Tutorial

Virtualizzare Windows su Mac, ecco come

Siete passati di recente a Mac, siete pienamente soddisfatti e ve ne andate in giro decantando le immense qualità del vostro PC. Tutto bello, tutto perfetto, fin quando non vi capita che, a causa di esigenze di lavoro, siete costretti ad utilizzare un programma che è compatibile solo con il sistema operativo di Microsoft. Cosa fare a quel punto? Dobbiamo lasciare il Mac e tornare ad usare il nostro vecchio PC con quel Windows che avevamo finalmente abbandonato? Niente di tutto questo.

La soluzione migliore per risolvere il vostro problema è quella definita “virtual machine”, ma andiamo con ordine. Le virtual machine sono dei computer virtuali funzionanti all’interno del vero computer sui quali è possibile installare qualsiasi tipo di sistema operativo e programma senza intaccare il sistema reale. In questo modo, sarà possibile utilizzare il sistema operativo di Windows sul Mac senza andare ad intaccare il sistema operativo reale di Apple.

Il modo migliore per virtualizzare Windows su Mac è l’utilizzo del programma VirtualBox. Come prima cosa, collegatevi sul sito di VirtualBox ed effettuate il download cliccando su VirtualBox 4.2.4 for OS X hosts x86/amd64 per scaricare il programma.

Una volta completato il download, aprite il pacchetto VirtualBox.pkg per avviare il processo d’installazione di VirtualBox.

Dopo aver portato a termine l’installazione, avviate il programma dalla cartella Applicazioni di OS X e cliccate sul pulsante Nuova per avviare la creazione di una nuova macchina virtuale. Nella finestra che si apre, selezionate la versione di Windows che volete virtualizzare dal menu a tendina Versione, digitate il nome che volete assegnare alla virtual machine nel campo Nome e clicchiamo su Continua per proseguire nella procedura.

A questo punto, impostate il quantitativo di RAM da riservare alla macchina virtuale e cliccate su Continua. Cliccate sulla voce Crea subito un disco fisso virtuale e poi su Crea per avviare la creazione di un nuovo hard disk virtuale su cui installare Windows.

Confermate l’utilizzo del formato VDI di VirtualBox e cliccate su Continua per andare avanti, dopodiché spuntate la voce Allocato dinamicamente per fare in modo che l’hard disk virtuale occupi spazio sull’hard disk reale del Mac solo quando necessario. Poi cliccate su Continua per stabilire le dimensioni del disco.

Ora potete avviare la virtual machine per installarci sopra la copia di Windows da virtualizzare. Ecco cosa dovete fare: installate Windows sulla vostra virtual machine utilizzando un file immagine ISO, e per farlo selezionate la macchina virtuale dalla schermata principale di VirtualBox e cliccate su Impostazioni. Andate poi nella scheda Archiviazione, cliccate sull’icona del CD con scritto Vuoto accanto e sceglite il file ISO da usare per l’installazione di Windows selezionando prima l’icona del CD collocata sulla destra e poi la voce Scegli un file di disco CD/DVD virtuale… dal menu che compare. Alla fine, cliccate su OK per salvare le impostazioni.

Come ultima cosa dovete avviare la vostra virtual machine cliccando sul suo nome nella schermata principale di VirtualBox, ed eseguire l’installazione di Windows. Al termine dell’operazione, potrete eseguire Windows sul vostro Mac avviando VirtualBox e cliccando sul nome della macchina virtuale su cui avete installato il sistema operativo Microsoft.

Vincenzo Abate

 

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button