Tutorial

Volete trasferire le foto dallo smartphone al PC? Ecco come fare

Al giorno d’oggi, ormai, lo smartphone è diventato una realtà irrinunciabile, un elemento tecnologico che più di ogni altro sembra che vada a fondersi con il corpo stesso del suo possessore, andando così a creare quasi un nuovo organo biologico dell’organismo umano. Fateci caso, nessun altro dispositivo tecnologico ha portato una rivoluzione in termini come ha fatto lo smartphone, nemmeno il boom dei cellulari di un decennio fa. Oggigiorno, lo smartphone è diventata una vera e propria appendice del corpo stesso, una nuova carne da cui sembra impossibile staccarsi. In questo contesto di pura dipendenza, capita fin troppo spesso che alcune operazioni molto semplici da attuare con lo smartphone ci risultino troppo complesse a compiere, ed ecco che andiamo subito in tilt. Ma non scadete nel panico, esiste per fortuna una soluzione ed un procedimento per tutto.

In questo caso particolare, facciamo chiarezza su un qualcosa che sembra molto semplice ma che spesso procura grandi grattacapi: sapete come fare per trasferire le foto dal vostro smartphone al PC? Un quesito di non facile risposta, immaginiamo già il vostro sguardo dubbioso “sono in grado di farlo?” ebbene, niente paura, vediamo di imparare a far questo in maniera rapida.

Può essere una cosa abbastanza importante, visto che con lo smartphone siamo ormai abituati ad immortalare ogni singolo momento della nostra giornata, e prima o poi tutta questa mole di immagini deve essere salvata e “archiviata” sul PC per liberare un po di spazio sul telefono e avere la certezza di non perdere le nostre foto. Vediamo quindi come trasferire le foto dallo smartphone al PC.

Come abbiamo sicuramente notato in tutti i modelli di smartphone che ci son passati tra le mani, ognuno di essi reca con se nella confezione oltre alla batteria e al telefono un carica-batteria, il cui cavo di alimentazione è spesso composto da un filo con terminale usb e da un trasformatore per ricaricare il telefono dalla rete elettrica. Ebbene, il cavo usb, se staccato dal trasformatore, può essere adoperato autonomamente per connettere il telefono ad un computer e stabilire un collegamento tra i due terminali.

Cosa ci permette questo? Semplice, possiamo benissimo aprire la cartellina rappresentata dall’archivio presente nello smartphone, e navigarla proprio come fosse una comunissima chiave usb, spostando i file da una sezione all’altra con l’aiuto del mouse.

Ma cosa fare se non si ha a portata di mano il cavetto di collegamento? Non ci sono problemi nemmeno in questa circostanza, la soluzione non è così difficile come potrebbe sembrare. Sappiamo bene che lo smartphone è in grado di connettersi ad internet per trasmettere attraverso il web contenuti ad altri terminali connessi alla rete, e noi possiamo sfruttare questa proprietà a nostro vantaggio, riuscendo in tal modo ad andare oltre il collegamento fisico rappresentato da un filo.

Basterà selezionare l’immagine appena scattata e con il tasto funzione cercare le possibilità di condivisione!

Una serie di possibilità sono inserite come di default: Whatshapp e Skype sono di solito quelli più di frequente utilizzati per la condivisione.  Ma andando oltre si può scegliere l’icona della bustina, che rappresenta l’account di posta elettronica.

Semplicemente scegliendolo avremo creato una mail con allegata l’immagine che ci interessava salvare e potremo spedirla a noi stessi o a chiunque altro ci interessi trasmetterla. Ritroveremo la foto appena raggiungeremo la nostra postazione come allegato del messaggio e potremo salvarla o elaborarla come desideriamo.

Come avete letto, non c’è nulla di così complicato. Impariamo a svolgere queste piccolezze e lo smartphone diventerà sempre di più parte “naturalmente” integrante della nostra vita, in attesa della prossima innovazione che lo spazzerà via, ma per questo dovremo attendere qualche anno.

Vincenzo Abate

 

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button