News

Infografica sulle differenze di acquisto tra uomo e donna

Com’è noto fare acquisti può essere una vera e propria passione più che una necessità.
Quando ci sono le risorse economiche per farlo, in tanti cedono nel regalarsi qualcosa, libro, cd o viaggio che sia.
Ma come funziona lo shopping tra uomini e donne, quali sono oggi le vere differenze?
A dare qualche risposta ci pensa la
Coop Online, autrice di un’analisi comportamentale dedicata proprio al confronto tra gli acquisti maschili e femminili.
Basata sullo studio
Impact of gender on consumer purchase behaviour pubblicato dalla Amity University, l’azienda esplorato le motivazioni e i fattori che determinano gli acquisti, oltre alle categorie più comprate per genere.
I risultati sono stati disposti in questa infografica.

COOPinfografica

Tra le varie differenze che emergono dallo studio una riguarda gli elementi capaci di influenzare la ricerca e l’impulso all’acquisto.
Per gli uomini infatti contano soprattutto i pareri e le informazioni letti su giornali e riviste specializzate, oltre che siti web, blog e forum.
Per le donne invece l’acquisto è determinato soprattutto dal parere di amici e parenti, oltre che dal rapporto e dal feedback ottenuto dall’addetto alla vendita.
Ad accomunare i due approcci la crescente rilevanza dei social media. Facebook, twitter e altri incidono infatti sul 22% degli uomini e sul 26% delle donne riguardo alle loro compere.

Un luogo comune ribaltato è invece quello che vede le donne impegnate in acquisti più sostanziosi. Secondo l’infografica a fronte dei 135 euro spesi per volta di un uomo, una donna ne spende soltanto 95, anche se il tempo medio del suo acquisto è più lungo (14 minuti contro i 10 degli uomini).
Viene invece confermata la passione maschile per le tecnologie.
Il 76% degli uomini si dichiara dedito ad acquisti informatici, il 44% interessato ai nuovi prodotti elettronici.
Un campo non riservato agli uomini, come dimostra quel 57% di donne interessate a compere riguardanti il computer.

Tags
Mostra altro

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Back to top button