Verifica la disponibilità e registra subito il tuo dominio internet.
Home » SEO/Web Marketing/Social Media » Alla scoperta dei segreti del Copywriting: intervista a Eleonora Usai
copywriting-eleonora-usai

Alla scoperta dei segreti del Copywriting: intervista a Eleonora Usai

Questa settimana abbiamo pensato a un ospite un po “particolare”, una grande professionista che fa della versatilità e dell’aspetto creativo i suoi punti di forza, con competenze e passioni che abbracciano il mondo del Copywriting e del Web Marketing ma non solo: Eleonora Usai fa dell’attività di Blogging il suo pane quotidiano, con la scrittura che assurge a elemento base per una vita professionale spesa alla stesura di contenuti adeguati per vari settori.

Perciò, dopo aver pubblicato le nostre interviste con alcuni dei migliori professionisti del web come Emanuele Tolomei, Francesca Borghi, Chiara Francesca Storti, Pasquale Gangemi e Rudy Bandiera (e molti altri ancora), oggi vogliamo puntare su una donna che si auto considera come una blogger compulsiva.

Vuoi imparare come si scrive per il web e come si struttura un testo in maniera professionale? Allora presta la massima attenzione alle parole di Eleonora.

5-consigli-avviare-attvità-blogging

  • Buongiorno Eleonora e benvenuta sul nostro blog. Iniziamo con la solita, classica, scontata domanda con cui facciamo partire tutte le nostre intervista: quando hai iniziato a occuparti di web e di Copywriting in particolar modo?

Ciao Vincenzo, grazie mille per avermi ospitato sul vostro blog. Rispondo subito alla tua prima domanda. Fin da piccola avevo un’unica certezza nella vita: avrei vissuto di scrittura. Per questo motivo mi sono iscritta al corso di laurea in Scienze della Comunicazione e Giornalismo e poi ho proseguito con la magistrale in Comunicazione e Pubbliche Amministrazioni. Durante il percorso accademico avevo ben chiaro che NON sarei diventata una giornalista, perché il mio interesse verso la scrittura si spostava verso una parte più creativa incentrata sul marketing e la pubblicità. La tesi di laurea triennale, l’analisi della pubblicità mitica all’interno delle riviste di moda, è nata proprio per questi miei interessi che ho coltivato fin da adolescente. Avevo capito che potevo scindere e mescolare bene la passione per la scrittura insieme a quella della creatività.

Ho portato avanti le mie passioni da sempre e così dopo la laurea ho iniziato a fare la gavetta scrivendo online. Riviste e quotidiani per fare palestra, blog tematici e clienti occasionali.

La mia esperienza con Sportboom è stata il trampolino di lancio verso la carriera di copywriter. In due anni di lavoro con i ragazzi di Sportboom ho capito che ciò che desidero fare nella vita è proprio creare testi persuasivi per migliorare il business del cliente, per dare ai brand una personalità definita che renda i loro prodotti speciali.

  • Scrivere per il web è ben diverso dalla classica scrittura creativa, come può essere per la narrativa. Basta saper scrivere per occuparsi di Copywriting, o ci sono delle regole e delle differenziazioni che dividono ampiamente i due settori?

Per fare questo lavoro devi sicuramente saper scrivere bene ma devi saperlo fare con personalità intingendo la penna di un inchiostro che porta la tua impronta.

Anche se differente dalla narrativa, l’influenza dello storytelling rende i due campi molto simili fra loro.

Le regole poi portano avanti i due filoni di scrittura su strade diverse, che a mio avviso si somigliano molto e viaggiano sullo stesso treno ma su due binari separati. Il copywriting ha un compagno di viaggio da cui non può separarsi: il marketing, l’anima puramente commerciale  che unisce un prodotto alla creatività.

  • Come si mette su un calendario editoriale vincente?

Un calendario vincente è prima di tutto un calendario che viene rispettato da chi lo utilizza. Questa è la regola base. È inutile organizzare un piano di contenuti da portare avanti e poi fermarsi dopo le prime pubblicazioni. È irresponsabile e poco professionale.

Seguendo questa regola, il calendario editoriale non deve essere un ammasso di titoli giusto per creare quantità da “buttare” sul blog. Deve seguire una logica ben precisa, legare i temi trattati tra loro, mantenere delle rubriche fisse o degli aggiornamenti  su un particolare argomento.

Ci sono vari metodi per creare un calendario editoriale vincente. Io consiglio di pianificare il proprio lavoro con onestà intellettuale e professionalità (non mancare agli impegni presi e rispettare le scadenze, studiare le fonti prima di pubblicare, curare ogni singolo aspetto della pubblicazione e non solo il titolo) ma farlo sempre con una punta di flessibilità, che rende un risultato finale migliore.

  • In merito all’ottimizzazione SEO dei contenuti pubblicati su un blog aziendale, come si può arricchire in maniera adeguata un testo rispettando quelle che sono le regole basilari del SEO Copywriting e per far salire nelle SERP di Google le principali keywords selezionate?

Sono un’amante della spontaneità e questa mia passione smisurata per la trasparenza la inserisco anche dentro le parole. Prima di ogni testo studio le keyword settoriali e lavoro sulla densità da inserire nel testo per indicizzarlo al meglio. Creo una mappa mentale che mi aiuti a inserire delle key giuste ma in punta di piedi.
Mi faccio trascinare dall’ispirazione e lascio che i testi scorrano in maniera fluida senza pensare troppo a quante key vanno utilizzate. Non mi lascio convincere dal semaforo di Yoast e lo controllo solo dopo avere scritto il testo.  

