News

Photomath: l’app che permette di risolvere problemi di matematica con lo smartphone

Esultate ragazzi che ogni giorno vi scervellate perché il vostro professore vi da compiti di matematica a prima visti proibitivi, la tecnologia corre in vostro aiuto donandovi uno strumento che può fare la differenza fornendo un sostegno di valore eccelso. Stiamo parlando dell’app Photomath.

PhotoMath è un’app Android che arriverà presto su Android, rivoluzionando il modo in cui gli studenti si approcciano alla matematica, nello specifico ai problemi da risolvere. Quello che può fare Photomath non è mai stato fatto da nessuna calcolatrice, nemmeno la più sofisticata.

In questa prima versione l’app è in grado di risolvere facilmente equazioni lineari semplici, potenze e radici, frazioni e decimali, o espressioni aritmetiche. Oltre a fornire la soluzione è possibile visualizzare l’intera procedura per arrivare alla soluzione trovata. Non manca l’integrazione con i filtri della fotocamera e supporto alla Live Tile. Ovviamente si tratta di un’app di base, l’app non permette di risolvere equazioni un minimo più complesse. Ma è già un primo, grande passo.

Usare l’app è estremamente facile: basta scattare una foto con la fotocamera dello smartphone, per la scansione di problemi di matematica direttamente da un libro di testo. Non ci sarà nemmeno bisogno di premere un pulsante, basterà porre la fotocamera davanti alla traccia del problema e l’applicazione vi farà apparire la risposta giusta sullo schermo. Come detto già in precedenza, l’app non vi mostrerà solo il risultato finale del problema ma l’intero procedimento. In questo modo lo studente potrà osservare e imparare per bene come effettuare l’operazione.

Non mancano le discussioni intorno a questa app, visto che alcuni studenti un po furbetti potrebbero sfruttarla solo per “barare” senza cercare di apprendere dai dati forniti da Photomath, ma questo non è di certo un problema dell’app ma solo di educazione civica, tutt’altra cosa.

Vincenzo Abate

 

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button