News

Il Primo Ministro della Finlandia si scaglia contro Apple

Clamoroso attacco di Alexander Stubb, Primo Ministro della Finlandia che si scaglia con forza contro Apple, responsabile a suo dire del calo dell’economia finlandese. L’azienda fondata da Steve Jobs è ormai abituata alle continua critiche che giungono dalla concorrenza, che tenta così di screditarla agli occhi del pubblico mondiale, ed anche da coloro che detestano i prodotti della mela morsicata a prescindere in nome di una fedeltà cieca verso altre società. Stavolta, però, l’attacco non può essere lasciato passare sotto traccia visto che giunge da una personalità di una certa importanza.

“L’iPhone ha ucciso Nokia e l’iPad ha ucciso l’industria della carta, ma faremo una rimonta”, sono le parole pronunciate dal Primo Ministro  che accusa Apple di aver ucciso l’economia del paese. Il tutto è successo in questi giorni, quando il Primo Ministro finlandese è intervenuto a CNBC, celebre rete televisiva che si occupa di economia e business. Le parole di Stubb arrivano in seguito alla notizia che annuncia il declassamento del rating della Finlandia da parte di Standard & Poor e che porta così il Paese ad essere uno dei più deboli dell’Europa settentrionale. L’accusa a Apple è quindi molto grave, aver messo ko l’economia di un intero paese con i propri prodotti.

Inutile negarlo: prima dell’arrivo degli iPhone di Steve Jobs il marchio Nokia dominava incontrastato il mercato mondiale della telefonia mobile. Apple ha sicuramente fatto perdere diversi punti a Nokia che non è più riuscita a mantenere il passo del colosso di Cupertino, così come successo anche per Motorola e BlackBerry. La crisi di Nokia, che è stata acquistata da Microsoft lo scorso aprile, ha portato diversi tagli al personale, eliminando migliaia di posti di lavoro proprio in Finlandia.

Un attacco frontale che non può passare inosservato, attendiamo una risposta a queste accuse da parte dei vertici di Apple, azienda colpevole di avere troppo successo.

Vincenzo Abate

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button