Google apprezza molto di più la spontaneità, le persone. Riconosce un testo scritto macchinalmente da uno improntato sulla naturalezza, sull’anima della penna che lo scrive.

  • Oltre al Copywriting, ti occupi anche di curare il marchio e l’immagine di alcune aziende sul web. Come si struttura una strategia vincente di Web Marketing?

Curo la brand identity di diversi clienti e organizzo la loro vita online attraverso la gestione di blog e aggiornamenti dei social.
Una strategia di web marketing si studia a tavolino, senza lasciare nulla al caso. La prima cosa da fare è conoscere il cliente con cui si lavora. Come posso curare il blog di un cliente se non entro nella sua testa? Questo è il punto chiave per lavorare bene.

Ascolto le sue esigenze, gli faccio un’intervista che mi aiuti a conoscerlo meglio, ci parlo più possibile con chiacchierate su Skype, al telefono o su WhatsApp.

“Perdo” un sacco di tempo per entrare in sintonia con il cliente (concedimi il termine perdere che ovviamente è utilizzato di proposito).

Successivamente studio il settore di cui mi devo occupare. Cerco di entrare dentro la materia e solo dopo aver assimilato i diversi concetti metto in bozza le mie idee. Mi faccio alcune domande:

  • Come affronta l’argomento la concorrenza?
  • Che cosa manca nel settore che potrei dare io come brand?
  • In che modo posso far affiorare la mia personalità e inserirla in un contesto commerciale?

Questi sono i punti chiave per avviare una strategia di Web Marketing.

  • Il ruolo dei social network: quanto possono essere importanti e quali vantaggi possono garantirci? E ancora, quali pensi sia il Social Media che può garantire maggiori soddisfazioni per un’attività aziendale? Insomma… esiste una valida alternativa a Facebook?

I social sono indispensabili per un’azienda. Credo che non se ne possa fare a meno.

Alcuni si ostinano a non aver un profilo social ma io lo trovo sbagliatissimo. Puoi leggere in questo post perché.

I social però vanno saputi usare. Sarebbe cosa buona e giusta fare un po’ di alfabetizzazone social per tutti coloro che “perdono” il loro tempo a utilizzare Facebook e company in maniera negativa. A questo proposito ho scritto un post riguardante l’utilizzo sbagliato su Facebook che puoi leggere questo link.

In ogni caso per ogni azienda c’è il social giusto, ma io punterei sempre e comunque su Facebook e LinkedIn. Questi due sono un obbligo generale. Facebook è alla portata di tutti quindi ti crea rete, ti aiuta a fidelizzare una nicchia fedele. LinkedIn ti permette di mostrare la tua anima imprenditoriale.

Se poi hai un’azienda in cui è importante fare visual storytelling allora devi essere su Instagram (un social che io adoro alla follia). Grazie a IG puoi migliorare la tua realtà commerciale mostrando agli altri la tua vita aziendale fatta di scatti personali/creativi.

  • Non solo web e strategie di marketing online, i tuoi interessi coprono diversi campi, soprattutto a livello artistico. Cosa puoi dirci dei tuoi progetti Leggeremania e Sono una mamma?

Mi piace coltivare diverse passioni, purtroppo ho poco tempo altrimenti avrei diversi nuovi progetti da portare avanti. Il nanerottolo che ho in casa (ora ha 7 mesi) non mi dà tregua e per questo devo centellinare le miei idee. Sonounamamma è nato per coprire la mia sete di maternità. È il racconto su gravidanza e figlio, l’anima di una mamma che ha scoperto un nuovo mondo ricco di sorprese.

Grazie a Sonounamamma cresce anche la mia anima di copy. Perché è un miscuglio di idee insieme, legate alla mia passione per la scrittura.

Leggeremania invece è nato grazie alla mia passione per la letteratura. La mia vita è arida senza libri e non c’è giorno che io non legga qualche pagina. Mi aiuta a trovare la serenità. Ho creato un sito per raccontare agli altri che cosa si prova a leggere un libro, quanto sia bello condividere insieme ai lettori i propri pareri dopo aver letto l’ultimo romanzo sul comodino o aver intervistato la scrittrice del momento.

Leggeremania è anche una rete: tanti i lettori che ci seguono ma tanti i collaboratori che si aggiungono e che ci aiutano a offrire online un sito versatile e ricco di tematiche e aggiornamenti letterari.

  • Per concludere, un consiglio da parte tua per tutti gli aspiranti copywriter che stanno leggendo la tua intervista.

Credete in voi stessi e non rinunciate mai alla vostra passione per l’arte. Se vi rendete conto che il fuoco che brucia dentro di voi è la scrittura e questo amore lo volete portare fuori attraverso il mestiere del copy non arrendetevi alle proposte da 50 centesimi ad articolo. Studiate e formatevi ogni giorno, leggete e crescete come professionisti. Imparate piano piano, anche e soprattutto con gli errori che vi renderanno più forti e con il tempo più bravi.

Credeteci sempre e non mollate. Il vostro momento arriverà, statene certi.

Un grande ringraziamento da parte dello staff di Keliweb a Eleonora Usai, che aspettiamo per altre collaborazioni. Buon lavoro, Eleonora.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rispondi