News

Je Suis Charlie, arriva l'app per iOS e Android

Ormai ne stiamo parlando giornalmente, dopotutto un atto come quello che ha messo in ginocchio Parigi non può non essere lasciato passare sotto traccia, anche nel mondo dell’hi-tech da cui arrivano continuamente segnali di vicinanza verso la redazione di Charlie Hebdo colpita dalla furia dei terroristi.

In queste ore l’hashtag #JeSuisCharlie sta dominando l’attenzione del web, soprattutto sui social. Per certi versi, la notizia di oggi fa un po storcere il naso perché sembra che si voglia lucrare approfittando delle tragedie delle persone, quantomeno come ritorno di immagine visto che l’iniziativa si presenta come gratuita. Cercando di non eccedere troppo con la i malizia, prendiamo questa iniziativa come un messaggio di solidarietà e di vicinanza alle persone colpite dalla tragedia. Ecco spuntare fuori l’app per iOS e smartphone Android che permette a tutti gli utenti in possesso di un dispositivo mobile di connettersi all’applicazione Je Suis Charlie per commemorare le vittime.

Grazie all’intervento nientemeno che di Tim Cook, Apple ha inserito questa nuova applicazione nel suo store,  e tutto ciò è avvenuto a tempo di record, proprio per cavalcare l’onda del tormentone “Je Suis Charlie” che è diventata un’espressione che è sinonimo di libertà e di non gettare la spugna nei confronti del terrore. L’app è entrata a far parte dello store in meno di un’ora, a differenza dei soliti 7-8 giorni che i tecnici di Cupertino si prendono per verificare ogni aspetto delle nuove app prese in esame per il lancio.

A cosa “serve” e a chi è indirizzata l’app Je Suis Charlie? Semplicemente l’applicazione consente di agevolare l’incontro delle persone nelle ore successive alla tragedia francese attraverso una mappa in cui tutti gli utenti che la scaricano possono mostrare il proprio supporto alle vittime. Ovviamente l’applicazione si presenta senza pubblicità ed è scaricabile da App Store e Google Play Store gratuitamente, senza alcun fine di lucro.

Vincenzo Abate

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button