Tutorial

Introduzione a jQuery, la libreria JavaScript

Più che una guida, questo articolo vuole essere una semplice introduzione a un argomento abbastanza complesso, magari poco conosciuto da chi non lavora in un ambito informatico o comunque non abbia a che fare con la programmazione web.

Partiamo da un presupposto principale: cos’è JavaScript?

Nel tentativo di dare delle risposte abbastanza esaustive all’argomento, e ai tanti quesiti che possono nascere nell’approccio allo stesso, riportiamo la definizione che ne da WikiPedia:

JavaScript è un linguaggio di scripting orientato agli oggetti e agli eventi, comunemente utilizzato nella programmazione Web lato client per la creazione, in siti web e applicazioni web, di effetti dinamici interattivi tramite funzioni di script invocate da eventi innescati a loro volta in vari modi dall’utente sulla pagina web in uso (mouse, tastiera ecc…).

javascript

Dopo essere riusciti a dare una definizione plausibile e soddisfacente (sai che sforzo) riprendendo le parole della famosa enciclopedia online, possiamo entrare nel vivo del nostro discorso.

Negli ultimi anni, vista la sempre maggiore richiesta di poter usufruire nelle proprie pagine web di effetti grafici degni di tal nome, siamo stati testimoni dello sviluppo di diversi framework Javascript finalizzati a rendere più rapida e semplice l’avvità di sviluppo di interfacce utente e applicativi lato client sempre più potenti e spettacolari.

Tra questi framework, uno di notevole interesse è jQuery.

ALLA SCOPERTA DEL FRAMEWORK JQUERY

Abbiamo parlato di framework dunque, che sostanzialmente potremmo definire come un insieme di proprietà che consentono allo sviluppatore di creare applicativi in grado di compiere operazioni complesse in modo più semplice. Tra questi framework troviamo proprio jQuery, anche se occorre fare immediatamente una precisazione in termini, nel senso che non tutti i professionisti del settore sono concordi nel dare per buona la definizione di framework in riferimento a jQuery, inteso maggiormente come una libreria JavaScript o anche un plugin.

Sviluppato nel 2006 da John Resing, jQuery è stato realizzato proprio per cercare di portare a compimento quella ricerca di semplicità che accennavamo in precedenza, rendendo per l’appunto il codice più sintetico.

jQuery è per l’appunto questo, una libreria che ci da la possibilità di usufruire di molte funzionalità, dalla manipolazione degli stili CSS e degli elementi HTML, agli effetti grafici e molto altro ancora, senza andare a toccare in alcun modo nessuno degli oggetti nativi JavaScript.

Accompagnato dal motto “write less, do more” che ne sottolinea le grandi potenzialità unite alla semplicità, jQuery garantisce una elevata compatibilità con tutti i browser del web, uno dei punti di forza del framework soggetto comunque a continui aggiornamenti che apportano ogni volta diversi miglioramenti che aiutano l’utente nell’utilizzo di jQuery.

Altro punto a favore di jQuery, è la possibilità di usufruire di una vasta gamma di plugin messi a disposizione dalla comunità di sviluppatori e disponibili all’indirizzo su plugins.jquery.

Per ottenere jQuery non dobbiamo far altro che scaricare la libreria direttamente dal sito ufficiale, scegliendo tra le due opzioni in cui è disponibile il framework:

  • Development: formato non compresso, utile in fase di sviluppo
  • Production: formato compresso, da utilizzare per ottimizzare i tempi di caricamento del nostro progetto online

A questo punto non ci resta che approfondire il discorso leggendo questa guida su come includere jQuery nella propria pagina HTML, in modo da vedere come inserire il framework nella propria pagina web per poter usufruire di tutte le sue funzionalità.

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button