NewsWeb Marketing

Shocase, nasce il social dedicato ai professionisti del marketing

Esistono molti social network, molti dei quali nemmeno conosciamo visto che non tutte queste piattaforme hanno avuto la fortuna e il successo dei vari Facebook, Twitter ecc.

Ognuna di queste piattaforme si caratterizza per essere pensata, almeno originariamente, per una certa tipologia di utente. In un nostro articolo precedente abbiamo parlato di LinkedIn, il social dedicato al mondo dei professionisti del web che sfruttano tale vetrina per stringere rapporti e collaborazioni di lavoro.

Ma è arrivato il momento di registrare una nuova realtà, un social network che secondo il parere del fondatore Ron Young racchiude in sé tutte le migliori funzionalità di Pinterest, YouTube, Facebook e lo stesso LinkedIn. Questo social nasce dedicato espressamente a una tipologia di target ben precisa: i professionisti del marketing.

Questo nuovo social si chiama Shocase.

Il settore marketing attualmente ha un valore enorme, all’incirca sui 2 triliardi di dollari a livello globale, numeri spaventosi che rappresentano un grande movimento di professionisti alla ricerca di una piattaforma giusta per sviluppare al meglio i propri rapporti di lavoro e la corrispondenza con i colleghi.

Sono molti gli ambiti del marketing che Shocase va a coprire: eventi, PR, brand, pubblicità, management e molto altro ancora. Insomma, Shocase si presenta ai professionisti del settore come il canale ideale per mettersi in mostra, avviare relazioni con altri professionisti e per rimanere sempre aggiornati sui trend del mercato.

Riportiamo infine la parole di Ron Young, che con grande orgoglio puntualizza come Shocase arrivi a coprire un vuoto che il social coprirà alla grande: “Fino all’arrivo di Shocase non esisteva un network verticale che potesse riunire gli oltre 100 milioni di professionisti del marketing nel mondo dando loro l’opportunità di mostrare il proprio portfolio di lavori e di essere trovati da chi ha bisogno delle loro competenze”.

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button