News

Ecco WhichApp, il WhatsApp made in Italy

Tutti noi conosciamo bene WhatsApp, la stragrande maggioranza di noi ormai utilizza l’app della società acquistata di recente da Facebook. Inutile dire che il grande successo della chat ha smosso negli ultimi mesi centinaia di milioni di dollari di introiti per le società interessate, con un bacino di utenti che sembra crescere sempre di più. Ora, non sarebbe bello se anche il nostro paese riuscisse a progettare un qualcosa del genere, per dare così anche una mano alla situazione economica del paese nel caso di grande successo?

In questa ottica possiamo vedere WhichApp, una chat tutta italiana. Questa applicazione permette di fare le stesse cose che si possono fare su WhatsApp, e anche qualcosa di più, come per esempio la traduzione simultanea dei messaggi. Il team che lavora al progetto è composto da sette persone, età media 34 anni. L’app è gratis, disponibile su Apple Store e Play Store.

La chat è destinata a crescere in breve tempo: attualmente gli utenti registrati sono oltre i 30 mila. WhichApp è stata anche inserita da Grata Research, una società di analisi statunitense, nella mappa interattiva che monitora e segnala le chat più importanti del mondo, un grande vanto per coloro che hanno creato questa piccola (per ora) risposta tutta italiana a WhatsApp.

Punto di grande importanza è che l’app pone molta attenzione a privacy e sicurezza: quando un utente si registra viene assegnato un codice che può essere condiviso al posto del numero di telefono, tenendo questo segreto. Il sistema delle spunte è presente anche su WhichApp ma con due sole modalità: la spunta gialla indica che il messaggio è stato inviato, quella verde che il messaggio è stato recapitato allo smartphone del destinatario. Quindi non esiste la conferma della lettura come la spunta blu di WhatsApp.

Quella degli studiosi italiani è una sfida forse impossibile da vincere, ma val bene la pena di fare un tentativo vista la qualità di WhichApp.

Vincenzo Abate

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button