potenziale perdita di informazioni importanti o critiche a causa dei suoi algoritmi di News Feed potrebbe essere un punto a suo sfavore ed una cosa molto preoccupante quando si tratta di lavoro.

Reputazione

La reputazione di Facebook utilizzato durante le ore di lavoro è sempre stata negativa, visto solo come uno strumento per perdere tempo e distrarsi dai compiti da svolgere.

L’interrogativo posto è quindi se Facebook at Work incoraggi inconsapevolemente ad un uso improduttivo visto che è sempre stato collegato a momenti di svago e di divertimento?

Conclusioni

Io ritengo che potenzialmente Facebook at Work potrebbe essere la svolta per la comunicazione aziendale ed anche un potente mezzo per aumentare la coesione tra i lavoratori, creando un flusso comunicativo più snello ed immediato.

È una semplificazione notevole ed è senza dubbio questo il suo punto di forza.

Ci sono già tanti strumenti che fanno le veci di Facebook at Work staremo a vedere se saranno o meno rimpiazzati e quale sarà il gradimento delle aziende a livello globale.

Stefania Ferri

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button