Domini

Scelta del dominio, personalizza il tuo business con i nuovi gTLD

Nel web le cose cambiano in maniera sempre più rapida, e così lo è anche per il nostro settore di riferimento e per la tipologia di progetto che un cliente può avviare. Spieghiamoci meglio: con il lancio dei nuovi gTLD, è chiaro che il mercato dei domini web abbia subito dei notevoli cambiamenti e, di rimando, cambiano anche i giudizi che inizialmente si potevano avere su queste nuove estensioni.

Non rimanere indietro, non esistono solo il .it e il .com

Il concetto fondamentale della questione sembra essere quello dell’affidabilità, nel senso che l’utente medio sembra essere più portato a “fidarsi” di un determinato tipo di estensione rispetto alle nuove, ritenute magari troppo bizzarre e poco consone all’aspetto di un’azienda seria quale la vostra è.

Cosa comporta questo? Se decidete di puntare sempre e solo sulle estensioni generiche, è molto probabile che al momento della registrazione del dominio il nome che avete scelto risulterà occupato (cosa probabilissima, visto che tali estensioni sono disponibili sul mercato già da diverso tempo) e dovrete quindi ripiegare su soluzioni alternative. Quali? Semplice, modificare il nome del dominio che intendete registrare, andando magari a inserire un nome più lungo, più complicato o con l’inserimento di altri elementi come il trattino.

Ma queste modifiche a cosa ci portano? Ecco la domanda che l’utente deve porsi. 

Se vi aspettate dei vantaggi per la scelta di un nome fantasioso e complicato, sappiate che avete sbagliato strada. Nel web, uno degli elementi che riesce a garantire risultati apprezzabili è la semplicità. Perciò mettiamo da parte ogni tipo di pregiudizio e cerchiamo di vagliare altre possibilità, cercando di dare quel pizzico (occhio, solo un pizzico) di originalità alla nostra scelta.

domini-nuovi-gtld

Smettila quindi di pensare costantemente al .com, al .net, .info ecc. e inizia a valutare la grande possibilità rappresentata dai nuovi gTLD che Keliweb mette a disposizione.

Secondo le ultime analisi fatte dagli addetti ai lavori (ce ne sono per tutte le categorie), sembra confermato il fatto che le nuove estensioni gTLD siano in costante crescita, anche se per ora il .com sembra mantenere ben salda la sua leadership, cosa abbastanza ovvia essendo l’estensione più utilizzata da diversi anni.

Attenzione, non vi stiamo dicendo di snobbare completamente i TDL presenti da anni sul mercato (ci mancherebbe), quello che vogliamo sottolineare è come esistano delle nuove possibilità in grado di dare un tocco più personale, originale e professionale a quella che è la vostra attività. Facciamo un paio di esempi?

– Sei un fotografo e vuoi realizzare il tuo sito web? Allora l’estensione .photography fa al caso tuo

– Vuoi lanciare un sito per promuovere la tua pizzeria? Allora punta sul .pizza

– Vuoi sottolineare già dal nome l’aspetto professionale del sito che vuoi lanciare in Rete? Cosa ne pensi dell’estensione .business?

– Il tuo desiderio è quello di lanciare un sito per promuovere i capi di abbigliamento del tuo negozio? Registra il tuo dominio con l’estensione .boutique, per dare così un tocco di classe al tuo sito

– Un sito di ricette su cui pubblicare i segreti dei tuoi gustosi manicaretti? Sai che esiste l’estensione .kitchen?

– Pubblicare online il sito del tuo pub? Dai una spallata alla concorrenza e distinguiti con estensioni come il .pub o il .beer

Questi che abbiamo fatto sono solo alcune delle tante possibilità che tu lettore puoi avere sfruttando i nuovi gTLD, nuova realtà del mercato. Ovviamente non si tratta di una scelta prendere in maniera rapida e sconsiderata, visto che ci sono diversi fattori di cui tener conto. Se da una parte le nuove estensioni vengono sconsigliate essendo ancora poco conosciute presso il grande pubblico, dall’altra potrebbero dare quella marcia in più al tuo sito indicando già dal nome il tuo settore di riferimento.

Il dominio è il tuo biglietto da visita, scegli con cura e sorprendi i futuri visitatori con il nome adatto!

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button