TutorialWeb Marketing

Come fare marketing su Google Plus, guida per il tuo business

In una strategia di Web Marketing, molte aziende tendono a dare un ruolo di primo piano a dei canali che vengono universalmente riconosciuti come principali o comunque con un potenziale maggiore da sfruttare. Un errore che non bisogna però commettere è quello di snobbare altre “realtà” da cui possiamo attingere tanti vantaggi, raccogliere un grande numero di interazioni, canali che possiamo utilizzare per aumentare la visibilità del nostro brand e aumentare così la nostra popolarità.

Andiamo però con ordine, ciò di cui vogliamo parlare oggi sono i social network (ma guarda un po), le piattaforme che qualunque azienda deve saper sfruttare per ottenere dei vantaggi altrimenti inimmaginabili e per aumentare sensibilmente la popolarità tra gli utenti che navigano sul web.

Avete mai preso in considerazione Google Plus? No? Grave errore

Ecco il punto cruciale della nostra discussione odierna. Quando si parla di Social Media tutti noi pensiamo in maniera automatica a Facebook, senza dubbio il leader ella categoria, a Twitter o ad altre realtà in forte crescita come Instagram. Il più delle volte, quindi, un altro social viene quasi snobbato in maniera eccessivamente superficiale ma che, se utilizzato come si deve, può darci tante soddisfazioni: stiamo parlando ovviamente di Google Plus, il social di Mountain Viiew.

FARE MARKETING DI SUCCESSO SU GOOGLE PLUS, ECCO COME

Il primo consiglio che vogliamo darvi è questo: diffidate da coloro che danno per morto Google+, non date retta a chi ritiene ormai vetusto questo social nato nel 2011. Le potenzialità garantite da questa particolare piattaforma sono molte, soprattutto se siamo in grado di sfruttare i momenti di picco in cui si concentra il traffico web su Plus, e cioè nell’orario che coincide con l’inizio della giornata lavorativa.

Dalle 9 alle 11 di mattina sono molti gli utenti che si collegano al proprio account Google, e così possiamo ottenere tanti +1 sui contenuti che andremo a pubblicare nelle varie community differenziate per argomento.

google-plus-+1

Il +1 di Google+ corrisponde sostanzialmente al mi piace di Facebook, perciò l’obiettivo è cercare di ottenerne il più possibile così come i commenti ai contenuti che postiamo di giorno in giorno. Aumentare il livello di interazioni deve essere il nostro primo obiettivo, in modo da far crescere la nostra reputazione tra gli utenti del social che inizieranno a considerarci una fonte autorevole.

Ovviamente, per ottenere questo obiettivo, dobbiamo fornire agli utenti dei contenuti validi e utili a seconda degli argomenti che andremo a trattare.

Per cercare di ottenere il massimo da Google Plus dobbiamo avere alcune accortezze e distinguerci dalle altre aziende che cercano di darci battaglia sullo stesso terreno. Visto che parliamo di un social molto indicato per i professionisti (alla stregua di LinkedIn), dobbiamo cercare di ottimizzare al massimo il nostro lavoro andando a curare ogni singolo aspetto. Diamo alcuni consigli in merito.

  • PRENDERSI CURA DEL PROPRIO PROFILO

Iniziamo con quello che appare subito agli occhi degli utenti che capitano sul nostro profilo. Dobbiamo prenderci cura della nostra pagina, ottimizzarla il più possibile scegliendo delle immagini adeguate che possano attirare l’attenzione e utilizzare le parole chiave più importanti per quello che riguarda il nostro ambito.

Oltre alla scelta fondamentale delle parole chiave adeguate e funzionali per il nostro settore di riferimento, un punto di grande importanza riguarda l’inserimento dei link che rimandano direttamente al nostro sito web e al nostro blog, dare dunque agli utenti la possibilità di arrivare senza difficoltà nei nostri canali ufficiali, in modo da avvicinarli il più possibile alle nostre proposte commerciali e ai prodotti che vogliamo pubblicizzare.

Essendo il social ufficiale di Google, i contenuti postati avranno un occhio di riguardo da parte del motore di ricerca. Inutile aggiungere dunque l’importanza del fornire informazioni e contenuti che, se saranno ben notati dal motore di ricerca, ci garantirà un salto di qualità in termine di indicizzazione SEO.

