DominiHosting

Nuove estensioni TLD, grande impatto sul mercato dei domini

Negli ultimi tempi, gli analisti si sono preoccupati di trovare la risposta ad un quesito di basilare importanza nel settore domini, e cioè quale sarebbe stata la capacità delle estensioni TLD e delle gTLD di resistere all’arrivo sul mercato dei cosiddetti “nuovi arrivati”. 

Come poter trovare, quindi, una risposta soddisfacente a questa domanda? Innanzitutto, bisogna scoprire come gli gTLD e i ccTLD si stiano difendendo di fronte all’avanzata degli nTLD (ovvero le nuove estensioni a dominio) rilasciate dall’ICANN nei mesi scorsi. Per farlo dobbiamo analizzare il mercato e calcolare le crescite nette di ciascuna categoria a partire da marzo (due mesi dopo l’entrata in vigore delle nTLD) fino allo scorso settembre.

E’ stata Afnic a svolgere questo lavoro di analisi, attuando un procedimento di valutazione delle vendite nette in percentuale per ognuna delle categorie di estensione. Vediamo in dettaglio:

  • nTLD: le nuove estensioni domini rese disponibili dall’ICANN a partire dall’inizio del 2014. Attualmente sono disponibili ben 431 nTLD, ma a fine settembre erano 408, come rilevato da Afnic stesso
  • gTLD: note anche come legacy TLD sono 18, tutte create dalla fine del 1985 fino al 2011. Questa categoria include le estensioni più note, come ad esempio il .com
  • ccTLD: domini di primo livello con Country Code, usati per identificare la nazione a cui si rivolgono i domini registrati

Secondo la valutazione stilata da Afnic, la totalità dei ccTLD rappresenta circa il 44.5 percento dei domini registrati a fine settembre 2014, mentre i gTLD rappresentano circa il 54.5 percento e gli nTLD rappresentano solo l’1 percento.

Osservando le statistiche dettagliate fornite da Afnic, balza all’occhio come i ccTLD siano passati dal 10 percento al 27 percento, mentre gli nTLD dal 15 al 35 percento. A farne le spese sono i gTLD che vedono diminuire il loro contributo alla crescita del mercato domini dal 74 percento al 38 percento, un vero e proprio crollo dovuto all’erosione di quote da parte degli nTLD e dei ccTLD.

Secondo Afnic, il fenomeno si può spiegare con la massiccia introduzione sul mercato domini delle nuove estensioni nTLD, a volte offerte anche con particolari e vantaggiosi piani promozionali.

Vi ricordiamo che Keliweb fornisce la possibilità di usufruire di qualunque tipo di estensione, con un servizio basato sulla massima qualità. Non perdete l’occasione, affrettatevi a registrare il vostro dominio con Keliweb, cliccate qui.

Vincenzo Abate

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button

Domini internet con gestione DNS inclusa

Registra ora