News

Facebook, il profilo si potrà lasciare in eredità

Continua la lunga ricerca da parte di Facebook di inserire all’interno del social tutta quella serie di novità che possano mantenerlo come leader incontrastato del settore. A fronte di alcune perdite, soprattutto tra i più giovani, la società di Mark Zuckerberg ha deciso di proporre in rapida successione una serie di novità che possono attirare il pubblico del web. Se l’ultima riguardava l’arrivo dei tag automatici, stavolta parliamo di tutt’altra tipologia.

Forse pensando al fatto che Facebook risulta essere il social più utilizzato dagli adulti e da coloro avanti con gli anni, gli sviluppatori hanno pensato bene di introdurre la possibilità di lasciare il proprio profilo in eredità. In pratica, il social network ha introdotto la possibilità di fare testamento, scegliendo a chi lasciare la gestione del nostro profilo in caso di morte. La novità si chiama Legacy Contact che, come spiega il social, è “una persona che scegli per gestire il tuo account se viene reso commemorativo”. L’utente può anche scegliere la cancellazione del profilo post mortem.

Il contatto erede, spiega Facebook, potrà pubblicare un post con i dettagli delle esequie o condividere un messaggio speciale, cambiare la foto del profilo e della copertina, e rispondere a nuove richieste di amicizia di membri della famiglia e amici che ancora non erano connessi sul social.

Ma ovviamente l’erede digitale non potrà effettuare il login come se fosse la persona scomparsa, nè potrà visualizzare i messaggi privati che questa ha scambiato con i suoi contatti mentre era in vita. Se il profilo viene reso commemorativo, inoltre, la scritta “remembering” comparirà sopra il nome della persona. In alternativa, l’utente potrà chiedere a Facebook di cancellare definitivamente l’account.

Riportiamo quanto scrive Facebook in merito a questa novità: “Finora in caso di morte abbiamo offerto un profilo commemorativo basic che era visibile, ma non poteva essere gestito da nessuno. Parlando con persone che hanno subito una perdita, abbiamo capito che possiamo fare di più per sostenere chi è in lutto e per chi vuole scegliere cosa ne sarà del suo account dopo la morte”.

Per ora, comunque, questa novità un tantino morbosa di Facebook è disponibile solo negli Stati Uniti.

Vincenzo Abate

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button