DominiTutorialWeb Marketing

Monitorare il tuo sito web con SEMrush, come creare un progetto

Quello di cui vogliamo parlare oggi è uno dei servizi migliori tra quelli che possiamo trovare sul web, soprattutto per quel che riguarda la SEO e il monitoraggio del traffico di un sito web e il posizionamento delle nostre keywords.

Strumento utilissimo per chi vuole monitorare il proprio sito web, SEMrush ci consente di realizzare dei progetti attraverso cui avere tutte le informazioni necessarie che ci servono per poter controllare se la nostra attività SEO sta apportando in effetti dei vantaggi oppure se stiamo sbagliando qualcosa.

SEMRUSH, CREA IL TUO PROGETTO

Lo ripetiamo ancora una volta: SEMrush è con ogni probabilità il miglior tool in circolazione, insieme a SEOZoom, la Suite SEO tutta italiana. Disponibile anche in versione gratuita (soggetta ad alcune limitazioni) SEMrush è una suite professionale, perciò occorre sottoscrivere l’abbonamento per usufruire di tutte le eccezionali proprietà del programma, in modo da avere tutto l’occorrente per sviluppare il nostro progetto.

Ecco, questa è la parola chiave (perdonate il gioco di parole, visto il contesto) del nostro discorso: progetto! Con SEMrush possiamo infatti sviluppare dei progetti dettagliati per il monitoraggio del ranking del nostro sito sulle SERP di Google.

Vediamo in maniera sintetica come creare un progetto su SEMrush.

Una volta inserito l’indirizzo del sito web che vogliamo monitorare, ci troviamo nella sezione principale di SEMrush (overview).

semrush-overview

Nella barra di sinistra, dove vediamo le varie sezioni disponibili in questo straordinario strumento, dobbiamo andare a cliccare in Strumenti, e da qui selezionare Tracking della posizione.

semrush-strumenti-tracking

A questo punto ci comparirà un pulsante Add New Project che più intuitivo non potrebbe essere. Cliccate sul pulsante e potete iniziare a impostare il vostro personale progetto di monitoraggio, inserendo il dominio del sito e il nome che vogliamo dare al nostro progetto (Display Name).

Una volta impostati i nomi andiamo a cliccare sul pulsante Create Project and go to Tracking settings.

Da questo punto in poi possiamo inserire tutta una serie di parametri che non faranno altro che arricchire il nostro progetto per renderlo il più preciso possibile, così da permetterci di avere poi tutte le informazioni che ci servono per portare avanti nel miglior modo possibile la nostra attività SEO, vedendo quali sono i progressi del nostro lavoro.

Possiamo decidere e impostare la geolocalizzazione delle SERP, scegliere il monitoraggio per la tipologia stessa di ricerca, per esempio ricerche da desktop o da dispositivi mobili.

Non solo, con SEMrush abbiamo anche la possibilità di inserire i nomi dei nostri competitor. In tal modo, potremo valutare i nostri progressi nei confronti della concorrenza, riuscendo a vedere quali sono le chiavi del successo dei nostri concorrenti in modo da prendere spunto per riuscire a strutturare una strategia che ci consenta di superare i nostri rivali.

Ultimo punto del nostro progetto è la scelta delle keywords che decidiamo di monitorare, così da valutare il loro andamento su Google e di avere anche un confronto con i nostri competitors proprio sulle stesse parole chiave.

INFORMAZIONI DETTAGLIATE PER LA NOSTRA ATTIVITÀ SEO

Come abbiamo scritto all’inizio del nostro articolo, SEMrush è disponibile in versione gratuita ma conviene senza dubbio sottoscrivere l’abbonamento per poter utilizzare in pieno il programma, che diventerà in breve tempo un elemento insostituibile per la vostra attività SEO, proprio come Google Analytics e AdWords.

Il punto più interessante, secondo il nostro parere, che SEMrush ci permette di fare con lo sviluppo del nostro progetto e di conoscere tutti i punti delle strategie dei nostri concorrenti, così da poter monitorare la loro posizione rispetto a noi per le keywords che abbiamo deciso di utilizzare.

Un nostro diretto competitor sta ottenendo risultati migliori di noi? Bene, con SEMrush possiamo capire come e perché questo concorrente sta avendo la meglio su di noi, così da poter sviluppare una strategia diversa per migliorare il nostro andamento.

Il monitoraggio delle keywords ci permette di impostare una strategia in tal senso per migliorare il posizionamento delle nostre parole chiave, così da poter sviluppare dei contenuti di valore per far sì che queste keywords possano salire come posizionamento nelle SERP di Google.

Sarà SEMrush a dirci se stiamo creando dei contenuti di valore o no, non dovremo far altro che controllare l’andamento nel corso del tempo tempo delle keywords che abbiamo inserito nel nostro progetto.

Per saperne di più vi consigliamo di leggere l’articolo su come usare SEMrush per la SEO del sito webhouseit.com.

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button