ServerTutorial

Come sapere in anticipo cosa farà rsync

Chiunque si sia trovato, prima o poi, a dover trasferire grosse quantità di file da un server Linux a un altro (ma vale anche per Mac OS X o qualunque altro UNIX moderno) avrà scoperto l’esistenza di un comando tanto potente quanto semplice da usare: rsync.

Brevemente, rsync – come può suggerire il nome stesso – è un tool per sincronizzare il contenuto di due cartelle sullo stesso computer o su due computer remoti. Si sostituisce in questo senso ai classici ftp ed scp.

Ad esempio, se volessimo sincronizzare la cartella “/var/www/” presente sul nostro PC locale con quella del nostro server Web dedicato, ci basta aprire un terminale e digitare:

rsync -avz /var/www root@indirizzo_ip_server:/var/www

Proprio come scp, rsync richiederà la password di root, ma poi provvederà a fare tutto da solo, con grandissimi vantaggi in termini di affidabilità e prestazioni. I vari flag, davvero parecchi, sono spiegati con la classica dovizia di particolari nella pagina di man e non ha senso farne un elenco qui.

Ciò che ci interessa adesso, perché è un dubbio che prima o poi verrà a chiunque di noi, è “Cosa succede se adesso lancio un rsync? Quali file verranno modificati? Cancellerò qualcosa?”. In particolare, se usiamo spesso l’opzione --delete potremmo cancellare file o directory importanti, e perciò abbiamo bisogno di sapere prima costa sta per succedere. Certo, --dry-run, che mostra l’output senza eseguire i cambiamenti, ci da già una buona approssimazione, ma può non bastare.

La soluzione perfetta ce la da un’opzione non molto conosciuta, chiamata --itemize-changes, che usata in combinazione con --dry-run fornisce un output di questo tipo:

.d..t..g... ./
.f...p.g... Documento.pdf
.f.....g... Test.txt
.f...p.g... prova.rb
.d.....g... immagini/
.f...p.g... immagini/fiore.jpg
.f...p.g... metadata/.log
.f...p.g... metadata/version.ini
>f+++++++++ Parameter_Usage.txt

Ovvero, per ciascun elemento (file o directory) viene premessa una lista di operazioni che verranno effettuate sullo stesso. Questa lista è conosciuta con l’impronunciabile acronimo YXcstpoguax, e stiamo per scoprirla nel dettaglio:

YXcstpoguax  percorso/del/file
|||||||||||
`----------- Il tipo di aggiornamento che verrà effettuato:
 ||||||||||   <: file trasferito dall'host locale al remoto (inviato)
 ||||||||||   >: file trasferito dall'host remoto al locale (ricevuto)
 ||||||||||   c: modifica o creazione locale per l'elemento:
 ||||||||||      - creazione di una directory
 ||||||||||      - modifica di un symlink
 ||||||||||      - ecc...
 ||||||||||   h: l'elemento è un hard link verso un altro elemento
 ||||||||||   .: l'elemento non viene aggiornato (potrebbero esserlo alcuni suoi attributi)
 ||||||||||   *: è presente un messaggio nel resto della riga (ad es. "deleting").
 ||||||||||
 `---------- Il tipo di file:
  |||||||||   f = file,
  |||||||||   d = directory,
  |||||||||   L = symlink,
  |||||||||   D = device,
  |||||||||   S file speciale (ad es. named socket, fifo).
  |||||||||
  `--------- c: checksum differente (per i file normali) oppure
   ||||||||     valore modificato (per symlink, device, e altri file speciali)
   `-------- s: Dimensione differente
    `------- t: Orario di modifica differente
     `------ p: Permessi differenti
      `----- o: Proprietario differente
       `---- g: Gruppo differente
        `--- u: Riservato per usi futuri
         `-- a: Sono cambiate le informazioni sull'ACL
          `_ x: Sono cambiati degli attributi estesi

In questo modo sapremo perfettamente quali cambiamenti stiamo per compiere, e lavoreremo meglio e con più tranquillità.

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button