News

Apple Pay, partenza col botto: oltre 1 milione di carte registrate in poche ore

In un’intervista rilasciata durante la conferenza d’apertura del Wall Street Journal Digital, Tim Cook ha parlato a ruota libera di tutto l’universo della Mela, soffermandosi in particolare su Apple Pay, il nuovo sistema di pagamenti rapido tramite NFC e Touch ID svelato alla presentazione dei nuovi iPhone.

I primi dati forniti proprio dall’amministratore delegato denotano l’ottima partenza di questo servizio: Apple ha registrato 1 milione di attivazioni di schede di pagamento nelle prime 72 ore di disponibilità del servizio. Per ora il servizio è attivo solo negli Stati Uniti, ma la partenza è stata “fantastica” a detta di Cook. I più celeri ad abbracciare il servizio sono stati i clienti di MasterCard e VISA.

Risultati assolutamente incoraggianti che, secondo Cook, sono dovuti al fatto che Apple garantisce un sistema di pagamenti facile, sicuro e privato. Apple Pay però non ha la strada spianata. Alcuni commercianti hanno deciso di non adottare Apple Pay e impedire ai clienti di usare l’NFC per pagare beni e servizi. Tra le aziende coinvolte troviamo nomi del calibro di Wal-Mart, Best Buy, Rite Aid e CVS. Un modo per mettere i bastoni tra le ruote del colosso di Cupertino che però fa spallucce ed affida ancora a Cook l’onere di rispondere agli attacchi che giungono dalla concorrenza: “È una scaramuccia, questo è il nostro modo di vedere la situazione. Penso che sul lungo periodo i rivenditori faranno un passo indietro. I commercianti hanno obiettivi differenti a volte, ma sei rilevante solo se i clienti ti amano”. Sarà interessante stare a vedere in che modo si evolverà la situazione. Aspettiamo il momento in cui Apple Pay arriverà in Italia per vedere in che modo sarà accolto.

Vincenzo Abate

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button