  • OFFRIRE CONTENUTI DI QUALITA’ AL NOSTRO TARGET: IL RUOLO DELLE COMMUNITY E DELLE CERCHIE

Inutile girarci attorno: sul web girano un sacco di contenuti che vengono definiti “spazzatura” o inutili. Ora, posto il fatto che il metro di giudizio che determina l’effettiva utilità può essere soggettivo (tranne che per il motore di ricerca, il nostro obiettivo primario) quello che dobbiamo fare è cercare di offrire dei contenuti di qualità ai nostri seguaci.

Contenuti di qualità ma soprattutto pertinenti per quelli che sono gli interessi degli utenti stessi, e a tal proposito giocano un ruolo fondamentale le community.

google+-community

Google+ è un social che sembra voler puntare sul concetto stesso di aggregazione, facendo una differenziazione di quelli che sono gli interessi degli utenti. Come accade con i gruppi di Facebook, allo stesso modo le community su Plus sono suddivise per interessi. Se quindi vogliamo condividere un contenuto che parla di Web Marketing e di SEO, allora andremo a trovare le community che trattano tali argomenti e su cui possiamo trovare un pubblico molto vasto. Un pubblico che sarà molto interessato ai nostri articoli visto che tratteranno proprio l’argomento di interesse principale.

Cerchiamo quindi di fornire dei contenuti utili, in modo tale da far crescere la nostra popolarità e diventare una fonte autorevole per gli utenti che inizieranno a seguirci con maggiore interesse che si fideranno di noi e della nostra competenza. Dare un’immagine di se autorevole e competente comporta dei grandi vantaggi per il nostro business.

Le community non sono però le uniche opzioni che il social ci fornisce. Su Google Plus, infatti, possiamo creare delle vere e proprie partizioni dei nostri follower, suddividendoli per interessi. Possiamo quindi creare delle cerchie, dei gruppi con utenti selezionati e suddivisi a seconda dei loro interessi.

Molto importante, in tal senso, è la creazione di una cerchia di “élite”, una cerchia di esperti in cui andremo ad aggiungere tutti i maggiori esperti e i più apprezzati professionisti del nostro settore di riferimento da cui potremo attingere tante informazioni e contenuti di qualità, oltre a creare un livello di interazioni con persone di un certo spessore che possono agire da influencer e dare confermare la qualità del nostro lavoro.

  • LANCIAMO I NOSTRI POST CON TITOLI ACCATTIVANTI E PERSONALIZZATI

Su Google Plus non esiste il fastidioso limite di 140 caratteri di Twitter, perciò avremo la possibilità di inserire un messaggio più dettagliato su ogni singolo post. Non solo, avremo anche la possibilità di personalizzare il testo per mettere in risalto ancora di più il nostro pezzo. Sappiamo bene quanto sia importante l’elemento visivo per attirare l’attenzione degli utenti, specialmente se facciamo riferimento a persone che stanno iniziando la giornata lavorativa e che quindi sono presi da tanti pensieri e magari danno uno sguardo un po distratto su Plus.

Ecco, attiriamo l’attenzione di queste persone, cerchiamo di colpirli non solo con una bella immagine scelta come copertina per l’articolo ma anche con il testo con cui lanciamo il post stesso: possiamo mettere in evidenza le parole più importanti del nostro titolo con il grassetto o in corsivo.

google-plus-formattazione-testo

Nota bene, Google Plus è… Google!

Ecco qual è il punto fondamentale del nostro discorso. In tanti vi diranno che Google+ non è il social network migliore per fare marketing online, vi diranno che Google Plus non ha le potenzialità di Facebook, che è preferibile puntare su altre piattaforme come Instagram o Twitter, vi diranno che questo particolare social è morto ecc.

Bene, non ascoltate nessuna di queste considerazioni. Tenete ben presente un concetto chiave: Google Plus è Google, ovvero il motore di ricerca che ogni giorno tentiamo di conquistare con un utilizzo sapiente e attento di parole chiave, testi, ottimizzazione…

Approfitta dunque dei tanti vantaggi che questo social può garantire al tuo business. Essere notati da Google, dopotutto, è l’obiettivo di ogni SEO in circolazione, scalare le SERP del motore di ricerca e conquistare le prime posizioni in prima pagina per le parole chiave più importanti il nostro principale scopo.

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button