Tutorial

Privy Chat, chattare su Facebook senza conferma di lettura

Ne abbiamo parlato diverse volte sul nostro blog, ma sembra che questo “problema” sia destinato a riemergere di tanto in tanto per far parlare di se. Stiamo facendo riferimento alla conferma di lettura dei messaggi sulla chat, un servizio introdotto su Facebook Messenger già da un po di tempo e di recente apparso anche su WhatsApp (la famigerata doppia spunta blu). Quella che a prima vista sembrava una semplice evoluzione della chat stessa, in realtà si è trasformata in un clamoroso disturbo per gli utenti, infastiditi da questa “violazione della privacy”.

Questa doverosa premessa ci serve per introdurre la novità delle ultime ore, ovvero un’applicazione che permette agli utenti indispettiti dalla conferma di lettura dei messaggi di evitarla in maniera definitiva, per poter così esercitare il sacrosanto diritto di far finta di non aver visto un messaggio.

In attesa del prossimo aggiornamento di WhatsApp per iPhone, è stata rilasciata su Google Play Store un’applicazione davvero molto interessante che consente di evitare la conferma di lettura su Facebook Messenger: Privy Chat.

Privy Chat permette di evitare la conferma di lettura sugli smartphone Android, dispositivi in cui le possibilità sono limitate a differenza del PC per aggirare questo fastidio. Ma vediamo in dettaglio come utilizzare Privy Chat su smartphone Android per disattivare le notifiche di lettura messaggio su Facebook Messenger.

Come prima cosa scaricate l’app Privy Chat dopodiché passate all’installazione. Eseguite il login con i dati personali del vostro account Facebook e, quando ricevete un messaggio su Messenger, non rispondere utilizzando l’app ufficiale di Facebook ma aprite la nuova app Privy Chat. In questo modo, potrete rispondere o semplicemente leggere tutti i messaggi ricevuti senza far apparire la conferma di lettura al mittente del messaggio.

Come vedete è molto semplice utilizzare Privy Chat, quindi cosa aspettate?

Vincenzo Abate

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button